Gran Premio di Gran Bretagna 1952

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Regno Unito Gran Premio di Gran Bretagna 1952
20º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 5 di 8 del Campionato 1952
Silverstone Circuit 1952 to 1974.png
Data 19 luglio 1952
Nome ufficiale V RAC British Grand Prix
Luogo Circuito di Silverstone
Percorso 4,7105 km / 2,927 US mi
Circuito permanente
Distanza 85 giri, 400,307 km/ 248,739 US mi
Clima Nuvoloso
Risultati
Pole position Giro più veloce
Italia Nino Farina Italia Alberto Ascari
Ferrari in 1'50" Ferrari in 1'52"
(nel giro 9)
Podio
1. Italia Alberto Ascari
Ferrari
2. Italia Piero Taruffi
Ferrari
3. Regno Unito Mike Hawthorn
Cooper-Bristol

Il Gran Premio di Gran Bretagna 1952 è stata la quinta prova della stagione 1952 del campionato mondiale di Formula 1. La gara si è tenuta sabato 19 luglio sul circuito di Silverstone ed è stata vinta dall'italiano Alberto Ascari su Ferrari, al quinto successo in carriera; Ascari ha preceduto all'arrivo uno dei suoi compagni di squadra, il connazionale Piero Taruffi, e il britannico Mike Hawthorn su Cooper-Bristol, al primo podio in carriera.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Il circuito di Silverstone ha subito nel 1952 alcune modifiche che hanno comportato principalmente lo spostamento del paddock, della pit lane e della griglia di partenza dal Farm Straight al rettilineo tra le curve Woodcote e Copse.[1]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Il Gran Premio rappresenta il quinto appuntamento stagionale a distanza di due settimane dalla disputa del Gran Premio di Francia, quarta gara del campionato. La tappa britannica si corre dopo il Gran Premio des Sables d'Olonne, una gara extra calendario di Formula 2 corsa domenica 13 luglio a Les Sables-d'Olonne.[2]

Tra le squadre ufficiali al Gran Premio si presentarono la Scuderia Ferrari, con i tre soliti piloti, Alberto Ascari, Nino Farina e Piero Taruffi a bordo della Ferrari 500, la debuttante Connaught Engineering, con quattro Connaught A guidate da Eric Thompson, Eric Thompson, Kenneth McAlpine e Dennis Poore, la HW Motors, con Duncan Hamilton, Lance Macklin e Peter Collins, l'Equipe Gordini, con tre Gordini T16 guidate da Robert Manzon, Prince Bira e Maurice Trintignant — il quale deve sostituire il titolare Jean Behra, infortunatosi nella gara a Les Sables-d'Olonne —, la English Racing Automobiles, con Stirling Moss al volante di una ERA G, e la WS Aston, con Bill Aston alla guida di una Aston NB41.

Tra le squadre private hanno partecipato la Écurie Belge, con Johnny Claes al volante di una Simca-Gordini T15, la debuttante Ecurie Ecosse, con il fondatore della squadra David Murray su una Cooper T20, la Écurie Espadon, con una Ferrari 500 e una 212 guidate rispettivamente da Rudi Fischer e Peter Hirt, la Ecurie Richmond, con due T20 guidate da Eric Brandon e Alan Brown, la Escuderia Bandeirantes, con due Maserati A6GCM guidate da Gino Bianco ed Eitel Cantoni, e la Scuderia Enrico Platé, con due le usuali Maserati 4CLT-48 motorizzate Platé e guidate da Toulo de Graffenried ed Harry Schell.

