Incel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il termine inglese incel (AFI: [ˈɪnsɛl]) è un neologismo della cultura di Internet, originato dall'unione dei due vocaboli inglesi involuntary e celibate. Questo termine è traducibile in italiano come «celibe involontario»; una persona che si autodefinisce incel non riesce a trovare un partner sessuale, nonostante ne desideri uno, in quanto ritiene d'essere rifiutata perché non attraente.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine incel comparve per la prima volta negli anni novanta, in concomitanza con lo sviluppo di Internet e dei primi forum in linea: fu coniato da una studentessa canadese bisessuale, nota sul web con il soprannome di «Alana», che creò un sito dedicato ai celibi involontari utilizzando il termine incel.[2][3]

Di per se il termine incel sta ad indicare chiunque che non per scelta sua non riesce a trovare un partner sessuale, e quindi nella sua accezione più estesa tale termine non ha nessuna connotazione politica o ideologica.[4]

Tuttavia tale termine è usato principalmente da un gruppo di uomini eterosessuali, che frequentano appositi forum online (principalmente anglofoni e italiani), che hanno difficoltà nelle relazioni con le donne e che in genere incolpano la società e le donne stesse per questo.[5][6][7]

Questo termine ha iniziato a ricevere notorietà a partire dall'anno 2018, in particolare dopo l'attentato di Toronto del 23 aprile 2018.[8]

Teoria LMS e Teoria RedPill[modifica | modifica wikitesto]

Gli incel che frequentano gli appositi forum online, si rifanno principalmente a due teorie, la Teoria LMS per i rapporti interpersonali e la Teoria RedPill per quanto riguarda la visione generalizzata del mondo.

La Teoria LMS (Look, Money, Status)[modifica | modifica wikitesto]

Secondo questa teoria, l'attrazione romantica e/o sessuale tra uomini e donne non deriverebbe da caratteristiche come l'affinità caratteriale, le buone maniere, l'educazione, un comportamento assertivo (nella cultura popolare comunemente noto come «saperci fare») o il gusto personale nella scelta del partner ma, piuttosto, i principali fattori che stabiliscono se si avrà o no successo relazionale, sarebbero prevalentemente la bellezza fisica (correlata all'attrattività fisica), la ricchezza in termini di disponibilità di denaro e lo status, ovverosia la fama sociale di cui un determinato individuo può fregiarsi nell'ambiente in cui vive.[9]

La teoria LMS propugna l'idea che la bellezza sia tendenzialmente definibile attraverso indagini statistiche, inter-soggettivamente (alcuni caratteri fisici sarebbero preferiti nella ricerca del partner ideale) e, in tal senso, valutabile su una scala da 0 a 10.[10]

Rifacendosi alla psicologia evolutiva[11], gli aderenti alla teoria LMS criticano il senso del sentimento d'amore (soprattutto rispetto alla sua connotazione nella psicologia popolare), ritenendolo piuttosto rappresentabile come un evento chimico dell'organismo umano, finalizzato al proseguimento della specie.[12]

Questa filosofia potrebbe considerarsi in linea con alcune interpretazioni circa la natura della mente[13] e degli stati o eventi mentali.

I sostenitori della teoria LMS ritengono che l'instaurarsi o il proseguire di una relazione sentimentale sia, nella maggior parte dei casi, il risultato di una media ponderata tra i fattori di bellezza, denaro e fama sociale. Se il risultato della media di questi fattori è insufficiente, l'individuo è respinto in fase di corteggiamento oppure, se ha già una relazione, viene abbandonato per una persona con valore LMS superiore.[14]

Essi ritengono che l'autorevolezza di questa ipotesi sia supportata da fatti osservabili nel quotidiano e/o da una serie di ricerche scientifiche già pubblicate (ad esempio "Driving a hard bargain: sex ratio and male marriage success in a historical US population"[15]) in riviste o siti specializzati, a cui avrebbero fatto riferimento anche altri tipi di testate giornalistiche.[16][17]

La teoria LMS costituisce una sottoteoria della teoria RedPill.

