Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Intelligence and Terrorism Information Center

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Intelligence and Terrorism Information Center
Descrizione generale
Attiva2001 - oggi[1]
NazioneIsraele Israele
TipoServizio segreto
Ruoloraccolta di informazioni
Dimensione1.200
Guarnigione/QGTel-Aviv
Sito internethttp://www.intelligence.org.il/
Parte di
Comandanti
Comandante attualeEphraim Halevi (ex capo del Mossad)[1]
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

L'Intelligence and Terrorism Information Center (in ebraico: המרכז למורשת (acronimo in ebraico Malam), "Centro per l'informazione su intelligence e terrorismo"), noto anche come Meir Amit Intelligence and Terrorism Information Center in onore di Meir Amit, è una agenzia di intelligence formalmente privata che opera nello Stato di Israele[2]; la sua attività si è sviluppata principalmente attorno ai terroristi suicidi e nella lotta al terrorismo di matrice islamica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 2001, ha strettissimi legami con la comunità dei servizi informativi israeliani, pur essendo una Organizzazione non governativa[3] dedicata alla memoria dei caduti dell'intelligence israeliana.

Operatività[modifica | modifica wikitesto]

Il Malam redige resoconti settimanali su un certo numero di soggetti, compresi Hamas, nazioni ostili ad Israele come l'Iran, l'Autorità Nazionale Palestinese, e varie altre organizzazioni nazionali ed estere[2]. Parte di questi rapporti vengono pubblicati sul sito ufficiale dell'agenzia. Poche informazioni sull'organizzazione sono disponibili, eccetto quelle riconducibili in un modo o nell'altro a fonti israeliane.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b An intelligence think-tank - JPost - Middle East.
  2. ^ a b Jerusalem Post - An intelligence think-tank, su jpost.com. URL consultato il 2 giu 2010.
  3. ^ SpinProfiles.org - Intelligence and Terrorism Information Center [collegamento interrotto], su spinprofiles.org. URL consultato il 2 giu 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]