Efebofilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'efebofilia (da efebo e philia) è l'interesse sessuale primario di un adulto nei riguardi della medio-tarda adolescenza, generalmente in una fascia d'età compresa tra i 14/15[1][2][3] e i 17/19 anni[4]; il termine era originariamente utilizzato tra la fine del XIX secolo e la metà del XX[4].

Costituisce una delle numerose preferenze concernenti la sessualità inserite nel gruppo rappresentato da tutte le fasce di età e che vengono classificate sotto il termine tecnico di cronofilia. L'efebofilia denota in una modalità rigorosa la preferenza erotica rivolta verso i partner sessuali adolescenti medio-tardivi, non quindi la semplice presenza di un certo grado di attrazione fisica la quale - quest'ultima - può anche rimanere sempre ad un livello ideale e/o anche più o meno inconscio[4].

Negli ambienti della ricerca scientifica vengono usati dei termini specifici per indicare le diverse varietà della cronofilia: oltre quindi all'efebofilia vi è l'ebefilia, per riferirsi alla preferenza sessuale nei confronti di individui appena entrati nella fase della pubertà (12-14 anni); la pedofilia infine per riferirsi all'interesse sessuale primario od esclusivo nei confronti di un bambino in età prepuberale (fino e non oltre agli 11-12 anni)[4][5].

Tuttavia la parola pedofilia viene comunemente e largamente utilizzata in modo errato e confusionario dall'opinione pubblica per far riferimento ad un qualsiasi interesse di tipo sessuale rivolto ai minori che si trovano al di sotto dell'età del consenso legale (stabilita a 14 anni in Italia, ad esempio) o alla maggiore età giuridica (dal 1975 fissata da 21 a 18 anni in Italia) ; questo indipendentemente dal loro livello di sviluppo fisico e/o psicologico[6].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine è una derivazione della lingua greca antica: ἔφηβος (ephebos), variamente definito come

  1. "colui che è giunto alla soglia della pubescenza", o
  2. un giovane diciottenne che ha subito la sua docimasia e che è stato pertanto registrato per la prima volta come cittadino a tutti gli effetti (nell'antica Atene), arrivato quindi ad essere considerato propriamente un uomo (vedi mascolinità);

e φιλία (-philia), ossia amore/affetto[7].

Una tale terminologia è stata utilizzata dallo specialista di psicologia olandese Frits Bernard ancora nel 1950[8] e ristampata un decennio dopo nella rivista di supporto gay intitolata Vriendschap sotto lo pseudonimo di "Victor Servatius"[9], accreditandone l'origine a Magnus Hirschfeld, senza però proporre una data precisa in cui ciò si sarebbe venuto a verificare[10].

La parola fu usata con certezza per la prima volta in lingua francese (éphébophilie) nel testo di Georges Saint-Paul del 1896 intitolato Tares et Poisons: Perversion et Perversité Sexuelles[11].

Il termine è stato poi descritto anche da Félix Buffière - nel 1980[12] - e dall'accademico pakistano Tariq Rahman[13] il quale sosteneva che l'"ephebofilia" dovesse essere usata soprattutto per quanto riguarda l'omosessualità nel descrivere l'interesse estetico ed erotico (vedi omoerotismo e pederastia) degli uomini adulti nei confronti dei ragazzi adolescenti così come viene descritta nella letteratura in lingua persiana, in lingua turca o infine anche in lingua urdu classica.

Il termine è stato inoltre rianimato da Ray Blanchard per indicare gli adulti che preferiscono sessualmente i giovani di età compresa dai 15 ai 19 anni[4].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

I ragazzi (e le ragazze) entrati in età adolescenziale medio-tardiva hanno nella gran generalità dei casi delle caratteristiche fisiche già assai vicine (o, in alcuni casi, identiche) a quelle degli uomini (o delle donne) pienamente adulti, da persone cresciute e maturate. Lo studioso di psichiatria e sessuologia statunitense Fred Berlin afferma che la maggior parte degli uomini può facilmente trovare le persone di questa fascia d'età come sessualmente attraenti, ma che

«ovviamente, questo non significa che agiranno in base ad essa. Alcuni uomini che sono coinvolti con adolescenti potrebbero non avere un particolare disordine: sia le opportunità venutesi a creare sia altri fattori possono aver contribuito al loro comportamento, quindi al modo e alla maniera in cui lo fanno[6]

Anche secondo il sessuologo esperto di psicologia clinica James Cantor

«è molto comune per gli uomini normali essere attratti dai diciottenni o dai ventenni. Non è insolito che una tipica sedicenne sia attraente per molti uomini, ma più giovani sono e sempre meno uomini vengono attratti da quella determinata fascia di età[14]

Come detto l'ephebofilia è usata solo per descrivere la preferenza per i partner sessuali adolescenti medio-tardivi, non la semplice presenza di un certo livello di attrazione sessuale.

