Partito Libertario (Stati Uniti d'America)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri partiti chiamati Partito Libertario o Partito Libertariano, vedi Partito Libertario.
Partito Libertariano
(EN) Libertarian Party
Partito Libertario (Stati Uniti d'America) logo.svg
PresidenteNicholas Sarwark
SegretarioCaryn Ann Harlos
StatoStati Uniti Stati Uniti
Sede1444 Duke St. Alexandria, Virginia 22314
AbbreviazioneLP
Fondazione11 dicembre 1971
IdeologiaConservatorismo fiscale[1]
Liberalismo classico[2]
Liberismo[1][3]
Libertarianismo[4][5]
Non-interventismo[6]
Fazioni interne
 · Anarco-capitalismo[7]
 · Miniarchismo[7]
 · Paleolibertarianismo[8]
 · Oggettivismo[9]
CollocazioneTrasversalismo
Affiliazione internazionaleAlleanza Internazionale dei Partiti Libertariani
Seggi Camera[10]
1 / 435
Seggi Senato
0 / 100
Seggi a livello locale235 (2020)[11]
Organizzazione giovanileCaucus Giovanile Libertariano
Iscritti609,234[12] (2017)
Colori     Oro
Slogan"Minimum government, maximum freedom" (EN)

"Governo minimo, libertà massima" (IT)

Sito webwww.lp.org/

Il Partito Libertariano - o Partito Libertario - (in inglese: Libertarian Party, LP) è un partito politico statunitense fondato l'11 dicembre 1971.

Il suo programma politico è fondato sulla filosofia detta libertarianismo, di conseguenza ha come obiettivi cardine meno regolamentazione, maggiore libertà di mercato, maggiore difesa delle libertà civili e individuali; difende il capitalismo puro, si batte contro ogni intervento dello Stato sia nel campo economico sia in quello sociale e in generale propone un certo isolazionismo in politica estera nell'ambito di un non-interventismo a motivazione preminentemente fiscale. In nome del liberalismo classico si oppone al liberalismo con eccessivo interventismo statale, al neoconservatorismo e al conservatorismo sociale. Con il tempo e nonostante risultati elettorali altalenanti il Partito Libertariano si è affermato come terzo partito di maggior successo negli Stati Uniti dopo quello Democratico e quello Repubblicano. Il candidato presidenziale più votato è stato Gary Johnson nel 2016, con 4.489.233 voti (3,3%)[13].

Nell'aprile 2020, il membro della Camera dei rappresentanti Justin Amash, prima repubblicano e poi indipendente, è passato al Partito Libertario, diventando il primo membro libertario del Congresso nella storia[14].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima convenzione nazionale libertaria si tenne nel giugno 1972. Nel 1978 Dick Randolph dell'Alaska divenne il primo legislatore statale libertario eletto. Dopo le elezioni federali del 1980, il Partito Libertariano assunse il titolo di terzo partito per la prima volta dopo che il Partito Indipendente Americano e il Partito Conservatore di New York (gli altri maggiori partiti minori dell'epoca) continuarono il loro declino. Nel 1994, furono eletti o nominati oltre 40 libertari, all'epoca un record per il partito. Il 1995 ha visto un grande aumento e la registrazione degli elettori per il partito. Nel 1996, il Partito Libertariano divenne il primo third party con lo status di scrutinato in tutti i 50 Stati per due elezioni presidenziali di fila. Alla fine del 2009, 146 libertari occupavano cariche elettive[15].

Tonie Nathan, candidatasi come vicepresidente per il Partito Libertario alle elezioni presidenziali del 1972 con John Hospers come candidato presidenziale[16][17], è stata la prima candidata donna negli Stati Uniti a ricevere un voto elettorale[18][19].

Sebbene il partito non abbia mai ottenuto seggi al Congresso degli Stati Uniti, ha avuto successo elettorale nel contesto delle legislature statali e di altri uffici locali. Tre libertari furono eletti alla Camera dei rappresentanti dell'Alaska tra il 1978 e il 1984 e altri quattro al Tribunale generale del New Hampshire nel 1992[20]. Neil Randall, libertario, venne alla Camera dei rappresentanti del Vermont nel 1998 ed è stato rieletto fino al 2004[21][22]. Il rappresentante dello Stato del Rhode Island Daniel P. Gordon è stato espulso dai repubblicani ed è entrato a far parte del Partito Libertariano nel 2011[23]. Nel luglio 2016 e nel giugno 2017, i libertari hanno nuovamente raggiunto il picco di 4 legislatori, quando 4 legislatori statali di quattro Stati diversi hanno lasciato il Partito Repubblicano per unirsi al Partito Libertariano[24][25][26][27][28]

Nel gennaio 2018, il commissario per le Terre pubbliche del Nuovo Messico, Aubrey Dunn Jr., è passato dal Partito Repubblicano a quello Libertariano, diventando il primo ufficiale libertario a livello statale nella storia[29].

