Offensiva talebana del 2021

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Offensiva talebana del 2021
parte della Guerra in Afghanistan (2001-2021)
Data1º maggio - 6 settembre 2021
LuogoAfghanistan
Casus belliRitirata delle truppe statunitensi e della coalizione NATO (Accordo di Doha del 2020)
EsitoVittoria dei Talebani:
Modifiche territorialiAssunzione dell'intero controllo del paese da parte dei Talebani [1]
Schieramenti
Comandanti
Afghanistan Ashraf Ghani
Afghanistan Abdullah Abdullah
Afghanistan Bismillah Khan
Afghanistan Ahmad Massoud
Afghanistan Abdul Rashid Dostum
Stati Uniti Joe Biden
Stati Uniti Mark Milley
Flag of Taliban.svg Hibatullah Akhundzada
Flag of Taliban.svg Abdul Ghani Baradar
Flag of Taliban.svg Sirajuddin Haqqani
Flag of Taliban.svg Mohammad Yaqoob
Afghanistan Ismail Khan (passato ai talebani il 13 agosto)[secondo altre fonti è "prigioniero di guerra"?]
Effettivi
Afghanistan Forze armate dell'Afghanistan

Afghanistan Polizia nazionale afghana
Stati Uniti United States Air Force
Stati Uniti United States Navy

Forze in campo ANSF: 320.000 (ufficialmente,inclusi molti soldati fantasma);[2]

Numero sconosciuto di militari appartenenti a milizie filo-governative.
Flag of Taliban.svg Unità rossa

Flag of Taliban.svg Battaglione del martirio
Flag of Taliban.svg Battaglione Badri 313
Milizie locali disertati Soldati afghani disertati

Forze in campo

85.000–200.000[2]
Perdite
1.537 morti[3]
Più di 1.581 disertori[4]
Centinaia di truppe arrese[5]
9.240 morti[6] (fonte del governo afghano)
1.031 civili morti[3][7]
1.609 civili feriti[7]
Voci di guerre presenti su Wikipedia

L'offensiva talebana del 2021 è un’azione militare da parte dei talebani contro il governo dell'Afghanistan e i suoi alleati, iniziata il 1º maggio 2021, in seguito al ritiro della stragrande maggioranza delle truppe statunitensi dall'Afghanistan eseguito dal Presidente Joe Biden. Al 15 luglio 2021, oltre un terzo dei 421 distretti dell'Afghanistan era controllato dai talebani, e al 21 luglio metà dell'Afghanistan era sotto il controllo dei talebani. A partire dal 6 agosto, i talebani hanno conquistato trentatré dei trentaquattro capoluoghi di provincia dell'Afghanistan. Il 10 agosto i talebani controllavano il 65% dell'area del paese.

L'offensiva è stata caratterizzata da conquiste territoriali particolarmente rapide. I talebani hanno raggiunto e preso Kabul, causando la caduta della Repubblica islamica dell'Afghanistan, il 15 agosto 2021. In seguito alla presa della capitale, i talebani hanno occupato il palazzo presidenziale dopo che il presidente in carica Ashraf Ghani è fuggito dal Paese, rifugiandosi negli Emirati Arabi Uniti.[8]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre 2020 oltre 5000 prigionieri talebani, 400 dei quali accusati e condannati per reati gravi, vennero rilasciati dal governo afghano secondo l'accordo di Doha tra gli Stati Uniti e i talebani.[9] Secondo il consiglio di sicurezza nazionale afghano, a seguito di questo molti prigionieri "esperti" sono ritornati nell'esercito talebano e lo hanno reso più potente.[10]

All'inizio del 2021, sia il Pentagono sia il governo afghano confidavano in un sostegno continuo delle truppe statunitensi. Il governo dell’Afghanistan faceva costantemente affidamento sulla forza lavoro e sul sostegno degli Stati Uniti.[11]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'incontro, avvenuto il 25 giugno 2021, tra il presidente afgano Ashraf Ghani e il segretario della Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin
Dei soldati dell'esercito nazionale afgano durante uno scontro con i talebani, il 2 agosto

Dall'annuncio del ritiro delle forze della NATO, il primo maggio, i talebani hanno lanciato un'offensiva militare per occupare le zone rimaste ingovernate dalle truppe locali. Dopo aver occupato vasti territori rurali senza incontrare molta resistenza, gli insorti hanno concentrato i loro sforzi dall'inizio di agosto sulle grandi città dove l'esercito di Kabul ha ammassato le sue forze, difendendo i diversi capoluoghi di provincia. Il 6 agosto i talebani prendono Zaranj a sud-ovest e Sheberghan a nord.[12] L'8 agosto, hanno espugnato tre capoluoghi di provincia, tra cui la seconda città del Paese, Kunduz.[13][14] Le città di Sar-e Pol e di Kunduz, due capoluoghi di provincia nell'Afghanistan settentrionale, sono cadute nelle mani dei talebani a poche ore di distanza una dall'altra.[15] Lo hanno confermato funzionari delle due città, parlando di intensi combattimenti tra gli insorti e le forze locali. I talebani hanno conquistato anche Taloqan, il terzo capoluogo di provincia afghano.[15] Kunduz, che era già caduta due volte negli ultimi anni nelle mani degli insorti nel 2015 e nel 2016, è un crocevia strategico nel Nord dell'Afghanistan, tra Kabul e il Tagikistan. La sua conquista è il principale successo militare dei talebani dall'inizio della loro offensiva, lanciata con il ritiro delle forze internazionali, che deve essere completato entro il 31 agosto. Il giorno stesso, il Pentagono ha inviato in Afghanistan alcuni bombardieri B-52 e AC-130H Spectre per fermare l'avanzata talebana.[14]

