Attentato di Toronto del 23 aprile 2018

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Attentato di Toronto
del 23 aprile 2018
attentato
TipoAttacco con veicolo ariete
Data23 aprile 2018
13:22 (UTC-4)
LuogoNorth York Center
InfrastrutturaYonge Street
StatoCanada Canada
Provincia  Ontario
MunicipalitàToronto
Coordinate43°46′09.48″N 79°24′46.62″W / 43.7693°N 79.41295°W43.7693; -79.41295
ArmaVeicolo-ariete
Mezzo coinvoltoChevrolet Express
ObiettivoCivili
ResponsabiliAlek Minassian
Motivazione
  • Vendetta per rifiuto affettivo e sessuale
  • Ricerca di notorietà
Conseguenze
Morti11 (compresa una vittima deceduta nel 2021)
Feriti15
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Toronto
Luogo dell'evento
Luogo dell'evento

L'attentato di Toronto del 23 aprile 2018 è stato un attacco con veicolo ariete avvenuto il 23 aprile 2018 a Toronto, nell'Ontario, in Canada. Un uomo, successivamente identificato come Alek Minassian, guidò un furgone preso a noleggio sfrecciando nel quartiere degli affari del North York City Centre e prendendo deliberatamente di mira i pedoni, uccidendo 11 persone e ferendone 15, alcune in modo grave.[1]

L'attacco iniziò all'incrocio tra Yonge Street e Finch Avenue, e proseguì verso sud lungo i marciapiedi di Yonge Street, vicino a Sheppard Avenue.

Il venticinquenne Minassian venne arrestato illeso a sud della scena del crimine, dopo aver istigato un agente di polizia affinché lo uccidesse. L'arresto venne effettuato alle 13:32, sette minuti dopo la prima chiamata al 911.[2]

L'incidente fu il più letale attacco tramite veicoli nella storia del Canada.[3][4][5][6]

L'attacco[modifica | modifica wikitesto]

La prima chiamata al 911 che riportava pedoni colpiti fu ricevuta alle 13:25 fuso orario orientale.[7]

A Finch Avenue, un furgoncino Chevrolet Express bianco, noleggiato da Ryder, oltrepassò un semaforo rosso, per poi dirigersi verso sud sul marciapiede sul lato ovest di Yonge Street, investendo molti pedoni e procedendo la marcia per molti altri isolati, colpendo ulteriori persone.

Il video della telecamera di sicurezza di un'azienda locale mostrò che il furgone raggiunse Tolman Street, che si trova a un isolato a sud di Finch Avenue, alle 13:24. Un testimone raccontò che l'autista guardava le vittime direttamente negli occhi durante l'attacco e si comportava come se stesse "giocando un videogioco, cercando di uccidere quante più persone possibili".[8]

Ad un certo punto, il furgone rientrò nella carreggiata, ma giunto al Park Home Avenue, si trovò ancora sul marciapiede, colpendo i pedoni lungo il tragitto di fronte a Mel Lastman Square, una piazza civica sul lato ovest di Yonge Street distante 1,4 chilometri a sud di Finch Avenue (16 isolati dopo).[9]

I paramedici vennero inviati immediatamente e il Sunnybrook Health Sciences Center venne attivato come centro di emergenza. Nove persone morirono sul posto. Alle 20:15 ora locale, il servizio di polizia di Toronto annunciò il decesso di una decima persona. Un'undicesima persona è morta 3 anni e mezzo dopo, il 28 ottobre 2021, dopo essere rimasta paralizzata dal collo in giù e non aver mai lasciato l'ospedale.[10][11]

aerial view of Mel Lastman Square looking west from across the street
Mel Lastman Square nel giugno 2015

L'arresto[modifica | modifica wikitesto]

Un solo agente di polizia adibito al controllo del traffico,[12] di nome Ken Lam, intercettò il furgone danneggiato, che venne fermato sul marciapiede nord di Poyntz Avenue, appena a ovest di Yonge Street e a due isolati a sud di Sheppard Avenue, a circa 2,3 chilometri a sud di dove era iniziato l'attacco.