La Teoria RedPill[modifica | modifica wikitesto]

È una visione delle dinamiche sociali che si basa sul fatto che uomini e donne sono differenti dal punto di vista biologico e hanno differenti criteri di selezione sessuale. Ciò causerebbe, secondo gli aderenti all'ideologia RedPill, un'enorme sproporzione di opportunità che vede le seconde nettamente avvantaggiate in ambito relazionale rispetto ai primi.[18]

Chi crede nella teoria RedPill viene definito "redpillato".[18] Molti incel si definiscono redpillati. I termini incel e redpillato non sono tuttavia sinonimi.[4]

La maggior parte dei redpillati non è infatti incel, così come la maggior parte degli incel non è redpillata.[4]

Teoria RedPill e politica[modifica | modifica wikitesto]

Parte importante di questa subcultura è la critica verso la società occidentale attuale, con particolare avversione nei riguardi della liberazione sessuale, avvenuta intorno al 1968, la quale, secondo gli aderenti a questa ideologia, avrebbe avvantaggiato la totalità della popolazione femminile e una minoranza di quella maschile a discapito della maggior parte della popolazione maschile. Ciò sarebbe dovuto al fatto che le donne, essendo per biologia molto più selettive degli uomini e detenendo de facto il potere sessuale, deciderebbero di avere rapporti sessuali prevalentemente con gli uomini con il LMS più alto, scartando gli uomini con il LMS più basso. Questo fenomeno nelle comunità incel è noto come «ipergamia femminile».[19][20][21]

Grafico di rappresentazione della distribuzione delle relazioni sessuali prima e dopo la liberazione sessuale secondo gli aderenti alla teoria RedPill.

Prima della liberazione sessuale, invece, siccome la società era improntata sulla monogamia e un uomo poteva avere solamente una singola donna (e viceversa), la sessualità poteva dirsi "più equilibrata", sempre secondo gli aderenti a questa subcultura. Almeno considerando che le donne erano distribuite equamente tra la popolazione maschile (contrastando la presunta spinta biologica femminile nel concedersi solamente ai "maschi alfa"), per cui anche gli uomini con un basso LMS avevano possibilità di avere un partner.[22][23][24][25]

Con il liberarsi della società, le donne hanno avuto progressivamente accesso, secondo la teoria RedPill, allo stesso ristretto gruppo di uomini con LMS elevato. Verrebbe quindi a crearsi uno specifico insieme di maschi eterosessuali —gli incel appunto, generalmente con LMS basso— che sono impossibilitati dall'avere una vita sessuale regolare.[26][27]

I seguaci della teoria RedPill ritengono che l'espressione della propria sessualità e le possibilità di una vita sessuale ed affettiva siano fondamentali per il benessere psicofisico degli individui, rifacendosi alla piramide di Maslow che indica la sessualità come bisogno fisiologico, per sostenere che gli incel essendo privati per il loro basso valore LMS di essa, costituiscano a tutti gli effetti una categoria oppressa, ostracizzata e non riconosciuta da parte della società.[28][29] Pertanto essi ritengono che tali temi debbano essere sottoposti al pubblico dibattito.

Nelle loro pagine o forum online, talvolta vengono avanzate delle possibili "soluzioni": ad esempio si afferma che per risolvere lo squilibrio causato dopo il Sessantotto sia necessario l'intervento statale con la legalizzazione della prostituzione e, in Italia, con l'abrogazione della legge Merlin; o in alternativa, il ritorno ad una società patriarcale in cui tutti gli uomini abbiano il diritto di avere una donna.

Tuttavia, tali contenuti, sono solamente degli ideali regolativi, delle utopie volte a saggiare l'efficacia di un'idea o di un paradigma concettuale.

L'obiettivo "politico" di coloro che sono sia incel e allo stesso tempo anche redpillati, rimane esclusivamente quello di sollevare questo tema davanti all'opinione pubblica.[30]

I seguaci della teoria RedPill sostengono inoltre che i bassi tassi di natalità dagli anni Duemila nei paesi occidentali, non siano da attribuirsi alla crisi economica (come sostenuto dai mass media), bensì al fatto che gli incel non avendo più la possibilità di avere una donna siano stati estromessi dalla catena riproduttiva. A sostegno di questa tesi, portano l'esempio di come nei paesi più poveri del mondo dove non si è sviluppato il femminismo, il tasso di natalità sia nettamente superiore rispetto ai paesi occidentali.[31]

Teoria RedPill e scienza[modifica | modifica wikitesto]

Gli aderenti all'ideologia RedPill si rifanno spesso a teorie e studi che hanno ottenuto credito presso la comunità scientifica. La maggiore selettività femminile è ad esempio spiegata dalla teoria dell'investimento parentale sviluppata da Trivers nel 1972 e poi confermata da diversi studi. L'ultimo di questi, risalente al 2019, mostra come sulla app di incontri Tinder gli uomini mettano il like alla maggior parte delle donne, mentre le donne mettano il like solo alla minoranza degli uomini. Il medesimo studio mostra come gli uomini con lo status più elevato ottengano un maggior numero di like.[32]

