Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Shavkat Mirziyoyev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Shavkat Mirziyoyev
Shavkat Mirziyoev (2016-09-06) 2.jpg

Presidente dell'Uzbekistan
In carica
Inizio mandato 8 settembre 2016[1]
Predecessore Nigmatilla Yuldashev
(ad interim)

Primo ministro dell'Uzbekistan
Durata mandato 12 dicembre 2003 –
14 dicembre 2016
Predecessore O‘tkir Sultonov
Successore Abdulla Aripov

Dati generali
Partito politico Fidokorlar Milliy Demokratik Partiyasi (fino al 2008),
Partito Democratico del Rinnovamento Nazionale dell'Uzbekistan (2008-2016),
Partito Liberale Democratico dell'Uzbekistan (dal 2016)

Shavkat Miromonovich Mirziyoyev (in lingua uzbeca Шавкат Мирзияев, Shavkat Mirziyayev; Jizzax, 24 luglio 1957) è un politico uzbeko.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 è diventato il terzo Primo ministro dell'Uzbekistan. Precedentemente, dal 1996 al 2001, era stato governatore (Hakim) della regione di Djizak e, dal 2001 al 2003, governatore della regione di Samarcanda. È stato nominato Primo Ministro dal Presidente Islom Karimov e approvato dal Parlamento nazionale.

A seguito del decesso di Islom Karimov, Mirziyoyev è stato nominato Presidente del Paese ad interim, durante una seduta speciale del senato uzbeco, tenutasi l'8 settembre 2016[2], mantenendo l'incarico di primo ministro.

Alle successive elezioni presidenziali del 4 dicembre 2016 è stato eletto Presidente del Paese con l'88,6% dei voti; ha giurato come presidente il 14 dicembre successivo.

Rispetto al predecessore sembrano esserci tutti gli elementi per un'apertura del paese e un allentamento della morsa repressiva contro i soggetti politici e gli attivisti dei diritti civili.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ad interim fino al 14 dicembre 2016.
  2. ^ Shavkat Mirziyoyev nominato presidente ad interim dell’Uzbekistan., su internazionale.it, 8 settembre 2016. URL consultato l'8 settembre 2016.
  3. ^ Il Caffè Geopolitico - Uzbekistan, dove l’abuso psichiatrico uccide il libero pensiero, su www.ilcaffegeopolitico.org. URL consultato il 31 maggio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN988147373396241580005 · GND (DE1113311452