Lam fermò la sua volante vicino al furgone e affrontò il guidatore, in seguito identificato come Alek Minassian, che si trovava in piedi vicino alla portiera lato guida aperta.

Durante lo scontro, Minassian estrasse ripetutamente la mano dalla tasca posteriore e puntò un oggetto di colore scuro, simile ad una pistola, verso l'ufficiale di polizia.[13]

Lam ordinò a Minassian di gettarsi a terra, mentre Minassian tentò ripetutamente di provocare l'agente affinché lo uccidesse, gridandogli "in testa!" quando l'ufficiale lo avvertì che poteva finire ucciso.

Lam andò quindi dalla sua volante e spense la sirena. Mentre Minassian e Lam avanzavano l'uno verso l'altro, l'ufficiale riconobbe che l'oggetto nella mano di Minassian non era una pistola, ritirò la propria pistola e prese il manganello. Minassian quindi lasciò cadere l'oggetto dalla sua mano, si buttò a terra e si arrese a Lam. Venne arrestato alle 13:32.

La polizia identificò l'uomo come il venticinquenne Alek Minassian, che non aveva precedenti penali.[14]

Indagini[modifica | modifica wikitesto]

Durante il suo interrogatorio, avvenuto la sera stessa dell'arresto ma reso noto ai media solamente alla fine del 2019, Minassian disse di essere un incel e dichiarò di far parte di un "movimento ribelle". Egli disse di essere vergine e di non aver mai avuto una fidanzata e di aver commesso l’attentato come forma di ritorsione per non aver mai fatto sesso. Lo infastidiva che le donne preferissero dei “bruti” a lui. Egli dichiarò inoltre che nei precedenti anni aveva frequentato diversi forum online di incel e, sempre secondo la sua versione, sarebbe entrato in contatto con Elliot Rodger e Chris Harper-Mercer, responsabili di due attentati terroristici nel 2014 e nel 2015.[15][16] Tuttavia, successivamente il giudice dichiarerà che Minassian in realtà stava principalmente cercando notorietà e che durante l'interrogatorio aveva mentito nella maggior parte delle sue dichiarazioni.[17]

Secondo il suo profilo LinkedIn, è stato studente al Seneca College di North York dal 2011 al 2018 e viveva a Richmond Hill, un sobborgo a nord di Toronto.[18][19]

Era uno sviluppatore di software. I suoi ex compagni di classe alla Thornlea Secondary School di Thornhill lo descrissero come "non eccessivamente socievole" e "innocuo".[20]

Verso la fine del 2017, Minassian si è arruolato nelle forze armate canadesi per due mesi, prima di richiedere il congedo volontario dopo 16 giorni di formazione recluta.[21] Un alto ufficiale militare ha detto che Minassian "non si stava adattando alla vita militare, anche in materia di abbigliamento, portamento e interazioni di gruppo in un contesto militare" e "non c'erano segnali preoccupanti e nulla che potesse prospettare qualcosa di simile".[22]

A seguito dell'attacco, un post di Facebook attribuito a Minassian iniziò a circolare online ed indicava che Minassian si identificava come un incel ("celibe involontario").[23] Il post era datato 23 aprile e recitava:

Private (Recruit) Minassian Infantry 00010, wishing to speak to Sgt 4chan please. C23249161. The Incel Rebellion has already begun! We will overthrow all the Chads and Stacys! All hail the Supreme Gentleman Elliot Rodger![24]
(Confidenziale) Soldato semplice Minassian Reggimento 00010, desidero parlare al Sergente 4chan per favore. C23249161. La Ribellione Incel è già iniziata! Spodesteremo tutti i Chad e le Stacy! Tutti acclamino il Gentiluomo Supremo, Elliot Rodger!

