Haytham bin Tariq Al Sa'id

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Haytham bin Ṭāriq bin Taymūr Āl Saʿīd
هيثم بن طارق ﺑﻦ ﺗﻴﻤﻮﺭ آل سعيد
Secretary Pompeo Meets with the Sultan of Oman Haitham bin Tariq Al Said (49565463757) (cropped).jpg
Sultano dell'Oman
Stemma
In carica 11 gennaio 2020
Predecessore Qābūs bin Saʿīd
Erede Theyazin bin Haytham Āl Saʿīd
Altri titoli Sayyid
Nascita Mascate, 13 ottobre 1954 (66 anni)
Dinastia Āl Bū Saʿīdī
Padre Ṭāriq bin Taymūr
Madre Shawāna bint Ḥammūd Āl Bū Saʿīdiyya
Consorte ʿAhd bint 'Abd Allāh Āl Bū Saʿīdiyya[1]
Figli Sayyid Theyazin
Sayyid Bilʿarab
Sayyida Thurayā
Sayyida Umayma
Religione Musulmano ibadita
Haytham bin Ṭāriq bin Taymūr Āl Saʿīd

Primo ministro dell'Oman
Ministro della Difesa
In carica
Inizio mandato 11 gennaio 2020
Vice Fahd bin Mahmoud al Sa'id (da gennaio 2020)
Asa'ad bin Tariq bin Taymur al Sa'id (da gennaio 2020)
Shihab bin Tariq bin Taimur al Said (da marzo 2020)
Predecessore Qābūs bin Saʿīd Āl Saʿīd

Ministro degli Affari Esteri
Durata mandato 11 gennaio 2020 –
18 agosto 2020
Predecessore Qābūs bin Saʿīd Āl Saʿīd
Successore Badr bin Hamad bin Hamood Al Busaidi

Ministro delle Finanze
Durata mandato 11 gennaio 2020 –
18 agosto 2020
Predecessore Qābūs bin Saʿīd Āl Saʿīd
Successore Sultan bin Salem bin Saeed al-Habsi

Ministro del Patrimonio e della Cultura
Durata mandato marzo 2002 –
1º marzo 2020
Monarca Sultano Qabus bin Sa'id
Predecessore Salem bin Mohammed Al Mahrouqi
Successore ?

Segretario generale del Ministero degli affari Esteri
Durata mandato 1994 –
2002

Sottosegretario per gli Affari Politici del Ministero degli Affari Esteri
Durata mandato 1986 –
1994

Dati generali
Università Pembroke College, Università di Oxford e Brummana High School

Haytham bin Ṭāriq bin Taymūr Āl Saʿīd (in arabo: هيثم بن طارق ﺑﻦ ﺗﻴﻤﻮﺭ آل سعيد‎; Mascate, 13 ottobre 1954) è l'attuale sultano dell'Oman.

L'11 gennaio 2020 è stato indicato come successore di suo cugino Qābūs.[2] In precedenza aveva ricoperto l'incarico di Ministro del Patrimonio e della Cultura dell'Oman.[3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Membro della famiglia reale omanita dell'Al Bu Sa'idi, si è laureato nel 1979 al Foreign Service Program (FSP) dell'Università di Oxford.

È stato il primo presidente della Federazione calcistica dell'Oman nei primi anni '80 ed è egli stesso descritto come un grande appassionato di sport.

Ha ricoperto l'incarico di Sottosegretario al Ministero degli Affari Esteri per gli Affari Politici dal 1986 al 1994, ed è stato successivamente nominato Segretario Generale per il Ministero degli Affari Esteri (1994-2002), diventando anche ministro del Patrimonio e della Cultura a metà degli anni '90[4].

È presidente del comitato per la visione futura "Oman 2040", oltre ad essere presidente onorario dell'Associazione per i disabili dell'Oman.

Dopo la morte del cugino (ed ex cognato) Qābūs, avvenuta il 10 gennaio 2020, Haytham bin Ṭāriq gli è succeduto come sultano dell'Oman, confermandone la linea politica, caratterizzata dalla non ingerenza del governo rispetto agli affari interni degli stati confinanti[4].

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Sayyid Faysal bin Turki Sayyid Turki bin Said  
 
una dama suri  
Sayyid Taymur bin Faysal  
Sayyida Aliya bint Thuwaini Al Said Sayyid Thuwaini bin Said  
 
Sayyida Ghaliya bint Salim Al-Busaidiyah  
Sayyid Tariq bin Taymur  
 
 
 
Kamila Khanum  
 
 
 
Haitham bin Tariq  
Sayyid Ahmad Al-Busaidi Sayyid N. Al-Busaidi  
 
 
Sayyid Hamud bin Ahmad Al-Busaidi  
 
 
 
Sayyida Shawana bint Hamud Al-Busaidiyah  
 
 
 
 
 
 
 
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze dell'Oman[modifica | modifica wikitesto]

Gran maestro dell'Ordine di Al Sa'id - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine di Al Sa'id
Gran maestro dell'Ordine dell'Oman - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine dell'Oman
Gran maestro dell'Ordine civile dell'Oman - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine civile dell'Oman
Gran maestro dell'Ordine militare dell'Oman - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine militare dell'Oman
Gran maestro dell'Ordine del Rinascimento dell'Oman - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine del Rinascimento dell'Oman
Gran maestro dell'Ordine del sultano Qabus - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine del sultano Qabus
Gran maestro dell'Ordine di N'Oman - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine di N'Oman
Gran maestro dell'Ordine della Cultura, scienza e arte - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine della Cultura, scienza e arte
Gran maestro dell'Ordine al merito del sultano Qabus - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine al merito del sultano Qabus
Gran maestro dell'Ordine al merito - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine al merito
Gran maestro dell'Ordine dell'apprezzamento - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine dell'apprezzamento
Gran maestro dell'Ordine della consecuzione - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine della consecuzione
Membro di I Classe dell'Ordine di Al-Russoukh - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I Classe dell'Ordine di Al-Russoukh
— 23 novembre 2010

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Membro di I Classe dell'Ordine del re Abd al-Aziz (Regno dell'Arabia Saudita) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I Classe dell'Ordine del re Abd al-Aziz (Regno dell'Arabia Saudita)
— 24 dicembre 2006
Gran Decorazione d'onore dell'Ordine al merito della Repubblica Austriaca - nastrino per uniforme ordinaria Gran Decorazione d'onore dell'Ordine al merito della Repubblica Austriaca
— 31 marzo 2001
Cavaliere di gran croce dell'Ordine Reale Vittoriano (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine Reale Vittoriano (Regno Unito)
— 26 novembre 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Royal Ark
  2. ^ Oman's new ruler Haitham bin Tariq takes oath: newspapers, su reuters.com.
  3. ^ Ministers, su omannews.gov.om (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2015).
  4. ^ a b Oman, nuovo sultano Haitham bin Tariq al-Said conferma politica della non ingerenza, su rainews.it. URL consultato il 20 luglio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sultano dell'Oman Successore Royal Standard of Oman.svg
Qabus bin Said 11 gennaio 2020 - in corso
Controllo di autoritàVIAF (EN8157949366665092912 · GND (DE1202739660