Il 10 agosto, i talebani conquistarono il centro di Farah.[16] È la settima provincia a cadere nelle mani degli insorti dall'inizio della nuova offensiva. La preoccupante avanzata dei talebani in Afghanistan portò l'India a invitare i suoi connazionali a lasciare Mazar-i Sharif su un volo speciale che partì da Mazar-i Sharif per Nuova Delhi. Nel frattempo, con l'aiuto dei raid aerei, sono stati uccisi 47 miliziani talebani sulle loro postazioni nella provincia meridionale afghana di Kandahar. Lo riferisce un comunicato del ministero della Difesa afghano. I raid hanno colpito le postazioni talebane a Dand, Zari, Takhta Pul e in alcune aree di Kandahar, capoluogo della provincia. Poche ore, gli insorti sono entrati a Pol-e Khomri, capoluogo della provincia afghana di Baghlan, nel nordest dell'Afghanistan salendo così a otto capoluoghi conquistati.[17]

L'11 agosto cadde anche la città di Feyzabad nel Nord del Paese: è il nono capoluogo di provincia su 34 a cadere nelle mani degli insorti in meno di una settimana.[18] Il 12 agosto i talebani conquistato Ghazni, 150 chilometri a sud-ovest di Kabul, il decimo capoluogo di provincia preso dai miliziani in una settimana.[19][20] Ghazni è il capoluogo di provincia più vicino a Kabul conquistato dai talebani da quando hanno lanciato la loro offensiva a maggio. In poche ore gli insorti hanno conquistato anche la città di Herat, nell'ovest del Paese, ed ex quartier generale delle forze armate italiane.[19][21] Lo riferiscono i servizi di sicurezza. I talebani si sono impadroniti del quartier generale della polizia. Inoltre hanno rivendicano anche la conquista di Kandahar, lo riporta Zabihullah Mujaid, portavoce dei talebani, che rivendica su Twitter la conquista della città afghana.[21] Secondo i funzionari americani stimano che la capitale afgana cadrà entro 90 giorni, mentre altri ritengono che la disfatta avverrà entro un mese. Il Pentagono ha inviato 3000 soldati per proteggere l’evacuazione del personale diplomatico e spostando la loro ambasciata a Kabul nell’area dell’aeroporto. Sono circa 5.000 tra civili e militari gli americani basati nel complesso dell'ambasciata Usa a Kabul e nella sede vicina all'aeroporto internazionale Hamid Karzai. Anche la Gran Bretagna ha inviato 600 militari in Afghanistan per aiutare il proprio personale diplomatico e i cittadini britannici a lasciare il Paese.

Nella mattinata del 13 agosto i talebani senza nemmeno combattere, sono entrati anche a Feruz Koh, nella provincia occidentale di Ghowr.[22] La città è stata abbandonata dalle forze di sicurezza e dai funzionari governativi. Non solo, sempre nelle ore precedenti gli estremisti hanno conquistato anche Lashkar Gah, importante città nel Sud dell’Afghanistan, capoluogo della provincia più grande del Paese, Helmand.[23] E poi ancora sono arrivati a Qalat, capoluogo della provincia di Zabul, e anche a Tirin Kot, nella provincia meridionale di Oruzgan.[24][25]

Il 14 agosto è stata conquistata Mazar-i Sharif, quarta città dell'Afghanistan e capoluogo della provincia di Balkh, in mano ai talebani che ora controllano tutto il Nord del Paese e sono arrivati a un soffio dalla capitale.[26] Dopo Herat e Kandahar, la perdita di Mazar-I Sharif, centro di grande importanza strategica, è un altro colpo durissimo per il governo afghano, al quale resta la capitale come unica roccaforte. I primi ad arrendersi sono stati i soldati dell'esercito regolare. Nelle stesse ore sono state espugnate Sharana, Mehtarlam e Asadabad, nell'Est e, dopo un mese di assedio, Meymaneh, nel Nord. Sono saliti così a ventitré su trentaquattro il numero di capoluoghi di provincia controllati dai talebani.[27] All'inizio del 15 agosto 2021, i talebani sono entrati senza opposizione a Jalalabad, la capoluogo della provincia di Nangarhar.[28] Fu il ventiseiesimo capoluogo di provincia a cadere, e la sua cattura lasciò Kabul come l'ultima grande città sotto il controllo del governo afghano. Poco dopo, anche Maidan Shar, Khost, Bamiyan,[29] Mahmud-i-Raqi, Charikar e Parun caddero.

