Tsai Ing-wen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tsai Ing-wen
蔡英文官方元首肖像照.png
Cai Yingwen il 10 maggio 2016

Presidente della Repubblica di Cina
In carica
Inizio mandato 20 maggio 2016
Vice presidente Chen Chien-jen
Capo del governo Lin Chuan
William Lai
Su Tseng-chang
Predecessore Ma Ying-jeou

Presidente del Partito Progressista Democratico
In carica
Inizio mandato 28 maggio 2014
Predecessore Su Tseng-chang

Dati generali
Partito politico Partito Progressista Democratico
Titolo di studio laurea in legge
Università National Taiwan University; Cornell University, New York; London School of Economics, United Kingdom
Professione avvocato

Cai Yingwen[1] (蔡英文T, Cài YīngwénP; Zhongshan, 31 agosto 1956) è una politica taiwanese, attuale Presidente di Taiwan dal 2016; è la prima donna a ricoprire tale incarico. Nel 2020 è stata rieletta per un secondo mandato dopo la vittoria alle elezioni presidenziali.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

È stata vice premier di Taiwan e segretaria del Partito Progressista Democratico (PPD), partito che lotta per l'indipendenza di Taiwan dalla Cina. Tsai ha ereditato questa tradizione, inflessibile sull'indipendentismo taiwanese, manifestando tuttavia posizioni molto più concilianti su moltissime altre questioni politiche sia interne sia estere.

Il 16 gennaio 2016 viene eletta Presidente di Taiwan, prima donna a capo del Paese; è entrata in carica il 20 maggio successivo.

L'11 gennaio 2020 i cittadini taiwanesi hanno votato per eleggere il presidente e definire la composizione del parlamento locale, lo Yuan legislativo. Tsai Ing-wen, del DPP, il Partito Progressista Democratico, assertrice della linea dura contro l'influenza di Pechino e leader filoindipendentista, ha ottenuto un secondo mandato presidenziale, con il 57,1% dei consensi (un punto percentuale in più rispetto al 56,1% del 2016). La votazione fa segnare un record storico: è la prima volta che un presidente di Taiwan è stato eletto con oltre otto milioni di voti (8.170.231); un risultato dovuto all'alta affluenza alle urne, precisamente del 74,9%, la più alta delle ultime tre elezioni presidenziali.

La Presidente uscente ha sconfitto l'avversario populista Han Guo-yu (38,6%), leader dello storico partito nazionalista di Taiwan, il Guomindang (GMD), meno inviso a Pechino, che aveva conquistato 15 città e contee nel corso delle elezioni amministrative del novembre 2018, tra cui la roccaforte del DPP, Kaohsiung. Altro candidato in lizza era James Soong (4,3%), leader del partito di centro-destra, il People First Party (PFP).[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'onomastica cinese il cognome precede il nome. "Cai" è il cognome.
  2. ^ Fabrizia Candido, Tsai Ing-wen, leader del DPP, rieletta Presidente a Taiwan, su Opinio Juris, 3 febbraio 2020. URL consultato il 28 febbraio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN21998160 · ISNI (EN0000 0000 5342 0384 · LCCN (ENno2004043185 · GND (DE171629957 · WorldCat Identities (ENlccn-nr91022003