4chan è una popolare, ma controversa imageboard di internet. "Chad" e "Stacy" sono soprannomi usati nei forum relativi a incel e sul /r/incels subreddit (bloccato dal 7 novembre 2017) su Reddit per riferirsi a uomini e donne sessualmente attivi e attraenti; un subreddit è una singola comunità su Reddit basata su un argomento di interesse.[25][26] Elliot Rodger è stato il responsabile del massacro di Isla Vista del 2014 in California.[27] Rodger intendeva colpire gli uomini sessualmente di successo e le donne, ciò lo hanno portato ad essere idolatrato post-mortem da alcune persone su comunità online di estremismo misogino, compresi diversi siti web di incel.[28] Facebook confermò successivamente che l'account era quello di Minassian.[29] Una fonte del Dipartimento della Difesa Nazionale canadese ha dichiarato ai media che C23249161 era il numero di identificazione militare di Minassian durante il suo addestramento militare.[30]

Processo[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 aprile 2018, Minassian è apparso senza un avvocato davanti alla Corte di giustizia dell'Ontario in un tribunale di Toronto, ammanettato e con indosso una tuta bianca da carcere. È stato accusato di 10 omicidi di primo grado e 13 tentati omicidi. Gli è stato intimato di non contattare nessuno delle presunte vittime di tentato omicidio. Suo padre, Vahe Minassian, ha atteso l'udienza in lacrime riferendo ai giornalisti di non aver parlato con suo figlio.[31] Minassian è stato accusato di tre ulteriori accuse di tentato omicidio il 10 maggio; un totale di 16 accuse.[32]

Il suo processo, inizialmente previsto a febbraio 2020, è stato poi spostato nei mesi successivi a causa della pandemia di covid-19.[33][34]

Nel giugno 2022 venne infine condannato all'ergastolo senza alcuna possibilità di libertà condizionata per 25 anni. Durante il processo, la giudice si è rifiutata di fare il nome del killer, riferendosi a lui come <<John Doe>>, per non dargli quella notorietà che cercava.[35]

Vittime[modifica | modifica wikitesto]

#Torontostrong memorial in Olive Square, North York, 27 aprile 2018.

La polizia di Toronto ha riferito che la maggior parte delle vittime erano donne, ma non ci sono prove che le donne siano state deliberatamente prese di mira.

Il 27 aprile 2018, la polizia ha rilasciato i nomi delle otto donne e due uomini uccisi nell'attacco.[36][37]

  • Beutis Renuka Amarasinghe, 45, nutrizionista
  • Andrea Bradden, 33, account executive
  • Geraldine Brady, 83, rappresentante Avon
  • So He Chung, 22, studentessa universitaria
  • Anne Marie D'Amico, 30, analista finanziaria
  • Mary Elizabeth Forsyth, 94, pensionata
  • Chul Min "Eddie" Kang, 45, chef
  • Ji Hun Kim, 22, studente universitario
  • Munir Najjar, 85, pensionato in visita alla famiglia dalla Giordania
  • Dorothy Sewell, 80, pensionata

Minassian è stato anche accusato dei tentati omicidi di Robert Anderson, Amir Kiumarsi, Aleksandra Kozhevinikova, Mavis Justino, Morgan McDougall, Jun Seok Park, Samantha Peart, So Ra, Catherine Riddell, Sammantha Samson, Beverly Smith, Amaresh Tesfamariam e Yunsheng Tian.[38]

Nel 2021 è morta anche Amaresh Tesfamariam per via delle ferite subite nell'attacco di anni prima, facendo così salire a 11 il numero di morti.[39]

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

La metropolitana e i servizi di autobus della zona sono stati immediatamente chiusi o reindirizzati dalla Toronto Transit Commission. Alcune parti di Yonge Street sono state recintate fino alla fine del 24 aprile per l'indagine della polizia.[40][41][42] Gli edifici civici nell'area furono chiusi alla fine del 23 aprile e rimasero chiusi per tutto il 24 aprile. Le aziende dell'area furono lasciate libere, ma in aree di morti pedonali, quelle che fronteggiavano su Yonge Street potevano accedere solo dagli ingressi posteriori.[43] Molte aziende nelle aree più colpite hanno scelto di chiudere per tutto il 24 aprile, mentre alcune sono state aperte in diversi momenti del pomeriggio del 24 aprile. L'area era completamente aperta e i servizi di transito sono ripresi entro il 25 aprile.