Caduta di Kabul[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Caduta di Kabul (2021).

«I talebani ce l'hanno fatta a rimuovermi, per evitare il bagno di sangue, ho pensato che fosse meglio partire.»

(Ashraf Ghani[30])

La mattina del 15 agosto, i talebani nonostante abbiano rilasciato una dichiarazione in cui affermavano di "non avere intenzione di prendere la capitale afghana con la forza" cominciarono ad avanzare alla volta della capitale partendo dai distretti di Kalakan, Qarabagh e Paghman, accerchiando la città.[31] È stato segnalato un blackout in tutta la città e un possibile assalto e rivolta dei detenuti nella prigione di Pul-e-Charkhi. Gli elicotteri Boeing CH-47 Chinook e Sikorsky UH-60 Black Hawk iniziarono ad atterrare presso l'ambasciata americana a Kabul per effettuare evacuazioni e fu riferito che i diplomatici stavano rapidamente distruggendo documenti riservati. Il ministero degli interni afghano ha annunciato che il presidente Ghani ha deciso di rinunciare al potere e che si sarebbe formato un governo ad interim guidato dai talebani. L'ex presidente Hamid Karzai doveva far parte del team di negoziazione. I talebani ordinarono ai loro combattenti di attendere un pacifico trasferimento di potere e di non entrare a Kabul con la forza. Le forze di sicurezza hanno consegnato l'aeroporto di Bagram ai talebani; la base aerea ospita circa 5.000 prigionieri talebani e dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante.

Il 15 agosto anche la capitale Kabul cadde in mano ai talebani.[32][33][34] Con la caduta della città, molte ambasciate hanno cessato la loro attività e i diplomatici sono stati evacuati attraverso voli militari dall'aeroporto di Kabul. Il presidente americano Joe Biden dopo la disfatta annunciò l'invio di circa 800 Marines per garantire la sicurezza dei cittadini statunitensi e dei cittadini dei paesi Nato durante l'evacuazione.[35]

Nel caos crescente, il Presidente Ashraf Ghani lasciò il paese e partì alla volta dell'Uzbekistan, passando per il Tagikistan.[34][36] I talebani inoltre annunciarono che avrebbero ritrasformato il paese in un "emirato islamico".[37][38] Il 16 agosto, il portavoce dei talebani, Mohammad Naeem, ha dichiarato in un'intervista ad Al Jazeera che la guerra in Afghanistan è finita. Ha anche detto che i talebani hanno ottenuto ciò che volevano e che non permetteranno che il territorio afghano venga usato contro nessuno e non vogliono danneggiare nessun altro.

Il Pentagono ha confermato che il capo del comando centrale degli Stati Uniti in Qatar, il generale Kenneth F. McKenzie Jr., ha incontrato i leader talebani con sede nella capitale del Qatar, Doha. I funzionari talebani hanno accettato i termini stabiliti da McKenzie per la fuga dei rifugiati utilizzando l'aeroporto di Kabul.[39]

Effimera rinascita dell'Alleanza del Nord come "Resistenza del Panjshir"[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Resistenza del Panjshir.

Proteste anti-talebane[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 agosto 2021, a Kabul sono state segnalate piccole proteste di donne per chiedere la parità di diritti per le donne, la prima protesta delle donne contro il nuovo regime.[40]

Il 18 agosto, sono scoppiate maggiori proteste nelle città abitate dai pashtun orientali. I talebani hanno aperto il fuoco sui manifestanti a Jalalabad, uccidendo 3 persone e ferendone più di una dozzina[41]. Alcuni testimoni hanno riportato che la morte è avvenuta quando i residenti hanno cercato di installare la bandiera nazionale dell'Afghanistan in una piazza a Jalalabad. Ci sono state anche segnalazioni di persone che cercavano di piantare la bandiera nazionale dell'Afghanistan nelle città orientali di Khost e Asadabad.[42]

Il giorno successivo, il 19 agosto, giorno dell'indipendenza afghana, è stato segnalato che le proteste si sono estese a più città, mentre a Kabul, 200 persone riunite in un corteo di auto portava un lungo tricolore afgano in segno di sfida prima che fosse dispersa con la forza dai talebani[43]. Ci sono state più segnalazioni di bandiera talebana abbattuta e sostituita dalla bandiera della Repubblica islamica dell'Afghanistan. Diversi manifestanti sono stati uccisi da colpi d'arma da fuoco mentre sventolavano bandiere nazionali durante il giorno dell'indipendenza afghana ad Asadabad. Nella provincia di Khost, i talebani hanno violentemente interrotto un'altra protesta e hanno dichiarato un coprifuoco di 24 ore; nel frattempo, nella provincia di Nangarhar, è stato pubblicato un video che mostra un manifestante sanguinante con una ferita da arma da fuoco che viene portato via.