Il risultato più alto del Partito Libertariano alle elezioni presidenziali fu nel 2016, con il 3,3% dei consensi (4.489.233 voti), mentre alle elezioni dei senati statali è il 29,2% in Alaska nel 2016[30], seguito dal 18% in Massachusetts nel 2002[31] e il 15% in Nuovo Messico nel 2018[32].

Il 29 aprile 2020, il membro della Camera dei rappresentanti Justin Amash, eletto per il Michigan, prima repubblicano e poi indipendente, è passato al Partito Libertario, diventando il primo membro libertario del Congresso nella storia[14].

Alle primarie del partito, la docente di psicologia e già candidata vice-presidente nel 1996 Jo Jorgensen è stata scelta come candidata presidente del partito per il 2020[33].

Principi[modifica | modifica wikitesto]

Logo del Partito Libertario della Florida

L'ideologia è basata sul libertarianismo e sul liberalismo classico, come esposti da intellettuali e uomini politici quali John Locke, il presidente Thomas Jefferson (in particolare la dichiarazione d'indipendenza degli Stati Uniti), Henry George, Barry Goldwater, Adam Smith, Lysander Spooner, Benjamin Tucker, Henry David Thoreau, Milton Friedman, Samuel Edward Konkin III, Robert Nozick, David Friedman, Ayn Rand e specialmente i membri della scuola austriaca come Friedrich von Hayek, Ludwig von Mises e Murray Rothbard.[34] Il motto del partito è «Mininum Government, Maximum Freedom» («Stato minimo, massima libertà»). Incorpora anche elementi ideologici della controcultura libertaria.[35]

I concetti chiave del programma politico del partito sono:[36][37]