Un altro studio riguardante l'app Tinder, ha inoltre dimostrato che le donne di "bellezza media" ricevano un numero di like 15 volte maggiore rispetto agli uomini mediamente attrattivi.[33]

Teoria RedPill e letteratura[modifica | modifica wikitesto]

I seguaci della teoria RedPill mantengono un approccio di bendisposizione nei riguardi della letteratura - che utilizzano in maniera selettiva per avvalorare la tesi della teoria LMS, da essi concettualizzata come una verità già nota a esponenti di spicco del passato.[34]

Pur non esistendo esponenti di una "corrente di pensiero RedPill" nella letteratura contemporanea, i seguaci della teoria RedPill si rifanno a diversi scrittori e pensatori del passato in maniera eterogenea: tra i più ricorrenti Aristotele, Friedrich Nietzsche, Oswald Spengler, Otto Weininger, Giacomo Leopardi (di cui adottano il pessimismo cosmico), Karl Marx (le cui trattazioni del testo Il Capitale sono riadattate al valore LMS), Cesare Pavese (specie la sua opera Il mestiere di vivere).[35]

Teoria RedPill e relazione con la psicologia[modifica | modifica wikitesto]

La teoria della RedPill e i suoi seguaci sono particolarmente critici altresì nei confronti della psicologia moderna - in particolar modo per ciò che riguarda la psicologia sociale che si prefigge di risolvere i problemi di coloro che si autodefiniscono incel proponendone il miglioramento personale.[36]

Gli incel generalmente contestano una sovversione del rapporto causa-effetto nell'analisi psicanalitica delle loro problematiche (ovvero la loro condizione di infelicità come conseguenza di fattori esterni e non modificabili volontariamente nel breve termine - ossia solitamente status socioeconomico e bellezza fisica determinata dalla genetica) - assumendo una visione fatalista, ritenendosi oppressi e pertanto vittime di una società sbilanciata.[37]

Gli incel solitamente ritengono che la psicanalisi contemporanea abbia funzione meramente palliativa - poiché gli squilibri nelle relazioni interpersonali nella società moderna sono tali che chi si ritiene incel a causa del proprio basso valore LMS - qualora si rivolgesse a uno psicoterapeuta otterrebbe soltanto consigli su un cambiamento attitudinale, ossia, secondo la Teoria RedPill una regressione alla forma mentis BluePill, precedente alla presa di consapevolezza della Teoria LMS stessa, che per chi si definisce incel è dogmatica.[38][39]

Teoria RedPill e omosessualità[modifica | modifica wikitesto]

Secondo gli aderenti alla teoria RedPill l'omosessualità è differenziata nettamente sulla base del genere: l'omosessualità maschile è vista come condizione innata, naturale diversificazione dell'orientamento sessuale; inoltre è considerata come un sistema parallelo, dove la minoranza di appartenenti comporta una richiesta di valore LMS minore e quindi una situazione di vantaggio indiretto per l'instaurazione di relazioni a breve termine.[40]

Al contrario, la visione sul lesbismo ricalca quella di fine Ottocento, in particolare secondo la teoria RedPill, non esisterebbe davvero una condizione autentica di omosessualità femminile. Gli atti omosessuali tra donne sarebbero quindi soltanto degenerazione, oppure un ripiego per l'incapacità di intrattenere relazioni con uomini con valore LMS abbastanza alto da soddisfarle.[41]

Terminologia[modifica | modifica wikitesto]

Nella sottocultura RedPill vi sono parecchi nomi in codice che hanno dei significati particolari.[42][43][44]

Di seguito si riportano alcuni tra i più ricorrenti:

Termine Significato
Chad È la rappresentazione archetipica del cosiddetto maschio alfa, caratterizzato da un bel viso, con mandibola prominente, fisico possente e di grande successo con le donne.
Normie È la rappresentazione archetipica della persona comune. Il termine ha una connotazione dispregiativa in quanto si ritiene che una persona di aspetto medio non abbia capacità di capire che i suoi successi in campo sentimentale siano frutto di fortuna e non di capacità intrinseche.
Betabuxx Termine dispregiativo, utilizzato per definire quegli uomini in genere con un aspetto sotto la media e che otterrebbero relazioni con il genere femminile soltanto provvedendo al sostentamento economico delle partner. Il termine è mutuato dall'espressione del gergo statunitense Alpha fucks, Beta bucks (letteralmente "L'alfa fotte, il beta paga", il cui significato sarebbe "Gli alfa hanno rapporti sessuali senza difficoltà, i beta devono impiegare i loro soldi").
Cuck Termine con connotazione dispregiativa derivante dal diminutivo di cuckold. Il termine indica chi, secondo la teoria Redpill è troppo compiacente nei confronti del genere femminile, ad esempio per riuscire a ottenere una relazione e quindi è visto come poco virile e destinato a essere tradito.
Stacy È la rappresentazione archetipica della ragazza più avvenente della media e iperselettiva.
Becky È la rappresentazione archetipica della ragazza poco appariscente e dal modo di fare modesto.
Mentalcel Così viene definito chi si ritrova involontariamente celibe a causa di veri o presunti disturbi mentali.
Volcel Così viene definito in senso spesso dispregiativo colui che sceglie deliberatamente di non intrattenere relazioni sentimentali.
Fakecel Così viene definito chi si spaccia per incel all'interno delle comunità online senza esserlo veramente; il termine ha connotazione dispregiativa.
Bluepilled Semitradotto come «bluepillato» o «blupillato» in italiano, sta a indicare chiunque non aderisca all'ideologia della teoria LMS.