Il 20 agosto, donne afgane che hanno lavorato per il governo e per organizzazioni non governative negli anni della repubblica islamica hanno tenuto un raduno di protesta esprimendo preoccupazioni per il futuro e riguardo la partecipazione delle donne al nuovo governo. L'attivista per i diritti umani Fariha Esar ha dichiarato: "Non rinunceremo al nostro diritto all'istruzione, al diritto al lavoro e al nostro diritto alla partecipazione politica e sociale".[44]

Reazioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

  • Afghanistan Afghanistan: il governo afghano ha promesso di riconquistare tutti i distretti occupati dai talebani. Ismail Khan, politico afghano ed ex mujaheddin, annunciò la formazione del "Movimento di resistenza popolare dell'Afghanistan occidentale" per combattere i talebani nella provincia di Herat.[45] Ahmad Massoud, figlio del cosiddetto "leone del Panjshir" Aḥmad Shāh Masʿūd, annunciò la formazione dell'effimero Fronte Nazionale dell'Afghanistan per combattere i talebani nella Valle del Panjshir.
  • Città del Vaticano Città del Vaticano: papa Francesco espresse una preghiera rivolta all'Afghanistan, invitando a trovare una soluzione per cessare le ostilità attraverso il dialogo.[46]
  • Danimarca Danimarca: il ministro degli esteri Jeppe Kofod annunciò che la Danimarca avrebbe chiuso temporaneamente la propria ambasciata a Kabul e che avrebbe fatto il possibile per aiutare i dipendenti dell'ambasciata a lasciare il paese.[47]
  • Germania Germania: il ministro degli esteri Heiko Maas annunciò che la Germania fosse pronta a non fornire più aiuti finanziari al Paese qualora i talebani avessero imporre la sciaria.[48]
  • Indonesia Indonesia: il governo indonesiano intimò a tutti i connazionali di lasciare il paese.[49]
  • Italia Italia: alla luce del deterioramento delle condizioni di sicurezza, la Farnesina invitò i cittadini italiani a lasciare il Paese con un volo di rientro preposto dall’Aeronautica militare.[50][51][52]
  • Norvegia Norvegia: la Norvegia annunciò che avrebbe chiuso la propria ambasciata a Kabul e la ministra degli affari esteri Ine Marie Eriksen Søreide affermò che "c'è stato un grave peggioramento della situazione della sicurezza in Afghanistan, ai danni della popolazione civile."[53]
  • Russia Russia: le autorità russe affermarono che stavano lavorando con il governo tagiko per proteggerlo da qualsiasi minaccia straniera nell'ambito dell'Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva.[54] Il rappresentante speciale russo per l'Afghanistan, Zamir Kabulov, affermò che il governo afghano avesse aderito solo a parole all'idea dei colloqui e che non stava facendo abbastanza per realizzarli. Ha anche affermato che la Russia e altre potenze regionali erano favorevoli a un governo di transizione in Afghanistan.[55] Rappresentanti talebani visitarono Mosca a luglio. Il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, definì i talebani "sani di mente" e non escluse il riconoscimento della legittimità del nuovo governo talebano.[56] Il console russo in Afghanistan definì i talebani "buoni alleati".[57] Il presidente russo, Vladimir Putin, dichiarò invece: "È importante non permettere ai terroristi di riversarsi nei Paesi vicini".[58]
  • Svezia Svezia: la Svezia annunciò che avrebbe chiuso la propria ambasciata a Kabul e la ministra degli affari esteri Ann Linde affermò che le forme di aiuto svedesi all'Afghanistan sarebbero state riviste.[59]
  • Kazakistan Kazakistan: rappresentanti del Kazakistan presero parte al vertice dell'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai insieme alle autorità di Russia e Cina per discutere di un possibile afflusso di rifugiati afgani.[60]
  • Pakistan Pakistan: il primo ministro pakistano Imran Ahmed Niazi Khan affermò che gli afghani avevano spezzato "le catene della schiavitù".[61] Il Comitato per la sicurezza nazionale del Pakistan (NSC) ribadì che il Pakistan volesse una forma inclusiva di soluzione politica in Afghanistan che rappresentasse tutti i gruppi etnici del paese.
  • Tagikistan Tagikistan: il presidente Emomalī Rahmon inviò 20.000 militari di riserva dell'esercito tagico presso il confine con l'Afghanistan.[62]
  • Flag of Taliban.svg Talebani: il 9 luglio, un negoziatore talebano, Shahabuddin Delawar, dichiarò a Mosca, in Russia, che l'organizzazione "controllava l'80% del territorio dell'Afghanistan" e ha sottolineato che "non faceva parte dell'accordo" con gli Stati Uniti di non attaccare i centri amministrativi afgani.
  • Turchia Turchia: il paese si era offerto di ordinare alle sue truppe di difendere l'aereoporto internazionale di Kabul.[63]
  • Turkmenistan Turkmenistan: le truppe turcomanne vennero schierate sul confine afgano per questioni di sicurezza.[64]
  • Uzbekistan Uzbekistan: prevedendo una possibile crisi migratoria dovuta all'offensiva talebana in Afghanistan, il governo usbeco eresse una tendopoli nella città di Termez per accogliere i migranti afgani.[65]
  • Ucraina Ucraina: l'Ucraina evacuò i cittadini olandesi, ucraini e afghani da Kabul.[66] I talebani circondarono una base militare ucraina nei pressi di Kabul.[67] Il presidente Volodymyr Zelens'kyj annunciò che 80 cittadini afgani che avevano chiesto lo status di rifugiato nello Stato ucraino, erano stati evacuati ll'Afghanistan. Il leader ucraino dichiarò: "L'Ucraina verrà sempre in aiuto dei suoi cittadini, qualunque cosa accada nel mondo".[68]
  • Stati Uniti Stati Uniti: gli Stati Uniti condannarono gli attacchi e parlarono "senza ambiguità" di attentati "di marchio talebano", secondo i commenti del portavoce del dipartimento di Stato. Il 10 agosto, John Kirby, il segretario di stampa del Pentagono, affermò che gli Stati Uniti erano fiduciosi che gli attacchi aerei avrebbero avuto un effetto sui talebani, ma concluse dicendo che la sola potenza aerea americana non sarebbe stata sufficiente a fermare l'offensiva talebana.[69]
  • Giappone Giappone: il ministro degli Esteri giapponese, Motegi Toshimitsu condannò la presa di Kabul, “Vorrei sollecitare tutte le parti coinvolte in Afghanistan a ristabilire sicurezza e ordine, garantendo la protezione dei residenti e delle proprietà” successivamente anche il premier Suga ha dichiarato di voler collaborare con altre nazioni, compresi gli Stati Uniti, per la sicurezza dei suoi cittadini.[70]