La sicurezza è stata intensificata attorno ad un incontro dei ministri del G7 che si è tenuto a Toronto in vista del 44 ° vertice del G7 a La Malbaie, in Québec.[44] I ministri sono stati informati dell'attacco poco dopo il verificarsi e il giorno successivo all'attacco, l'agenda dell'incontro ha incluso discussioni su terrorismo e social media e radicalizzazione della gioventù online.[45]

Eventi sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Intorno all'Air Canada Center (rinominato Scotiabank Arena), le strade sono state chiuse e bloccate con autocarri a cassone ribaltabile, a causa di preoccupazioni di sicurezza per i fan radunati a Maple Leaf Square per assistere alla partita di playoff della National Hockey League tra Toronto Maple Leafs e Boston Bruins la sera del 23 aprile.[46][47] Un momento di silenzio è stato osservato durante il gioco in rispetto per le vittime.[48]

Barriere di cemento sono state poste lungo il bordo del marciapiede lungo Bremner Boulevard di fronte al Rogers Centre a causa delle stesse preoccupazioni per la sicurezza prima della partita di Toronto Blue Jays contro i Boston Red Sox il 24 aprile 2018.[49] Prima del gioco, i Blue Jays hanno ringraziato alcuni dei primi soccorritori in una cerimonia, che includeva un video commemorativo per le vittime dell'attacco seguito da un momento di silenzio.[50]

Reazioni[modifica | modifica wikitesto]

Memorial scene in Lastman Square, 27 aprile, 2018
#Torontostrong vigilia in Lastman Square, 29 aprile, 2018

Molti leader nazionali hanno espresso il loro sostegno e le condoglianze nel periodo immediatamente successivo all'attacco, compreso il primo ministro canadese Justin Trudeau.

L'agente Ken Lam è stato lodato come un eroe per il suo uso misurato della forza per ottenere una risoluzione non fatale del suo confronto con Minassian, nonostante Minassian abbia cercato di indurlo a sparargli.[51] Lam rimarcò di aver fatto solo il suo dovere.[52][53]

Le luci alla CN Tower e il cartello 3D Toronto a Nathan Phillips Square erano incolori e oscurati per la sera del 23 aprile. Le bandiere sono state poste a mezz'asta nella maggior parte delle sedi governative a Toronto e nei paesi limitrofi.[54]

Un memoriale estemporaneo a Olive Square Park, sul lato est di Yonge Street, proprio di fronte alla strada da cui è iniziato l'attacco, è stato avviato da un residente locale alle 17:15. lo stesso giorno per le persone per mettere i fiori ed esprimere il loro dolore per iscritto.[55] La persona che ha iniziato il memoriale ha indicato che tutti gli altri spazi pubblici lungo Yonge Street, tra cui Mel Lastman Square, sono stati isolati dal nastro della polizia, quindi ha scelto Olive Square, che non è stata isolata.[56] Piccoli memoriali che vanno da pochi mazzi di fiori a circa due dozzine di mazzi di fiori, oltre a messaggi cartacei, fotografie e candele in alcuni casi, sono stati stabiliti in ogni luogo da appena a sud di Finch Avenue fino a sud di Park Home Avenue, dove un pedone venne ucciso (all'angolo sud-ovest di Yonge Street e Park Home Avenue sono state uccise due vittime).[57] Accanto alla fontana all'ingresso di Mel Lastman Square, dove è stato colpito il maggior numero di persone (almeno due morti), un altro memoriale è cresciuto fino a diventare un memoriale quasi grande come quello di Olive Square[57]

TorontoStrong[modifica | modifica wikitesto]