Conseguentemente, almeno in generale, la preferenza non viene considerata dallo psicologo come una patologia quando essa non interferisce con altre aree principali della propria vita; non viene quindi elencata "per nome" come un disturbo mentale nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali- 5ª Edizione (DSM- 5) del 2013 - seguendo la Classificazione ICD né tantomeno come una parafilia[15].

Tuttavia, a volte una tale preferenza può venire diagnosticata come un disturbo se questa risulta in disfunzione o associata ad un comportamento di sfruttamento, secondo la specifica 309.2 del DSM, "Parafilia non specificata altrimenti" (com'è a titolo d'esempio la menofilia)[15].

I ricercatori affermano poi che l'etimologia "ebefilia", ovvero l'interesse erotico che si concentra sui giovani poco più che pubescenti, non è mai stato ampiamente utilizzato - neanche tra i professionisti che lavorano nell'ambito del reato a sfondo sessuale - e potrebbe pertanto essere stato confuso con il termine efebofilia, che denota una preferenza per gli adolescenti più grandi[4].

Si è concluso che "pochi vorrebbero etichettare l'interesse erotico verso la fine o anche solo verso la media adolescenza come psicopatologia, quindi il termine "hebephilia" potrebbe essere stato ignorato in egual maniera insieme a quello coevo di "ephebofilia"[4].

Relazione con altre tipologie di attrazione sessuale[modifica | modifica wikitesto]

Efebofilia e pederastia[modifica | modifica wikitesto]

L'efebofilia si riferisce ad una preferenza sessuale per gli adolescenti e può riferirsi a ragazze, ragazzi o ad entrambi, in più l'adulto in questione può essere sia maschio che femmina; laddove invece la pederastia designa specificamente un'attrazione sessuale da parte di un uomo adulto nei riguardi dei ragazzi adolescenti[16][17].

Efebofilia e pedofilia[modifica | modifica wikitesto]

La pedofilia è una preferenza sessuale per il bambino (maschio e/o femmina) fino alla pubertà o in stato di pubertà precoce, ed è classificato come parafilia dall'Organizzazione mondiale della sanità (Classificazione internazionale delle malattie o ICD-10, punto F65.4), vincolata all'Organizzazione delle Nazioni Unite. L'efebofilia (ma anche l'ebefilia) non è invece elencata come "disturbo della sfera sessuale" dall'ONU (vedi ICD-10, articolo F65 - "Disturbi della preferenza sessuale")[18].

È importante notare poi che la classificazione internazionale delle malattie si basa sul manuale APA e che questo include nella sua lista di "disturbi di preferenze sessuali" anche altri comportamenti come il feticismo, il voyeurismo, la transessualità, il sadomasochismo, l'esibizionismo, etc. Se le definizioni utilizzate nell'ICD vengono applicate in modo esaustivo e letteralmente (cioè testualmente), questo implica che ad una parte minore ma significativa della popolazione mondiale potrebbe essere diagnosticato un disturbo mentale concernente la sfera della sessualità, dal momento che i comportamenti di cui sopra sono relativamente comuni. Per evitare implicazioni problematiche come questa, è necessaria estrema cautela nell'imputazione di qualsiasi diagnosi a un individuo o a un gruppo di individui, indipendentemente dall'oggetto o dalla natura della loro preferenza.