Analisi degli eventi[modifica | modifica wikitesto]

Numerosi politici, giornalisti e analisti hanno definito la caduta dell'Afghanistan sotto il controllo dei Talebani come un significativo e disastroso fallimento della NATO e degli Stati Uniti d'America. Armin Laschet, leader dell'Unione Cristiano-Democratica di Germania, ha descritto gli eventi dell'agosto 2021 come "la più grande sconfitta della NATO fin dalla sua creazione ed un cambio d'epoca con cui dovremo confrontarci". Tom Tugendhat, Presidente della Commissione Affari Esteri della Camera dei Comuni del Regno Unito, ha paragonato la caduta dell'Afghanistan alla Crisi di Suez per l'umiliazione subita dal governo britannico.[71][72]

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, in un discorso alla Nazione rilasciato il 16 agosto 2021, ha respinto tali accuse, sottolineando come l'invasione dell'Afghanistan del 2001 avesse l'obbiettivo di distruggere la basi di Al Qaida nel Paese ed uccidere Osama bin Laden, obbiettivi entrambi raggiunti; la costruzione di una democrazia in Afghanistan e la sconfitta dei Talebani, secondo Biden, non erano mai stati l'obbiettivo del governo americano. Biden ha poi difeso la sua decisione di ritirare i soldati americani dal Paese, sottolineando come la loro permanenza non avrebbe cambiato l'esito del conflitto militare; ha inoltre accusato la classe dirigente afghana e le Forze armate dell'Afghanistan, accusandole di non essere state capaci di sconfiggere gli Studenti Coranici nonostante gli ingenti aiuti militari e finanziari dell'Occidente.[73]

Il discorso di Biden ha ricevuto dure critiche dalla stampa americana, anche quella tradizionalmente vicina al Partito Democratico: secondo The Wall Street Journal “la dichiarazione con cui il presidente Biden si è lavato le mani dell'Afghanistan questo sabato merita di essere considerata una delle più vergognose della storia da un comandante in capo in un simile momento di ritirata statunitense”; The Washington Post ha definito la caduta dell'Afghanistan "un disastro evitabile", sottolineando come Biden che “avrebbe potuto rinegoziare l’accordo del ritiro raggiunto dal suo predecessore, certamente le continue violazioni compiute dai talebani del patto gli avrebbero dato una ragione legittima per farlo”; The New York Times ha scritto che, anche se “l'amministrazione Biden aveva ragione a porre fine alla guerra, non c'era bisogno che finisse in un tale caos, con così poca previdenza per tutti coloro che hanno sacrificato così tanto nella speranza di un Afghanistan migliore”.[74][75]