Sono state organizzate diverse campagne di crowdfunding per raccogliere fondi per le spese delle famiglie delle vittime.[58] Per coordinare meglio il crowdfunding, la città di Toronto ha istituito il Fondo #TorontoStrong per sostenere le vittime e le loro famiglie, i primi soccorritori e le persone colpite dal trauma.[59]

Diverse veglie si sono svolte la settimana seguente. La sera del 24 aprile si è svolta una piccola veglia a Lastman Square.[60] Un'altra è stato tenuto dalla Toronto Korean Community Association il 27 aprile a Lastman Square. La veglia "#TorontoStrong" è stata tenuta dalla città di Toronto il 29 aprile.[61] Alla veglia di TorontoStrong hanno partecipato diverse migliaia di persone. Cominciò con una marcia da Yonge e Finch e si concluse con un raduno a Lastman Square. All'incontro erano presenti leader della comunità e il primo ministro Trudeau, il governatore generale Julie Payette, il premier Wynne, il premier del Quebec Philippe Couillard e il sindaco Tory.[62][63]

Il memoriale estemporaneo fu rimosso il 3 giugno 2018 e in seguito sostituito con una targa temporanea. Il sindaco John Tory ha annunciato piani per erigere un memoriale permanente per l'attacco.[64]

Il 13 giugno 2018, il comitato direttivo volontario di # TorontoStrong ha annunciato la nomina dell'ex sindaco di Toronto Barbara Hall come amministratore del fondo. È stata incaricata di distribuire i circa $ 3,4 milioni raccolti alle vittime e ai sopravvissuti entro il 28 settembre 2018.[65]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Toronto van attack: How you can help and what we know so far. URL consultato l'8 luglio 2018.
  2. ^ PressReader.com - Connecting People Through News, su pressreader.com. URL consultato l'8 luglio 2018.
  3. ^ (EN) Toronto Van Driver Kills at Least 10 People in ‘Pure Carnage’. URL consultato l'8 luglio 2018.
  4. ^ (EN) Canada's Trudeau says security unchanged after Toronto van attack - France 24, in France 24, 24 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  5. ^ PressReader.com - Connecting People Through News, su pressreader.com. URL consultato l'8 luglio 2018.
  6. ^ (EN) A history of violence on Canadian soil, su msn.com. URL consultato l'8 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2018).
  7. ^ (EN) 'Nobody's seen anything like this': 10 dead, 15 injured in north Toronto van ramming attack | CBC News, in CBC. URL consultato l'8 luglio 2018.
  8. ^ (EN) Rob Crilly, Christopher Guly e Mark Molloy, What do we know about Alek Minassian, arrested after Toronto van attack?, in The Telegraph, 24 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  9. ^ Twenty-five minutes of horror on Yonge Street: How the Toronto van attack unfolded. URL consultato l'8 luglio 2018.
  10. ^ (EN) Sunnybrook update on injured from Yonge and Finch - Sunnybrook Hospital, su sunnybrook.ca. URL consultato l'8 luglio 2018.
  11. ^ (EN) Joanna Lavoie | North York Mirror, 'A huge loss': Yonge Street van attack victim Amaresh Tesfamariam missed 'every day', su Toronto. URL consultato il 10 aprile 2022.
  12. ^ (EN) Arresting officer Ken Lam wonders: ‘Did I make the right decision?’ | The Star, in thestar.com. URL consultato l'8 luglio 2018.
  13. ^ (EN) Rozina Sabur, Ben Riley-Smith e Christopher Guly, Toronto suspect begged police to shoot him after van ploughs into pedestrians leaving ten dead, in The Telegraph, 23 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  14. ^ (EN) Kayla Goodfield and Codi Wilson, Van attack that killed 10 people in North York was 'definitely deliberate': police, in CP24, 23 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  15. ^ Guido Olimpio, Alek e i «celibi involontari», quando i killer colpiscono in nome della misoginia estrema, su Corriere della Sera, 27 settembre 2019. URL consultato il 1º febbraio 2020.