Risultati alle elezioni presidenziali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Candidati presidente/Vice presidente Voti Voti in % Aumento/Diminuzione% Grandi elettori
1972 John Hospers/Theodora Nathan 3 674 <0,01% Aumento0,01% 1
1976 Roger MacBride/David Bergland 172 553 0,21% Aumento0,20% 0
1980 Ed Clark/David Koch 921 128 1,06% Aumento0,85% 0
1984 David Bergland/James Lewis 228 111 0,25% Diminuzione0,81% 0
1988 Ron Paul/Andre Marrou 431 750 0,47% Aumento0,22% 0
1992 Andre Marrou/Nancy Lord 290 087 0,28% Diminuzione0,19% 0
1996 Harry Browne/Jo Jorgensen 485 759 0,50% Aumento0,22% 0
2000 Harry Browne/Art Olivier 384 431 0,36% Diminuzione0,14% 0
2004 Michael Badnarik/Richard Campagna 397 265 0,32% Diminuzione0,04% 0
2008 Bob Barr/Wayne Allyn Root 523 713 0,40% Aumento0,08% 0
2012 Gary Johnson/James P. Gray 1 275 923 0,99% Aumento0,59% 0
2016 Gary Johnson/William Weld 4 429 019 3,28% Aumento2,29% 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Julie Ershadi, Gary Johnson: I'm More Conservative and More Liberal Than Both Parties, in Roll Call, 30 aprile 2013. URL consultato il 28 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 13 novembre 2018).
  2. ^ (EN) Ideological third parties Archiviato il 16 gennaio 2015 in Internet Archive..
  3. ^ (EN) Current Issues.
  4. ^ (EN) Murray Rothbard, For a New Liberty, Macmillan Publishers, 1978, p. 153.
  5. ^ (EN) Daniel Moseley, What is Libertarianism?, in Basic Income Studies, vol. 6, n. 2, 25 giugno 2011, p. 2. URL consultato il 15 novembre 2011.
  6. ^ (EN) Staff, Libertarian Party opposes further intervention in Iraq, Partito Libertariano, 18 giugno 2014.
  7. ^ a b (EN) The Dallas Accord Is Dead.
  8. ^ (EN) Liberty Magazine January 1990.
  9. ^ (EN) Objectivist Party Places Presidential Ticket on Florida Ballot, Ballot Access News, 23 agosto 2008. URL archiviato dall'originale il 20 febbraio 2012. URL consultato il 22 settembre 2008.
  10. ^ Justin Amash Becomes the First Libertarian Member of Congress, su reason.com.
  11. ^ my.lp.org, https://my.lp.org/elected-officials/?page=CiviCRM&q=civicrm/profile&gid=38&force=1&crmRowCount=100&reset=1.
  12. ^ ballot-access.org, http://ballot-access.org/2020/03/27/march-2020-ballot-access-news-print-edition/.
  13. ^ Dave Leip's Atlas of U.S. Presidential Elections, su uselectionatlas.org. URL consultato il 27 aprile 2020.
  14. ^ a b Justin Amash Becomes the First Libertarian Member of Congress, su reason.com.
  15. ^ "History." Libertarian Party of Kansas, www.lpks.org/history.
  16. ^ (EN) Jane O'Grady, John Hospers obituary, in The Guardian, 13 luglio 2011. URL consultato il 27 aprile 2020.
  17. ^ (EN) John Hospers, RIP, su Reason.com, 13 giugno 2011. URL consultato il 27 aprile 2020.
  18. ^ Wayback Machine, su web.archive.org, 30 giugno 2017. URL consultato il 27 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2017).
  19. ^ first-woman, su cato-at-liberty.org.
  20. ^ Young Politicians of America, su web.archive.org, 4 gennaio 2008. URL consultato il 28 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2008).
  21. ^ vermonts-only-elected-libertarian-state, su libertarianrepublican.net.
  22. ^ (EN) marekhirsch, VT Libertarian Representative Neil Randall, su American Socialism for the Rich, 8 giugno 2009. URL consultato il 28 aprile 2020.
  23. ^ (EN) Michael Malterer says: on July 11, 2012 at 9:27 Am, Uncovered Politics – Our Exclusive Interview with Libertarian State Representative Dan Gordon of Rhode Island, su uncoveredpolitics.com. URL consultato il 28 aprile 2020.
  24. ^ (EN) Staff, Nevada State Assemblyman John Moore Joins Libertarian Party, su Libertarian Party, 8 gennaio 2016. URL consultato il 28 aprile 2020.
  25. ^ (EN) Andy Craig, Nevada Assemblyman John Moore joins Libertarian Party, su Independent Political Report, 8 gennaio 2016. URL consultato il 28 aprile 2020.
  26. ^ (EN) Nebraska state senator leaves GOP, registers as Libertarian, su KETV, 1º giugno 2016. URL consultato il 28 aprile 2020.
  27. ^ (EN) New Hampshire Legislator Changes Registration from “Republican” to “Libertarian” | Ballot Access News, su ballot-access.org. URL consultato il 28 aprile 2020.
  28. ^ (EN) Utah State Sen. Mark Madsen Switching Parties from Republican to Libertarian, Endorsing Gary Johnson for President, su Reason.com, 25 luglio 2016. URL consultato il 28 aprile 2020.
  29. ^ (EN) rew Oxford, Santa Fe New Mexican, Dunn switches to Libertarian Party, su The NM Political Report, 28 gennaio 2018. URL consultato il 28 aprile 2020.
  30. ^ GEMS ELECTION RESULTS, su www.elections.alaska.gov. URL consultato il 28 aprile 2020.
  31. ^ (EN) PD43+ » 2002 U.S. Senate General Election, su PD43+. URL consultato il 28 aprile 2020.
  32. ^ (EN) New Mexico Election Results, in The New York Times, 6 novembre 2018. URL consultato il 28 aprile 2020.
  33. ^ (EN) Jo Jorgensen Wins Libertarian Presidential Nomination on Fourth Vote | Ballot Access News, su ballot-access.org. URL consultato il 24 maggio 2020.
  34. ^ (EN) What Libertarianism Is.
  35. ^ Tanti auguri Murray Rothbard
  36. ^ (EN) Caryn Ann Harlos, D. Frank Robinson, The Libertarian Party Statement of Principles, Independent Political Report, 28 dicembre 2015, URL consultato il 25 giugno 2016.
  37. ^ (EN) 2018 Platform.
  38. ^ a b (EN) 2018 Platform, su Libertarian Party, 11 luglio 2018. URL consultato il 29 aprile 2020.
  39. ^ a b (EN) Munroe Eagles e Larry Johnston, Politics: An Introduction to Modern Democratic Government, University of Toronto Press, 4 gennaio 2008, ISBN 978-1-55111-858-1. URL consultato il 29 aprile 2020.
  40. ^ Arizona Libertarian Party - Home, su web.archive.org, 3 maggio 2015. URL consultato il 29 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2015).
  41. ^ The Deseret News - Google News Archive Search, su news.google.com. URL consultato il 29 aprile 2020.
  42. ^ Brown, Emma (November 24, 2010). "Co-founder of national Libertarian Party", su washingtonpost.com.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN262610481 · LCCN (ENn80062924 · GND (DE4303140-7 · BNE (ESXX124848 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n80062924