L'occupazione talebana di Kabul è stata più volte paragonata dalla stampa occidentale alla caduta di Saigon al termine della guerra del Vietnam,[76][77][78] sebbene il Presidente Joe Biden e il Segretario di Stato Antony Blinken abbiano entrambi rigettato il paragone.[79][80] L'ex segretario di Stato Leon Panetta ha invece paragonato gli eventi dell'Afghanistan all'invasione della baia dei Porci a Cuba del 1961, sottolineando come Biden dovrebbe prendersi la responsabilità del fallimento come fece John Fitzgerald Kennedy in seguito al disastro cubano.[81]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2021/09/06/afghanistan-talebani-preso-il-totale-controllo-del-panshir_7ee41e92-030b-4de7-a63f-0f2b53b89294.html
  2. ^ a b ctc.usma.edu, https://ctc.usma.edu/afghanistans-security-forces-versus-the-taliban-a-net-assessment/.
  3. ^ a b Fatima Faizi, Fahim Abed e Najim Rahim, Afghan War Casualty Report: May 2021, in The New York Times, 3 giugno 2021. URL consultato il 9 luglio 2021. Fatima Faizi e Najim Rahim, Afghan War Casualty Report: June 2021, in The New York Times, 1º luglio 2021. URL consultato il 9 luglio 2021. Fatima Faizi e Asadullah Timory, Afghan War Casualty Report: July 2021, in The New York Times, 15 luglio 2021. URL consultato il 5 agosto 2021. Fatima Faizi, Afghan War Casualty Report: August 2021, in The New York Times, 5 agosto 2021. URL consultato il 6 agosto 2021.
  4. ^ Some 1,500 Afghan soldiers crossed into Tajikistan over past 2 weeks - Tajik rep to CSTO, Interfax, 7 luglio 2021. URL consultato il 9 luglio 2021.(EN) Another group of Afghan military personnel given refuge by Army: ISPR, su Express Tribune, 26 luglio 2021. URL consultato il 26 luglio 2021. Ben Farmer, Taliban take key border crossing with Iran as group claims to control 85% of Afghanistan's territory, in The Telegraph, 9 luglio 2021.
  5. ^ Eric Schmitt, U.S. military official says a 'complete Taliban takeover' is possible in Afghanistan., su New York Times, 21 luglio 2021.
    «In response to the Taliban offensives, hundreds of Afghan troops have surrendered, giving up their U.S.-supplied equipment and fleeing, sometimes into neighboring countries. Afghan government counterattacks have had limited success.».
    America leaves Afghanistan on the brink of collapse, in The Economist, 8 luglio 2021. URL consultato l'11 luglio 2021.
    «Many districts are being taken not by force, but are simply handed over. Soldiers and policemen have surrendered in droves, leaving piles of American-purchased arms and ammunition and fleets of vehicles.».
    David Zucchino e Najim Rahim, A Wave of Afghan Surrenders to the Taliban Picks Up Speed, su New York Times, 27 maggio 2021. URL consultato l'11 luglio 2021.
  6. ^ Press Release, su Afghan Ministry of Defense, Afghan Ministry of Defense. URL consultato il 9 luglio 2021.
  7. ^ a b Emma Graham-Harrison, Afghanistan civilian casualty figures at record high, UN says, in The Guardian, 26 luglio 2021. URL consultato il 26 luglio 2021.
  8. ^ L’ex presidente afghano Ashraf Ghani ha parlato alla nazione: “Fuggito per evitare morti ma tornerò”, su fanpage.it.
  9. ^ (EN) Mujib Mashal e Fatima Faizi, Afghanistan to Release Last Taliban Prisoners, Removing Final Hurdle to Talks, in The New York Times, 9 agosto 2020. URL consultato il 16 agosto 2021.
  10. ^ (EN) The Taliban are storming prisons holding thousands of militants, su The Independent, 7 agosto 2021. URL consultato il 16 agosto 2021.
  11. ^ (EN) David E. Sanger e Helene Cooper, Taliban Sweep in Afghanistan Follows Years of U.S. Miscalculations, in The New York Times, 14 agosto 2021. URL consultato il 16 agosto 2021.
  12. ^ I talebani conquistano la prima città capoluogo. "Italiani, salvateci voi", su ilGiornale.it, 7 agosto 2021. URL consultato il 15 agosto 2021.
  13. ^ I talebani hanno conquistato anche la città di Kunduz, su Il Post, 8 agosto 2021. URL consultato il 15 agosto 2021.
  14. ^ a b Afghanistan, i talebani conquistano Kunduz dopo feroci combattimenti, su www.rainews.it, 8 agosto 2021. URL consultato l'8 agosto 2021.
  15. ^ a b L'avanzata dei talebani era attesa ed è arrivata. Ecco cosa sta succedendo, su Il Fatto Quotidiano, 8 agosto 2021. URL consultato il 15 agosto 2021.
  16. ^ Afghanistan, l’annuncio dei Talebani: “Abbiamo conquistato Farah”, su Il Secolo XIX, 10 agosto 2021. URL consultato il 15 agosto 2021.
  17. ^ Afghanistan, i Talebani: «Siamo entrati a Pol-e Khomri»: è l'ottavo capoluogo conquistato, su www.ilmessaggero, 10 agosto 2021. URL consultato il 10 agosto 2021.