  16. ^ (EN) “I feel like I accomplished my mission”: Alek Minassian’s twisted confession interview, su Toronto Life, 27 settembre 2019. URL consultato il 1º febbraio 2020.
  17. ^ (EN) Edward Snowden, Jack L. Rozdilsky, Toronto van attack: Guilty verdict, but Canada still needs to tackle ideological violence, su The Conversation. URL consultato l'8 maggio 2021.
  18. ^ (EN) ‘He wasn’t a terrorist’: Those who knew Alek Minassian struggle to explain the Toronto van attack, in Global News. URL consultato l'8 luglio 2018.
  19. ^ (EN) Toronto van attack suspect Alek Minassian’s interest in ‘incel’ movement the latest sign of troubled life, in National Post, 25 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  20. ^ Agencies, Deadly Toronto van driver: What we know about Alek Minassian, in GulfNews, 24 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  21. ^ (EN) Toronto van attack: What we know about suspect Alek Minassian, in Global News. URL consultato l'8 luglio 2018.
  22. ^ (EN) How the misogynistic, insular world of 'incels' may have inspired the Toronto van attack | CBC News, in CBC. URL consultato l'8 luglio 2018.
  23. ^ (EN) Why some 'incels' are celebrating accused in Toronto van attack | CBC Radio, in CBC. URL consultato l'8 luglio 2018.
  24. ^ (EN) Exclusive: Toronto van attack suspect Alek Minassian was a member of the Canadian Army, in VICE News. URL consultato l'8 luglio 2018.
  25. ^ (EN) Mike Wendling, What is an 'incel'?, in BBC News, 24 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  26. ^ Incel, the misogynist ideology that inspired the deadly Toronto attack, explained, in Vox. URL consultato l'8 luglio 2018.
  27. ^ (EN) Chris Fox, Facebook post connected to van attack suspect's profile references 'Incel Rebellion', in CP24, 24 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  28. ^ (EN) How rampage killer became misogynist 'hero', in BBC News, 26 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  29. ^ Suspect in Toronto van attack publicly embraced misogynist ideology. URL consultato l'8 luglio 2018.
  30. ^ (EN) Number cited in cryptic Facebook post matches Alek Minassian’s military ID: Source | The Star, in thestar.com. URL consultato l'8 luglio 2018.
  31. ^ (EN) Stephanie Dube Dwilson, Alek Minassian’s Parents & Family: 5 Fast Facts You Need to Know, in Heavy.com, 25 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  32. ^ (EN) Accused in deadly Toronto van attack charged with 3 more counts of attempted murder | CBC News, in CBC. URL consultato l'8 luglio 2018.
  33. ^ (EN) Toronto SUN, News, Toronto & GTA, Share Case of Toronto van attack accused Alek Minassian put over Tumblr Pinterest Google Plus Reddit LinkedIn Email, Tumblr, Pinterest, Case of Toronto van attack accused Alek Minassian put over | Toronto Sun, su torontosun.com, 31 gennaio 2019. URL consultato il 1º febbraio 2020.
  34. ^ Verdict in Alek Minassian van attack trial to be delivered March 2021 - CityNews Toronto, su toronto.citynews.ca. URL consultato il 19 dicembre 2020.
  35. ^ Canada: investì folla con un furgone, condannato all'ergastolo - Nord America, su Agenzia ANSA, 14 giugno 2022. URL consultato il 14 giugno 2022.
  36. ^ (EN) Coroner officially identifies victims of Yonge St. van rampage | The Star, in thestar.com. URL consultato l'8 luglio 2018.
  37. ^ (EN) Eight women and two men killed in Toronto van attack: coroner, in National Post, 27 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  38. ^ (EN) Toronto van attack suspect charged with 10 counts of first-degree murder, in Ottawa Sun, 24 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  39. ^ (EN) Court to wait longer to sentence Toronto van attacker Alek Minassian, su Toronto, 10 gennaio 2022. URL consultato il 23 gennaio 2022.