Per quanto riguarda il gergo della comunità italofona, vi è il «BV», abbreviazione di «Brutto Vero», ossia colui che vede le possibilità relazionali seriamente compromesse —a detta di questa subcultura— per il suo scarso valore estetico.

Looksmaxing[modifica | modifica wikitesto]

Nei forum degli incel il termine "looksmaxing" (inglese e gergale, traducibile pressappoco come "ottimizzazione dell'aspetto") indica un insieme di pratiche eterogenee che hanno lo scopo di aumentare la propria bellezza fisica che, secondo la teoria LMS, è uno dei più importanti fattori per attrarre il sesso opposto. Infatti, secondo la suddetta teoria, alcune prerogative per essere un uomo esteticamente attraente sono la mandibola e la mascella prominenti, le giuste proporzioni del contorno del viso, uno sguardo mascolino (caratterizzato da occhi lunghi e stretti, con inclinazione dei canthus neutra) e l'alta statura. Le pratiche trattate dal looksmaxing cominciano dalla semplice cura del corpo, dei capelli e del vestiario e proseguono con l'allenamento in palestra per diventare più muscolosi soprattutto nelle spalle e nel collo. Infine il looksmaxing riguarda una serie di chirurgie estetiche o maxillo-facciali per diventare più attraenti; tra le più citate vi è la cantoplastica, l'impianto di protesi al mento, mandibola o zigomi, la rinoplastica e le osteotomie per far avanzare frontalmente le mascelle.[45][46][47]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Discorsi di incitazione all'odio[modifica | modifica wikitesto]

La comunità incel di Reddit che era presente nel subreddit /r/incels venne chiusa dal sito stesso il 7 novembre 2017, per aver violato le politiche sui discorsi di incitamento all'odio. All'epoca della chiusura, la comunità contava circa 42.000 membri.[48]

In seguito le comunità incel statunitensi si spostarono su piattaforme con policy per i post più permissive, come 4chan.[49]

Uno studio condotto da diversi ricercatori, tra cui alcuni dell'Università di Psicolinguistica e Linguistica Computazionale di Anversa, analizzando i contenuti del forum incels.co, ha riscontrato come questi siti possano dar luogo a fenomeni di camera d'eco, cosicché, se una persona sta vivendo un moderato momento di disagio, frequentando le comunità incel potrebbe peggiorare la propria condizione psichica. Il software automatico adoperato dai ricercatori ha dimostrato come nel suddetto forum vi sia la ricorrenza di determinati termini assimilabili ai discorsi d'odio, individuabili in maniera automatizzata nel 95% dei casi.[50]

Disturbi di personalità associati[modifica | modifica wikitesto]

Da una serie di interviste condotte da due docenti dell'Università della Georgia è emerso che coloro che si autodefinivano incel avevano un'alta probabilità di sentirsi arrabbiati, frustrati e/o depressi, indipendentemente dalla vera o presunta incapacità di instaurare relazioni.[51]

Terrorismo correlato al mondo incel[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Massacro di Isla Vista, Sparatoria all'Umpqua Community College e Attentato di Toronto del 23 aprile 2018.