  18. ^ (EN) Taliban capture Faizabad, 9th provincial capital in Afghanistan, su Daily Sabah, 11 agosto 2021. URL consultato il 15 agosto 2021.
  19. ^ a b Afghanistan: cadono anche Herat e Ghazni, i Talebani verso Kabul - Mondo. URL consultato il 15 agosto 2021.
  20. ^ Afghanistan, I talebani conquistano Ghazni, a 150 km da Kabul, su www.rainews.it, 12 agosto 2021. URL consultato il 12 agosto 2021.
  21. ^ a b I talebani hanno conquistato anche Herat e Kandahar, su Il Post, 13 agosto 2021. URL consultato il 15 agosto 2021.
  22. ^ Fuga da Kabul: la vittoria dei Talebani nel caos afgano, su Today. URL consultato il 15 agosto 2021.
  23. ^ Afghanistan: i Talebani conquistano Lashkar Gah - Ultima Ora, su Agenzia ANSA, 13 agosto 2021. URL consultato il 15 agosto 2021.
  24. ^ Afghanistan, Talebani conquistano altre città: Kabul è vicina, la Nato convoca vertice urgente. Onu: “Sull’orlo di un disastro umanitario”, su ilfattoquotidiano.it.
  25. ^ (PT) Talibãs já conquistaram 19 capitais provinciais no Afeganistão, su TSF Rádio Notícias, 14 agosto 2021. URL consultato il 15 agosto 2021.
  26. ^ Afghanistan, i talebani entrano a Mazar-i-Sharif: cade anche la strategica città nel nord, su Open, 14 agosto 2021. URL consultato il 15 agosto 2021.
  27. ^ Afghanistan, ministro dell'Interno: "Talebani entrati a Kabul". Trattative su governo di transizione, su rainews.it.
  28. ^ Afghanistan, talebani conquistano Jalalabad | ANSA.it, su www.ansa.it. URL consultato il 15 agosto 2021.
  29. ^ (EN) Afghanistan: Afghan civilians who helped Kiwis fear for their lives at hands of Taliban, su NZ Herald. URL consultato il 15 agosto 2021.
  30. ^ Citato in Afghanistan, i talebani prendono Kabul: “Proclameremo l’Emirato islamico”. Ghani fuggito in Tagikistan, in corso il rimpatrio degli italiani, Lastampa.it, 15 agosto 2021.
  31. ^ (EN) Ali M. Latifi, ‘At the gates’: Taliban ready to take Afghan capital, su www.aljazeera.com. URL consultato il 15 agosto 2021.
  32. ^ Afghanistan, il lungo giorno della caduta di Kabul, su Rainews. URL consultato il 15 agosto 2021.
  33. ^ I talebani entrano a Kabul, gli elicotteri Usa sorvolano la Capitale, su www.ilmessaggero.it. URL consultato il 15 agosto 2021.
  34. ^ a b I talebani sono a Kabul, è la resa dell'Occidente: il presidente in fuga, "sarà proclamato l'Emirato Islamico". Esplosioni nella capitale, evacuazioni Usa e Ue" - la diretta, su Il Fatto Quotidiano, 15 agosto 2021. URL consultato il 15 agosto 2021.
  35. ^ Gli Usa inviano più truppe in Afghanistan, ma solo per l'evacuazione. Biden non ci ripensa: il ritiro è definitivo, su la Repubblica, 15 agosto 2021. URL consultato il 15 agosto 2021.
  36. ^ Afghanistan: media, presidente Ghani ha lasciato il Paese - Ultima Ora, su Agenzia ANSA, 15 agosto 2021. URL consultato il 15 agosto 2021.
  37. ^ Nasce l'"Emirato Islamico d'Afghanistan" dei talebani. Ghani lascia il Paese: "L'ho fatto per evitare un massacro", su la Repubblica, 15 agosto 2021. URL consultato il 15 agosto 2021.
  38. ^ Talebani a Kabul: «Proclameremo l’Emirato islamico». Sparatorie all'aeroporto. Ghani fugge, su www.ilmessaggero.it. URL consultato il 15 agosto 2021.
  39. ^ independent.co.uk, https://www.independent.co.uk/news/world/americas/us-politics/kabul-taliban-us-evacuations-airport-b1903493.html.
  40. ^ Watch: Afghan women hold street protest as Taliban fighters look on, su indianexpress.com.
  41. ^ Taliban urge Afghan unity as protests spread to Kabul, su reuters.com.
  42. ^ Afghanistan’s Taliban Rulers Meet Their First Political Protests With Gunfire, su wsj.com.
  43. ^ Protests Spread to Kabul as Taliban Struggle to Govern, su nytimes.com.
  44. ^ Afghan Women to Taliban: 'Include Us In Your Govt', su tolonews.com.
  45. ^ (EN) Ismail Khan forms own militia against Taliban, su Afghanistan Times. URL consultato il 10 luglio 2021.
  46. ^ Afghanistan, Papa Francesco alla messa di Ferragosto: "Cessi il frastuono delle armi e si trovino soluzioni dialogando", su Il Fatto Quotidiano, 15 agosto 2021. URL consultato il 15 agosto 2021.
  47. ^ (DA) Udenrigsministeriet, Regeringen S V SF RV EL KF LA KD og AA enige om nye stoettetiltag, su Udenrigsministeriet. URL consultato il 16 agosto 2021.
  48. ^ (EN) Foreign minister: Germany won’t give aid to Afghanistan if Sharia law is enforced, su POLITICO, 12 agosto 2021. URL consultato il 15 agosto 2021.
