Feticismo del piede

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero urtare la sensibilità di chi legge. Le informazioni hanno solo un fine illustrativo. Wikipedia può contenere materiale discutibile: leggi le avvertenze.
La Comtesse au fouet, illustrazione di Martin van Maële

Il feticismo del piede, o anche podofilia, è un aspetto della sessualità umana, e più specificamente del feticismo, che consiste nell'intenso desiderio sessuale (prevalente o esclusivo) rivolto verso i piedi. Questo tipo di parafilia è popolare sia nel mondo eterosessuale che in quello omosessuale[1] ed è la forma più comune di feticismo sessuale legato a una parte del corpo umano.[2]

Talvolta questo gusto sessuale si manifesta in persone che esprimono la propria sessualità nella forma della sottomissione.[3] Nella storia infatti la lavanda dei piedi è sempre stata considerata un'umiliazione:[4] nell'antica Roma era infatti compito degli schiavi lavare i piedi dei loro padroni,[5] così come nella storia tra molti popoli i sovrani erano soliti farsi baciare i piedi (loro o dei loro figli) dai propri sudditi in segno di supremazia nei loro confronti, specie se questi ultimi erano minorenni di famiglie molto svantaggiate costretti ad umiliazioni per il pane quotidiano.

Ad ogni modo, chi pratica attivamente il feticismo dei piedi, spesso non è necessariamente un soggetto schiavo della persona che riceve tali attenzioni: nonostante il feticismo dei piedi sia spesso accostato al sadomasochismo e al BDSM[6] secondo gli studiosi non esiste una correlazione tra questi due aspetti della sessualità. Non è raro trovare anche soggetti dominanti con un interesse per i piedi, così come non sono rari i casi in cui il feticista rivolge la sua attenzione esclusivamente al piede, concentrando il suo interesse in quest'unica "direzione". Una grande parte dei feticisti del piede ha una considerazione per i piedi identica, quindi aggiuntiva, a quella per le classiche zone erogene.

Molte sono le teorie che dibattono se considerare la pratica del feticismo, nelle sue svariate forme, come una deviazione sessuale patologica. Tuttavia, quasi tutte concludono sostenendo che questa pratica, se non riveste carattere di esclusività nella sfera sessuale - ossia senza la quale il soggetto non riesce a trarre piacere o a raggiungere l'orgasmo - rappresenta in molti soggetti un modo per rendere più vivace ed intrigante il rapporto con il partner.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il feticismo del piede è fondamentalmente un pronunciato interesse sessuale riguardo ai piedi o alle calzature. Sigmund Freud considerava il loto d'oro delle ragazze cinesi una forma di feticismo.[7]

Nel 1995, tre ricercatori del Dipartimento di Sociologia della Indiana University hanno pubblicato un articolo, sul Journal of Sex Reaserch, con i risultati di un studio condotto su 262 uomini gay e bisessuali, attratti dai piedi maschili.[8] Dei 262 soggetti intervistati, 89 hanno riferito uno o più episodi che, a loro avviso, spiegherebbero lo sviluppo del loro feticismo.[8] La maggioranza dei soggetti ricorda esperienze vissute durante l'infanzia, avute tramite il contatto fisico con i piedi di figure maschili di riferimento, come il padre, lo zio o il fratello maggiore.[8]

Per un feticista del piede, i punti d'attrazione includono la forma e le dimensioni dei piedi e delle dita (per es., dita affusolate, dita tozze, unghie smaltate, arcate plantari alte, piante ecc. ecc.), gioielli (anelli, cavigliere ecc. ecc.), trattamenti (come il pedicure o il massaggio), calzature (piedi nudi, sandali, infradito, tacchi a spillo, collant ecc. ecc.), odore, e/o interazione sensoriale (per es., annusando, leccando, baciando, solleticando, mordendo, succhiando le dita ecc. ecc.).[6][9]

Pratiche[modifica | modifica wikitesto]