La cronaca mondiale riporta casi di incel che hanno generato attentati terroristici in tempi recenti:

  • 23 maggio 2014: Elliot Rodger, un ragazzo di 22 anni, uccise 6 persone e ne ferì 14 a Isla Vista in California per poi suicidarsi. Prima di compiere l'attentato scrisse e pubblicò online un lungo manifesto in cui espresse la sua rabbia e depressione per non aver mai dato ancora il suo primo bacio e per essere sempre stato rifiutato dalle donne.[52][53][54]
  • 1º ottobre 2015: Chris Harper-Mercer, un ragazzo di 26 anni, uccise 9 persone e ne ferì 8 in una sparatoria nell'Umpqua Community College a Roseburg in Oregon per poi suicidarsi. Prima di farlo pubblicò online un manifesto in cui espresse la sua depressione per essere vergine e non aver mai avuto una ragazza ed elogiò alcuni mass shooters statunitensi e in particolar modo Elliot Rodger.[55][56][57]
  • 23 aprile 2018: Alek Minassian, un cittadino canadese di origini armene di 25 anni, si lanciò con un furgone contro la folla della città di Toronto uccidendo 10 persone e ferendone 16 per poi essere arrestato. Poco prima di compiere il gesto scrisse un post sul suo profilo di Facebook in cui inneggiava alla ribellione degli incel ed elogiava Elliot Rodger.[58][59][60]
  • 22 luglio 2018: Faisal Hussain, un uomo di 29 anni, uccise 2 persone e ne ferì altre 13 in una sparatoria a Toronto per poi suicidarsi. I parenti di Hussain hanno riferito che il giorno prima della strage hanno avuto una discussione con lui e gli avevano detto di trovarsi una moglie. Tale conversazione, secondo i suoi parenti, sconvolse Hussain. Successivamente la polizia dichiarò che Hussain fece delle ricerche su Alek Minassian e che nel suo cellulare è stata trovata una copia del manifesto di Elliot Rodger.[61][62][63]
  • 2 novembre 2018: Scott Beierle, un uomo statunitense di 40 anni, uccise 2 persone e ne ferì altre 4 in una sparatoria in uno studio yoga di Tallahassee in Florida per poi suicidarsi. In precedenza, aveva pubblicato diversi video online in cui si definiva incel e in cui esprimeva la sua rabbia per non avere una donna e per i suoi rifiuti che sosteneva di ricevere da loro.[64][65][66][67][68]
  • 24 febbraio 2020: Un ragazzo di 17 anni colpisce mortalmente con un machete una donna e ferisce altre due persone in un centro massaggi a Toronto. L'identità del ragazzo non viene rivelata in quanto minorenne e la polizia classificherà il caso come terrorismo correlato al movimento incel.[69][70][71][72][73]
  • 27 marzo 2020: Anwar Said Driouich, un ragazzo di 22 anni, è stato arrestato per aver acquistato online del materiale esplosivo e aver pianificato di fare un attentato nel Regno Unito per vendicarsi di essere vergine. In seguito la polizia scoprì dalla cronologia del suo computer che era un frequentatore di un noto forum di incel.[74][75]
  • 20 maggio 2020: Armando Hernandez Jr, un ragazzo di 20 anni, ferisce tre persone in una sparatoria a Glendale in Arizona per poi essere arrestato. Nei giorni seguenti dirà agli agenti di essere un incel che ha agito per vendetta per essere rifiutato dalle donne e che il suo obiettivo erano le coppie di fidanzati.[76][77][78]
  • 2 giugno 2020: Cole Carini, un ragazzo di 23 anni della Virginia, è stato accusato di aver rilasciato dichiarazioni false dopo aver affermato che la perdita delle sue mani sono state causate da un incidente con un tosaerba. La polizia ha dichiarato che Carini è stato invece ferito mentre cercava di costruire una bomba e che nel suo appartamento è stata trovata una lettera in cui sosteneva di voler colpire le cheerleaders e faceva un riferimento a Elliot Rodger.[79][80][81][82]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gianluca Mezzofiore, The Toronto suspect apparently posted about an 'incel rebellion.' Here's what that means, in CNN. URL consultato il 16 luglio 2018.
  2. ^ (EN) The Woman Who Accidentally Started the Incel Movement, in ELLE, 1º marzo 2016. URL consultato il 29 giugno 2018.