  49. ^ (ID) C. N. N. Indonesia, Situasi Memanas, Kemlu Imbau WNI Tinggalkan Afghanistan, su internasional. URL consultato il 15 agosto 2021.
  50. ^ Afghanistan, i talebani a Kabul. Via con gli elicotteri dalle ambasciate. La Farnesina agli italiani: "Rientrate", su www.iltempo.it. URL consultato il 15 agosto 2021.
  51. ^ silipo, Afghanistan, appello Farnesina agli italiani: "Lasciate il Paese", su Adnkronos, 14 agosto 2021. URL consultato il 15 agosto 2021.
  52. ^ Italiani in Afghanistan in pericolo: il piano della Farnesina, su www.money.it. URL consultato il 15 agosto 2021.
  53. ^ (EN) Norway closing its embassy in Kabul, su www.newsinenglish.no. URL consultato il 16 agosto 2021.
  54. ^ "Tajikistan Seeks Russia-Led Alliance's Aid as Violence Builds on Afghan Border"
  55. ^ https://www.dawn.com/news/1635056/russia-tells-hypocritical-afghan-government-to-negotiate-with-taliban
  56. ^ "Russia tells 'hypocritical' Afghan government to negotiate with Taliban
  57. ^ https://www.themoscowtimes.com/2021/07/23/russia-calls-taliban-rational-blames-afghan-govt-for-blocking-talks-a74599
  58. ^ https://www.bbc.com/news/world-europe-58265934
  59. ^ (SV) Linnea Carlén, Sveriges ambassad i Kabul evakueras med omedelbar verkan, in SVT Nyheter, 15 agosto 2021. URL consultato il 16 agosto 2021.
  60. ^ Russia, China and Central Asian nations prepare for Taliban victory, su Asia News, 16 luglio 2021. URL consultato il 16 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2021).
  61. ^ PM Imran talks about overpowering 'shackles of slavery' at Single National Curriculum launch, in Dawn, 16 agosto 2021. URL consultato il 17 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2021).
  62. ^ (TG) Заседание Совета Безопасности Республики Таджикистан | Президенти Тоҷикистон - President of Tajikistan - Президент Таджикистана - رئيس جمهورية تاجيكستان, su president.tj. URL consultato il 15 agosto 2021.
  63. ^ (EN) Iran and Russia move to fill diplomatic vacuum in Afghanistan, su the Guardian, 9 luglio 2021. URL consultato il 15 agosto 2021.
  64. ^ (EN) Turkmenistan deploying troops, heavy weapon on border with Afghanistan, su The Khaama Press News Agency, 12 luglio 2021. URL consultato il 15 agosto 2021.
  65. ^ (EN) Uzbekistan bracing for possible Afghan refugee crisis | Eurasianet, su eurasianet.org. URL consultato il 15 agosto 2021.
  66. ^ https://nltimes.nl/2021/08/16/ukraine-evacuates-dutch-kabul-taliban-takes
  67. ^ https://www.kyivpost.com/ukraine-politics/over-dozen-ukrainians-surrounded-by-taliban-more-than-120-await-evacuation-from-afghanistan.ht
  68. ^ (EN) Ukraine evacuates almost 80 people from Afghanistan – Zelensky, su www.ukrinform.net, 16 agosto 2021. URL consultato il 18 agosto 2021.
  69. ^ (EN) Pentagon: US Airstrikes in Afghanistan 'Having an Effect' on Taliban | Voice of America - English, su www.voanews.com. URL consultato il 16 agosto 2021.
  70. ^ https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2021/08/20/il-giappone-ha-visto-sparire-in-poche-ore-i-miliardi-di-dollari-donati-allafghanistan/6295697/amp/
  71. ^ (EN) Alasdair Sandford, 'NATO's biggest debacle': Afghanistan troop withdrawals slammed, su Euronews, 16 agosto 2021. URL consultato il 19 agosto 2021.
  72. ^ (EN) World reacts as Taliban closes in on Afghan capital, su Al Jazeera. URL consultato il 19 agosto 2021.
  73. ^ (EN) Factbox: Biden's speech on Afghanistan: key quotes, su Reuters, 16 agosto 2021. URL consultato il 19 agosto 2021.
  74. ^ Afghanistan, stampa Usa contro Joe Biden, su La Presse. URL consultato il 19 agosto 2021.
  75. ^ La stampa Usa mette sotto accusa Joe Biden: "Vergognosa ritirata", su Agenzia Giornalistica Italia. URL consultato il 19 agosto 2021.
  76. ^ Rash Report: In Kabul, shadows of Saigon, su Star Tribune. URL consultato il 19 agosto 2021.
  77. ^ (EN) Editorial: President Biden’s Saigon moment, su Boston Herald, 15 agosto 2021. URL consultato il 19 agosto 2021.
  78. ^ (EN) Kabul evacuations ‘sequel to humiliating fall of Saigon in 1975’, su Al Jazeera. URL consultato il 19 agosto 2021.
  79. ^ (EN) As the Taliban gains ground, Biden grapples with the ghosts of Saigon, su NBC News. URL consultato il 19 agosto 2021.
  80. ^ (EN) ‘This is manifestly not Saigon’: Blinken defends US mission in Afghanistan, su The Guardian, 15 agosto 2021. URL consultato il 19 agosto 2021.
  81. ^ (EN) Dominick Mastrangelo, Leon Panetta compares fall of Afghanistan to Bay of Pigs, su The Hill, 16 agosto 2021. URL consultato il 19 agosto 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]