Triolagnia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Cuckold)

Con triolagnia[1] o chiamato anche cockold[2] si indica il comportamento per cui una persona, consapevolmente e volontariamente, induce la propria compagna (o il proprio compagno) a vivere esperienze sessuali con altre persone, allo scopo di riceverne gratificazione sessuale.

Terminologia[modifica | modifica wikitesto]

In psicologia clinica si usa il termine triolagnia, composto dal greco τρεῖς, trêis, e λαγνεία, lagnéia, ‘coito’ ma anche ‘lascivia’[3].

Negli ambienti legati alla pornografia in rete e nella sottocultura BDSM è comune l'adozione del termine inglese cuckold (pronuncia inglese [ˈkʌkəʊld]) che significa ‘cornuto, tradito dalla moglie’ e che nella lingua inglese corrente si applica a mariti non consapevoli di essere vittime di adulterio. La parola deriva dal francese medievale cucuault[4], letteralmente ‘cuculaccio’, in riferimento alla femmina del cuculo che si dice cambi spesso compagni, o all'abitudine, osservata scientificamente, del cuculo lasciare le uova nel nido di un altro uccello.

In questi ambiti, la persona che gode nel vedere la compagna compiere atti sessuali con un altro uomo è appunto il cuckold; se è una donna che gode nel vedere il compagno con un'altra donna si dice cuckquean o reverse cuckold. Il terzo uomo è detto bull ovvero ‘toro’.

Psicologia[modifica | modifica wikitesto]

Il fenomeno della triolagnia è aumentato con l'avvento di Internet che ha permesso un maggiore volume di contatti tra persone sconosciute e appassionate del genere. Attualmente si stima che sia una pratica sessuale adottata, nel mondo, da milioni di coppie desiderose di migliorare la propria intesa sessuale.

In tale pratica il piacere del triolagno o cuckold consiste nel vedere il proprio partner avere rapporti con persone diverse (a maggior ragione se di colore e superdotate) e l'umiliazione derivante da ciò induce il soggetto in uno stato di sottomissione, è proprio tale condizione (il triolagno si sente mortificato e colpito nel suo controllo e la sua possessività) che produce in lui sensazioni di subordinazione e totale impotenza nei confronti di un padrone che a seconda dei casi viene identificato nel proprio partner o nella terza persona. Il rapporto dominazione/sottomissione assume caratteri evidenti e rileva la doppia natura umana. L'uomo, "costretto" dalla società a "recitare" la parte del dominatore, manifesta la propria estraneazione al tipico stereotipo umano, per mezzo di questa pratica il soggetto è libero di esprimere sé stesso senza repressioni. L'ideale di maschio che la società impone determina nel soggetto con spiccate tendenze alla sottomissione una propensione alla repressione o all'isolamento di determinati desideri. Tutto ciò è spesso causato da traumi, violenze fisiche o psicologiche in età adolescenziale. Non riuscire a soddisfare il proprio desiderio a causa del rifiuto del partner può portare a problemi psicologici gravi, bassa autostima e una generale insoddisfazione della sfera sessuale dell'individuo, che a volte può produrre depressione, apatia e rifiuto di avere rapporti sessuali con il partner. È comunque accertato che nelle coppie con buona affinità sessuale quasi sempre la partner acconsente a prestarsi al "gioco" richiestole dal suo compagno, in quanto certamente fonte di piacere e di novità sul piano dell'intesa sessuale, in particolare se praticato con uomini di colore, i quali incarnano nell'immaginario del triolagno il concetto di virilità e di potenza sessuale che essi non riescono o non vogliono concedere alla propria compagna.

Tale comunanza è dovuta al fatto che spesso i rapporti tra il bull e la donna non sono protetti pertanto non è raro se non addirittura voluto che la donna rimanga incinta, se ciò avviene il nascituro viene poi cresciuto dalla madre e dal marito, consapevole di non esserne il padre.

La peculiarità della triolagnia o cuckoldismo come fenomeno culturale e sociale consiste nell'esaltazione, che in esso si manifesta, della libertà sessuale del partner femminile; difficilmente infatti il fenomeno si riscontra a parti invertite, ovvero con la donna che esorta il suo partner maschile a tradirla. Importante è, nella maggior parte dei casi, anche il costante confronto tra la virilità umiliata del cuckold e la virilità esaltata del "terzo" uomo.

Il cuckold, inteso come il soggetto passivo di questa relazione triangolare, può vivere la propria condizione come una forma di umiliazione, che avvicina questo rapporto alle relazioni di dominazione-sottomissione tipiche del BDSM, in cui la sua partner assume l'aspetto psicologico di una vera e propria mistress. In questo tipo di rapporto, spesso la donna impone al partner cuckold regole e limiti che coartano e reprimono in varia misura la sua sessualità, ad esempio vietandogli di avere rapporti sessuali completi con lei, se non saltuariamente, oppure disciplinando le modalità in cui egli può avvicinarsi e toccare il corpo della sua compagna, ecc.; spesso, in questi casi, il cuckold assiste al rapporto sessuale fra la sua compagna e il "terzo" uomo, detto anche "bull", subendo commenti e ordini umilianti da parte di entrambi (come, per esempio, interagire lui stesso con gli attributi del "bull"). Questa pratica è altresì spesso collegata ad un'altra pratica sessuale, che si può definire altrettanto umiliante, come Il Feticismo del piede. Sovente presente come gioco sessuale nella sottomissione del partner. In altri casi, tuttavia, il soggetto cuckold vive questo aspetto della sessualità come un complemento della normale relazione di coppia, stringendo a volte persino un legame di amicizia e di complicità maschile con l'abituale "terzo" con cui la sua compagna si intrattiene. In questo caso, questo rapporto in un certo modo tende a violare le consuetudini della monogamia tipiche della civiltà occidentale, avvicinandosi piuttosto a esperienze di bigamia o poligamia (poliamore).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fernando Liggio, Trattato moderno di psicopatologia della sessualità, Padova, libreriauniversitaria.it edizioni, 2011.
  2. ^ [1]
  3. ^ Franco Montanari, Vocabolario della lingua greca, Torino, Loescher, 1995.
  4. ^ Online Etymological Dictionary – Cuckold, su etymonline.com. URL consultato il 30 novembre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Erotismo Portale Erotismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Erotismo