  3. ^ https://www.theguardian.com/world/2018/apr/25/woman-who-invented-incel-movement-interview-toronto-attack
  4. ^ a b c Incel e Redpillato NON sono Sinonimi, su ilredpillatore.org. URL consultato il 26 maggio 2020.
  5. ^ (EN) Alex Hern, Who are the 'incels' and how do they relate to Toronto van attack?, su The Guardian, 25 aprile 2018. URL consultato il 30 giugno 2018.
  6. ^ Chi sono gli Incel e cosa c'entrano con Toronto, in Lettera43, 26 aprile 2018. URL consultato il 24 maggio 2018.
  7. ^ (EN) Angry young white men, the "incel rebellion" and an age of worldwide reaction, su Salon, 12 maggio 2018. URL consultato il 1º agosto 2020.
  8. ^ (EN) Nomophobia, Incel, Toxic: The 2018 Words of the Year, su WTTW News. URL consultato il 26 maggio 2020.
  9. ^ I brutti che odiano, in Nemo - Nessuno Escluso, 21 maggio 2018. URL consultato il 24 maggio 2018.
  10. ^ La BELLEZZA è Oggettiva o Soggettiva?, su ilredpillatore.org. URL consultato il 9 dicembre 2018.
  11. ^ Storia naturale dell'amore – Sitosophia, in Sitosophia. URL consultato l'8 novembre 2018.
  12. ^ Cos'è l'amore?, su ilredpillatore.org. URL consultato il 29 giugno 2018.
  13. ^ J. J. C. Smart, The Stanford Encyclopedia of Philosophy, Spring 2017, Metaphysics Research Lab, Stanford University, 2017. URL consultato l'8 novembre 2018.
  14. ^ Cosa Attrae le Donne: La Teoria LMS, su ilredpillatore.org. URL consultato l'8 giugno 2018.
  15. ^ (EN) Thomas V. Pollet e Daniel Nettle, Driving a hard bargain: sex ratio and male marriage success in a historical US population, in Biology Letters, vol. 4, n. 1, 23 febbraio 2008, pp. 31–33, DOI:10.1098/rsbl.2007.0543. URL consultato l'11 novembre 2018.
  16. ^ Quanto contano i soldi nella scelta del partner?, in D.it Repubblica. URL consultato l'11 novembre 2018.
  17. ^ (EN) Kate Lorenz, Do pretty people earn more?, su edition.cnn.com, 8 giugno 2005. URL consultato l'11 novembre 2018.
  18. ^ a b Cos'è la Redpill?, su ilredpillatore.org. URL consultato il 26 maggio 2020.
  19. ^ (SV) ”20 procent av männen får nästan allt sex”, su Aftonbladet. URL consultato il 26 maggio 2020.
  20. ^ (EN) A definitive guide to Incels part two: the A-Z incel dictionary, in Tim Squirrell. URL consultato il 1º luglio 2018.
  21. ^ Ipergamia e Poligamia: Cosa Sono e Come Condizionano la tua Vita Sessuale, su ilredpillatore.org. URL consultato il 13 ottobre 2018.
  22. ^ L'Evoluzione dell'Ipergamia aka "Ecco Perché Non Hai Una Ragazza!", su ilredpillatore.org. URL consultato il 24 maggio 2018.
  23. ^ Chi sono gli Incel, in il Tascabile, 31 maggio 2018. URL consultato il 30 giugno 2018.
  24. ^ (EN) Jordan Peterson, Custodian of the Patriarchy. URL consultato l'8 settembre 2018.
  25. ^ Eleonora Lorusso, Il terrorismo degli Incel, i celibi forzati - Panorama, in Panorama, 4 giugno 2018. URL consultato il 10 settembre 2018.
  26. ^ (EN) David Futrelle, The Dark Corners of the Internet that Spawned Ideas Like 'Enforced Monogamy', su Vice, 25 maggio 2018. URL consultato il 4 ottobre 2019.
  27. ^ (EN) Ross Douthat, Opinion | The Redistribution of Sex, in The New York Times, 2 maggio 2018. URL consultato il 4 ottobre 2019.
  28. ^ (EN) Joel Hill, Hope, cope and rope: the sad truth behind the incels movement., su Medium, 17 settembre 2018. URL consultato il 4 ottobre 2019.
  29. ^ Chi Sono gli Incel?Te lo Dice Chi lo è Stato, su ilredpillatore.org. URL consultato il 4 ottobre 2019.
  30. ^ Idee Pratiche per Risolvere i Problemi degli Incel, su ilredpillatore.org. URL consultato il 26 maggio 2020.
  31. ^ Il Femminismo:Analisi di un Cancro Sociale, su ilredpillatore.org. URL consultato il 12 febbraio 2020.
  32. ^ Brecht Neyt, Sarah Vandenbulcke e Stijn Baert, Are men intimidated by highly educated women? Undercover on Tinder, in Economics of Education Review, vol. 73, 1º dicembre 2019, pp. 101914, DOI:10.1016/j.econedurev.2019.101914. URL consultato il 28 dicembre 2019.