Efebofilia e attrazione non preferenziale per gli adolescenti[modifica | modifica wikitesto]

L'efebofilia è definita come attrazione sessuale primaria o esclusiva degli adulti nei confronti degli adolescenti, ossia un adulto che fa affidamento sugli stimoli visivi degli adolescenti per ottenere l'eccitazione sessuale e raggiungere l'orgasmo[19][20]. Quindi efebofilia non deve essere confusa con una eventuale o sporadica attrazione da parte di un adulto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) [1] Meta-analisi sulla prevalenza compilata da Filip Schuster - Vedi l'"Introduzione" per avere maggiori dettagli
  2. ^ (EN) [2] Hebephilia as Mental Disorder? A Historical, Cross-Cultural, Sociological, CrossSpecies, Non-Clinical Empirical, and Evolutionary Review - Bruce Rind, Richard Yuill (2012) - Vedi l'"Introduzione" per avere maggiori dettagli
  3. ^ (EN) AllWords.com – Ephebophilia
  4. ^ a b c d e f g Ray Blanchard, Amy D. Lykins, Diane Wherrett, Michael E. Kuban, James M. Cantor, Thomas Blak, Robert Dickey e Philip E. Klassen, Pedophilia, Hebephilia, and the DSM-V, in Archives of Sexual Behavior, vol. 38, nº 3, 2009, pp. 335–50, DOI:10.1007/s10508-008-9399-9, PMID 18686026.
  5. ^ Reply to Blanchard, in Archives of Sexual Behavior, vol. 38, pp. 317–318, DOI:10.1007/s10508-008-9422-1. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  6. ^ a b Frederick S. Berlin, Interview with Frederick S. Berlin, M.D., Ph.D., Office of Media Relations. URL consultato il 27 giugno 2008 (archiviato dall'url originale il 23 giugno 2011).
  7. ^ T. Rahman, Ephebophilia: the case for the use of a new word, in Forum for Modern Language Studies, vol. 24, nº 2, 1988, pp. 126–141, DOI:10.1093/fmls/XXIV.2.126.
  8. ^ Sexology, su nvva.nl. URL consultato il 6 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2008).
  9. ^ Bernard, F. (1998). Selected publications of Dr Frits Bernard - An international bibliography. Rotterdam: Enclave.
  10. ^ Servatius, V. (1960, March 15). Ephebophilie en wetenschap [Ephebophilia and science]. Vriendschap Archiviato il 28 settembre 2007 in Internet Archive., 35-35.
  11. ^ Diederik F. Janssen, 'Chronophilia': Entries of Erotic Age Preference into Descriptive Psychopathology, in Medical History, vol. 59, nº 4, 2015, pp. 575–98, DOI:10.1017/mdh.2015.47, PMC 4595948, PMID 26352305.
  12. ^ Buffière, F. (1980). Éros adolescent : la pédérastie dans la Grèce antique, Paris, p.11.
  13. ^ T. Rahman, Boy-Love in the Urdu Ghazal, in Annual of Urdu Studies, vol. 7, 1990, pp. 1–20.
  14. ^ Wesley Stephenson, How many men are paedophiles?, in BBC Magazine, London, England, BBC, 30 luglio 2014. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  15. ^ a b Sharon R. Foley, Ken Arthur e Brendan D. Kelly, Psychiatric sequelae of Parkinson disease: a case report, in European Psychiatry, vol. 21, nº 3, 2006, pp. 211–3, DOI:10.1016/j.eurpsy.2005.05.007, PMID 16137863.
  16. ^ (EN) Enciclopédia Britânica – Ephebus
  17. ^ (EN) Pederasty – Encyclopedia of Gay, Lesbian, Bisexual, Transgender and Queer Culture Archiviato l'8 ottobre 2014 in Internet Archive.
  18. ^ (EN) Classificazione Internazionale ICD-10) (numero F65.4)
  19. ^ (EN) Dictionary of Sexology (compilado por G.F. Pranzarone, PhD – Departamento de Psicologia, Roanoke College; Dicionário baseado na obra do sexólogo e psico-endocrinologista John Money, das Universidades de Harvard e Johns Hopkins [3] Archiviato il 26 settembre 2008 in Internet Archive.)
  20. ^ (EN) The Complete Dictionary of Sexology – New Expanded Edition. FRANCOEUR, Robert T. (Editor-Chefe); CORNOG, Martha; PERPER, Timothy; e SCHERZER, Norman A. (Co-editores). The Continuum Publishing Company, New York: 1995 (ISBN 0-8264-0672-6), página 186

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ames, A. & Houston, D.A.: Legal, social, and biological definitions of pedophilia. Archives of Sexual Behavior, 19, 1990, 333-342.
  • Stephen Donaldson. Ephebophilia // Encyclopedia of Homosexuality / Edited by Wayne Dynes. - N. Y. : Garland Publishing, 1990. - P. 361—363. — 1522 p. - ISBN 0-8240-6544-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]