Il foot worship[modifica | modifica wikitesto]

Piedi maschili nell'atto di accarezzarsi

Con questo termine inglese, che sta a significare culto del piede, si comprendono molti giochi sessuali legati al feticismo del piede, tra cui gli atti di leccare, baciare o annusare i piedi del proprio partner.[10] Alcuni esempi sono:

  • il tickling che consiste nel solleticare i piedi del proprio partner;[6]
  • il footjob che consiste nella masturbazione effettuata con i piedi del proprio partner;[6]
  • lo sniffing che consiste nell'annusare i piedi del proprio partner, spesso sudati e maleodoranti;[6]
  • il licking che consiste nel leccare i piedi del proprio partner;[6]

Altre pratiche[modifica | modifica wikitesto]

Qui sotto sono invece riportate le pratiche più umilianti, spesso collegate al sadismo, al masochismo e al BDSM:

  • il feeding from feet che consiste nel mangiare afferrando il cibo direttamente dai piedi del proprio partner;[6]
  • il trampling che consiste nel farsi calpestare.[11] La pratica si può svolgere a piedi nudi, indossando calzature sportive, scarpe con tacchi alti o stivali;
  • il toejam eating che consiste nel mangiare fango o la sporcizia accumulata tra le dita dei piedi del proprio partner.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Simone Morano, Erotismo, si diffonde il feticismo del piede, Lettera 43, 30 gennaio 2013. URL consultato il 22 dicembre 2013.
  2. ^ Rex Ryan's Apparent Foot Fetish not Necessarily Unhealthy – ABC News, Abcnews.go.com, 23 dicembre 2010. URL consultato il 14 marzo 2013.
  3. ^ Simone Morano, Baciamo i piedi: storia di un feticista, goleminformazione.it, 22 marzo 2013. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  4. ^ Samantha Ascolese, Il fascino dei piedi: potere e sensualità nella storia, girlpower.it, 28 maggio 2013. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  5. ^ Gli schiavi, romanoimpero.com. URL consultato il 19 dicembre 2012.
  6. ^ a b c d e f g h Redazione, Il feticismo dei piedi, salutemedicina.it, 24 luglio 1014. URL consultato il 10 dicembre 2015.
  7. ^ Authur Hacker, China Illustrated, Turtle Publishing, 2012, ISBN 978-1-4629-0690-1.
  8. ^ a b c If the Shoe Fits - Exploring Male Homosexual Foot Fetishism”, The Journal of Sex Reaserch, Vol. 32, no. 1, 1995, pp 17-27
  9. ^ Cameron Kippen, The History of Footwear – Foot Fetish and Shoe Retifism, Dipartimento di podologia, Curtin University, Luglio 2004. URL consultato il 10 dicembre 2014 via National Library of Australia (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2004).
  10. ^ Giangiacomo Renzulli Colonna, Educazione sentimentale di un feticista del piede, in GQ Italia, 27 novembre 2015. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  11. ^ Angela Lewis, My Other Self: Sexual fantasies, fetishes and kinks, BookPal, 2010, ISBN 978-1-921791-28-4.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ayzad, BDSM - Guida per esploratori dell'erotismo estremo, Castelvecchi, 2004 ISBN 88-7615-025-0
  • Alfred Binet, Le fétichisme dans l'amour, Payot, 2000
  • Berarda Del Vecchio, L'adorazione del piede, Castelvecchi, 2006
  • Havelock Ellis, Studies in the Psychology of Sex, Vol. 2, New York, Random House, 1936
  • Sheila Jeffreys, Beauty and Misogyny: Harmful Cultural Practices in the West, New York, Routledge, 2005 ISBN 04-1535-182-0
  • William Rossi, The Sex Life of the Foot and Shoe, Malabar, Krieger Publishing, 1989 Company ISBN 08-9464-573-0
  • Susanna Schimperna, Feet. L'ossessione erotica per i piedi, Castelvecchi, 1998

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]