Acquafilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'acquafilia ("amante dell'acqua" dal latino aqua e dal greco "φιλειν" philein) è una parafilia e una forma di feticismo sessuale che coinvolge le immagini di persone che nuotano, sono in posa nude o praticano attività sessuale sotto l'acqua o in acqua.[1]

Il termine aquaphilia fu usato da Phil Bolton, quando nei primi anni 90 ha creato la rivista Aquaphiles Journal, una rivista online per gli appassionati del feticismo subacquea erotico.[2]

Questa parafilia interessa principalmente gli uomini che provano eccitamento sessuale vedendo delle donne nuotare. L'attrazione inoltre coinvolge inoltre anche i luoghi ove vi è presente l'acqua come piscine o bagni.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Salvatore Capodieci e Leonardo Boccadoro, Fondamenti di sessuologia, libreriauniversitaria.it ed., 2012, ISBN 9788862922807. URL consultato il 24 giugno 2017.
  2. ^ (EN) Eva Christina, The Book of Kink: Sex Beyond the Missionary, Penguin, 4 ottobre 2011, ISBN 9781101545096. URL consultato il 24 giugno 2017.
  3. ^ (EN) Dr Lawrence J. Simon, Mortal Desire: Origins of Sexual Violence, First Edition Design Pub., 21 ottobre 2016, ISBN 9781506903378. URL consultato il 24 giugno 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]