  33. ^ arxiv.org, https://arxiv.org/pdf/1607.01952.pdf.
  34. ^ Mister Totalitarismo, Anche Hegel è stato friendzonato, su totalitarismo.blog, 12 maggio 2019. URL consultato il 26 maggio 2020.
  35. ^ Mister Totalitarismo, Cesare Pavese: Italy as Inceldom, su totalitarismo.blog, 28 settembre 2016. URL consultato l'11 maggio 2020.
  36. ^ Ecco Perché Andare dallo Psicologo non ti Serve, su ilredpillatore.org. URL consultato il 26 maggio 2020.
  37. ^ (EN) The Incel Movement, su Psychology Today. URL consultato il 2 ottobre 2019.
  38. ^ Psicologa Cerca di Confutare le Bufale della Redpill, su ilredpillatore.org. URL consultato il 2 ottobre 2019.
  39. ^ Chi sono gli incel e quali bufale sulla sessualità condizionano la loro vita - L'intervista, su Open, 9 settembre 2019. URL consultato il 2 ottobre 2019.
  40. ^ Debbie Ging, Alphas, Betas, and Incels: Theorizing the Masculinities of the Manosphere, in Men and Masculinities, 10 maggio 2017, pp. 1097184X1770640, DOI:10.1177/1097184X17706401. URL consultato il 3 ottobre 2019.
  41. ^ (EN) r/IncelTears - Lesbians do not exist, su reddit. URL consultato il 3 ottobre 2019.
  42. ^ (EN) Allie Conti, Learn to Decode the Secret Language of the Incel Subculture, su Vice, 26 giugno 2018. URL consultato il 26 maggio 2020.
  43. ^ (EN) Rebecca Jennings, Incels Categorize Women by Personal Style and Attractiveness, su Vox, 28 aprile 2018. URL consultato il 3 ottobre 2019.
  44. ^ (EN) A definitive guide to Incels part two: the A-Z incel dictionary, in Tim Squirrell. URL consultato il 1º luglio 2018.
  45. ^ (EN) Jesselyn Cook, Inside Incels' Looksmaxing Obsession: Penis Stretching, Skull Implants And Rage, su HuffPost, 24 luglio 2018. URL consultato il 24 giugno 2019.
  46. ^ Andrea Cuomo, Celibi, vergini, arrabbiati. Quei misogini da tastiera, su il Giornale. URL consultato il 23 maggio 2019.
  47. ^ (EN) Lia Kantrowitz, Allie Conti, Redazione VICE, 'Quanto faccio schifo?' - Il forum dove gli uomini postano loro foto per farsi giudicare, su Vice, 21 giugno 2018. URL consultato il 23 maggio 2019.
  48. ^ (EN) Reddit Bans ‘Incel’ Group for Inciting Violence Against Women. URL consultato il 7 luglio 2018.
  49. ^ (EN) Caitlin Dewey, Incels, 4chan and the Beta Uprising: making sense of one of the Internet’s most-reviled subcultures, su Washington Post. URL consultato il 7 luglio 2018.
  50. ^ Online Hatred of Women in the Incels.me Forum:Linguistic Analysis and Automatic Detection (PDF), su organisms.be.
  51. ^ (EN) Denise Donnelly, Elisabeth Burgess e Sally Anderson, Involuntary celibacy: A life course analysis, in Journal of Sex Research, vol. 38, n. 2, 2001-05, pp. 159–169, DOI:10.1080/00224490109552083. URL consultato il 13 luglio 2018.
  52. ^ «Sono vergine, vi annienterò» E il figlio del regista spara dall’auto, in Corriere della Sera. URL consultato il 24 maggio 2018.
  53. ^ (EN) How rampage killer became misogynist 'hero', 26 aprile 2018. URL consultato il 28 aprile 2019.
  54. ^ (EN) Nicky Woolf, 'PUAhate' and 'ForeverAlone': inside Elliot Rodger's online life, su The Guardian, 30 maggio 2014. URL consultato il 25 luglio 2018.
  55. ^ Rick Anderson, 'Here I am, 26, with no friends, no job, no girlfriend': Shooter's manifesto offers clues to 2015 Oregon college rampage, su latimes.com. URL consultato il 24 maggio 2018.
  56. ^ Caitlin Dewey, Il mondo dei maschi soli su Internet, in Il Post, 9 ottobre 2015. URL consultato il 24 giugno 2018.
  57. ^ (EN) Peter Baker, What Happens to Men Who Can't Have Sex, su ELLE, 29 febbraio 2016. URL consultato il 22 dicembre 2018.
  58. ^ Marta Serafini, Attentato di Toronto, chi è il killer Alek Minassian, in Corriere della Sera. URL consultato il 24 maggio 2018.
  59. ^ Guido Olimpio, Attentato Toronto, la strage di donne: Minassian e gli Incel, in Corriere della Sera. URL consultato il 15 giugno 2018.
  60. ^ Dobbiamo individuare gli “Incel”, quegli sfigati che odiano le donne, in La Stampa. URL consultato il 15 giugno 2018.