  40. ^ (EN) Katherine DeClerq, Investigation into deadly van incident closes roads in North York, in CP24, 23 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  41. ^ TorontoPolice, It is anticipated that investigators will be on scene for several days, leading to road closures. Alternate routes instead of Yonge Street are Beecroft Road and Doris Avenue. (Tweet), su Twitter, April 23, 2018. URL consultato il April 23, 2018.
  42. ^ Massive investigation into Toronto van attack will shut down Yonge Street for days. URL consultato l'8 luglio 2018.
  43. ^ (EN) Toronto van attack: road closures remain in effect Tuesday, in 640 Toronto. URL consultato l'8 luglio 2018.
  44. ^ (EN) G7 ministers sit down in Toronto to a full plate of world troubles | CBC News, in CBC. URL consultato l'8 luglio 2018.
  45. ^ (EN) Trudeau, Goodale try to reassure Canadians and the world in wake of deadly van attack | CBC News, in CBC. URL consultato l'8 luglio 2018.
  46. ^ (EN) Security heightened, roads closed outside ACC prior to Maple Leafs game, in 680 NEWS, 23 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  47. ^ 52 Division, Toronto Police Service, Air Canada Centre and Maple Leaf Square, Traffic restrictions and security enhancements, su torontopolice.on.ca, Toronto Police Service, 23 aprile 2018. URL consultato il 24 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2018).
  48. ^ (EN) Maple Leafs hold moment of silence for victims of Toronto van attack, in Global News. URL consultato l'8 luglio 2018.
  49. ^ (EN) Codi Wilson, New security measures in place for Blue Jays' home opener, in CP24, 29 marzo 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  50. ^ (EN) Blue Jays honour victims of deadly van attack with brief tribute, in Toronto, 24 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  51. ^ (EN) Ashifa Kassam, Toronto police officer hailed as hero for arresting suspect without firing shot, su the Guardian, 24 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  52. ^ (EN) Arresting officer in Toronto van attack doesn't want to be called a hero - CityNews Toronto, in CityNews Toronto, 25 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  53. ^ (EN) Toronto cop who arrested van attack suspect without firing a shot insists he's no hero, in USA TODAY. URL consultato l'8 luglio 2018.
  54. ^ (EN) Toronto sign dimmed, flags lowered to honour victims of deadly van attack, in Global News. URL consultato l'8 luglio 2018.
  55. ^ (EN) Local resident starts memorial outside scene of van attack - CityNews Toronto. URL consultato l'8 luglio 2018.
  56. ^ (EN) The day Yonge St. became a war zone: How the van rampage unfolded moment by moment | The Star, in thestar.com. URL consultato l'8 luglio 2018.
  57. ^ a b ‘This is what large cities do with tragedy’: Walking the route of the attack to understand Toronto’s pain and healing. URL consultato l'8 luglio 2018.
  58. ^ dailyhive.com, https://dailyhive.com/vancouver/gofundme-campaigns-toronto-van-attack-2018.
  59. ^ (EN) #TorontoStrong Fund raises more than $893,000 in first 48 hours | The Star, in thestar.com. URL consultato l'8 luglio 2018.
  60. ^ (EN) Codi Wilson, City of Toronto to hold vigil for victims of van attack, in CP24, 25 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  61. ^ (EN) Codi Wilson, Friends say 94-year-old woman was likely killed in North York van attack, in CP24, 25 aprile 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  62. ^ thestar.com, https://www.thestar.com/news/gta/2018/04/29/thousands-expected-to-attend-vigil-for-those-killed-and-injured-in-van-attack.html.
  63. ^ montreal.ctvnews.ca, https://montreal.ctvnews.ca/trudeau-couillard-join-thousands-in-remembering-victims-at-toronto-vigil-1.3907168.
  64. ^ Toronto plans permanent memorial for victims of deadly van attack. URL consultato l'8 luglio 2018.
  65. ^ Andrea Martinelli, #TorontoStrong Fund names former Mayor Barbara Hall as administrator, su wx.toronto.ca, Municipal government of Toronto, 13 giugno 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]