  61. ^ (EN) Toronto Danforth mass shooter's long dark obsession with death, violence and 'incel' ideology, su National Post. URL consultato il 29 luglio 2020.
  62. ^ (EN) WARMINGTON: Danforth killer told 'find a wife' prior to shooting spree, su Toronto Sun. URL consultato il 29 luglio 2020.
  63. ^ (EN) Family told killer to “find a wife” on day of Danforth horror, su The South Bayview Bulldog, 21 giugno 2019. URL consultato il 29 luglio 2020.
  64. ^ Guido Olimpio, Scott Beierle, il terrorista misogino che non riusciva ad interagire con le donne, su Corriere della Sera, 11 aprile 2018. URL consultato il 22 dicembre 2018.
  65. ^ (EN) Gunman in Yoga Studio Shooting Recorded Misogynistic Videos and Faced Battery Charges. URL consultato il 4 novembre 2018.
  66. ^ (EN) Florida man who killed two women at yoga studio spoke of "incel" hero Elliot Rodger in online video, in Southern Poverty Law Center. URL consultato il 4 novembre 2018.
  67. ^ (EN) Florida yoga studio shooter was racist rightwing 'incel' who had raged about women online: report, in Raw Story, 3 novembre 2018. URL consultato il 4 novembre 2018.
  68. ^ (EN) Martin Vassolo, Another 'incel' shooter: yoga studio killer wanted to crucify 'American whores', su The Sydney Morning Herald, 3 novembre 2018. URL consultato il 4 novembre 2018.
  69. ^ (EN) Canada police say machete killing was 'incel' terror attack, su the Guardian, 19 maggio 2020. URL consultato il 19 maggio 2020.
  70. ^ (EN) Pilar Melendez, Deadly Attack at Erotic Spa in Toronto Was Reportedly Inspired by Incel Movement, in The Daily Beast, 19 maggio 2020. URL consultato il 19 maggio 2020.
  71. ^ (EN) Toronto SUN, News, Toronto & GTA, cops allege as terror charges laid Tumblr Pinterest Google Plus Reddit LinkedIn Email Share Toronto spa worker's murder committed for incel, Tumblr, Pinterest, Toronto spa worker’s murder committed for incel, cops allege as terror charges laid | Toronto Sun, su torontosun.com, 19 maggio 2020. URL consultato il 19 maggio 2020.
  72. ^ (EN) Threat of ‘incel’ terrorism continues to grow, attract younger followers: experts, su Y108. URL consultato il 19 maggio 2020.
  73. ^ (EN) Deadly attack at Toronto erotic spa was incel terrorism, police allege, su Global News. URL consultato il 19 maggio 2020.
  74. ^ (EN) UK's first 'incel' bomb-maker who moaned about having 'no hope with girls' and wanted to 'massacre this place' is jailed, su The Sun, 27 marzo 2020. URL consultato il 28 marzo 2020.
  75. ^ George Odling Crime, British 'Incel' bomb maker said he wanted to 'massacre this place', su Mail Online, 26 marzo 2020. URL consultato il 28 marzo 2020.
  76. ^ Matthew Wright, Snapchatting gunman, 20, 'self-professed' to being an INCEL, su Mail Online, 22 maggio 2020. URL consultato il 22 maggio 2020.
  77. ^ (EN) Daniel Villarreal On 5/21/20 at 5:40 PM EDT, Westgate shooting suspect was an "incel" who wanted to kill couples, prosecutor alleges, su Newsweek, 21 maggio 2020. URL consultato il 22 maggio 2020.
  78. ^ (EN) Emma Tucker, Arizona Mall Shooter Intended to Target Couples and Identifies as Incel, Prosecutor Says, su The Daily Beast, 21 maggio 2020. URL consultato il 22 maggio 2020.
  79. ^ (EN) Justin Rohrlich, Accused Incel Bombmaker Wrote of Revenge on ‘Hot Cheerleaders’: Feds, in The Daily Beast, 5 giugno 2020. URL consultato il 7 giugno 2020.
  80. ^ (EN) 'Incel bombmaker,' 23, 'blows off his own hand making explosives', su The Sun, 6 giugno 2020. URL consultato il 7 giugno 2020.
  81. ^ (EN) Lee Brown, ‘Incel’ blew off hand making explosives to target ‘hot cheerleaders’: feds, su New York Post, 7 giugno 2020. URL consultato il 7 giugno 2020.
  82. ^ (EN) The Washington Times http://www.washingtontimes.com, ‘Incel’ would-be bomber blew off his own hand, FBI says, su The Washington Times. URL consultato il 7 giugno 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]