Tra i piloti privati erano presenti i fratellastri Graham e Peter Whitehead rispettivamente su una Alta F2 e una Ferrari 125, Reg Parnell alla guida di una Cooper T20, Roy Salvadori su una 500, Mike Hawthorn su un'altra T20, Tony Gaze su HWM e Tony Crook su una Frazer Nash 421.[3]

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[4][5] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Griglia
1 16 Italia Nino Farina Italia Ferrari 1'50" 1
2 15 Italia Alberto Ascari Italia Ferrari 1'50" 2
3 17 Italia Piero Taruffi Italia Ferrari 1'53" 3
4 24 Francia Robert Manzon Francia Gordini 1'55" 4
5 4 Regno Unito Ken Downing Regno Unito Connaught-Francis 1'56" 5
6 8 Regno Unito Reg Parnell Regno Unito Cooper-Bristol 1'56" 6
7 9 Regno Unito Mike Hawthorn Regno Unito Cooper-Bristol 1'56" 7
8 6 Regno Unito Dennis Poore Regno Unito Connaught-Francis 1'56" 8
9 5 Regno Unito Eric Thompson Regno Unito Connaught-Francis 1'57" 9
10 26 Thailandia Prince Bira Francia Gordini 1'57" 10
11 30 Regno Unito Duncan Hamilton Regno Unito HWM-Alta 1'57" 11
12 1 Regno Unito Graham Whitehead Regno Unito Alta 1'58" 12
13 11 Regno Unito Alan Brown Regno Unito Cooper-Bristol 1'58" 13
14 29 Regno Unito Peter Collins Regno Unito HWM-Alta 1'58" 14
15 19 Svizzera Rudi Fischer Italia Ferrari 1'58" 15
16 12 Regno Unito Stirling Moss Regno Unito ERA-Bristol 1'59" 16
17 3 Regno Unito Kenneth McAlpine Regno Unito Connaught-Francis 2'00" 17
18 10 Regno Unito Eric Brandon Regno Unito Cooper-Bristol 2'00" 18
19 14 Regno Unito Roy Salvadori Italia Ferrari 2'00" 19
20 21 Regno Unito Peter Whitehead Italia Ferrari 2'00" 20
21 25 Francia Maurice Trintignant Francia Gordini 2'00" 21
22 7 Regno Unito David Murray Regno Unito Cooper-Bristol 2'02" 22
23 27 Belgio Johnny Claes Francia Simca-Gordini-Gordini 2'02" 23
24 20 Svizzera Peter Hirt Italia Ferrari 2'03" 24
25 23 Regno Unito Tony Crook Regno Unito Frazer-Nash-BMW 2'03" 25
26 28 Australia Tony Gaze Regno Unito HWM-Alta 2'05" 26
27 35 Uruguay Eitel Cantoni Italia Maserati 2'06" 27
28 34 Brasile Gino Bianco Italia Maserati 2'07" 28
29 31 Regno Unito Lance Macklin Regno Unito HWM-Alta 2'08" 29
30 2 Regno Unito Bill Aston Regno Unito Aston-Butterworth 3'28" 30
31 32 Svizzera Toulo de Graffenried Italia Maserati-Platé senza tempo 31
32 33 Stati Uniti Harry Schell Italia Maserati-Platé senza tempo 32

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La gara è dominata dalle Ferrari con Alberto Ascari e Nino Farina in testa. Piero Taruffi parte male e deve lottare con una serie di Connaught e Cooper-Bristol. Raggiunge presto la sesta posizione davanti alla Connaught di Dennis Poore e a Mike Hawthorn. Farina ha problemi e deve rientrare spesso ai box per riparare la vettura, arrivando solamente sesto.

Quando Poore si ferma per rifornire Hawthorn passa terzo rimanendoci fino alla bandiera a scacchi. Mentre i britannici festeggiano Hawthorn, Ascari stravince ancora, avendo condotto tutti i giri in testa. Per il costruttore britannico Cooper si tratta del primo podio in Formula 1, mentre per il motorista Bristol è l'unico.[6][7]

La gara si conclude con la prima doppietta della squadra di Maranello a un Gran Premio di Gran Bretagna, con Ascari primo e Taruffi secondo, e la quarta stagionale. Per la Scuderia Ferrari si tratta inoltre del secondo successo consecutivo a Silverstone, dopo il primo ottenuto dall'argentino José Froilán González nell'edizione 1951.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del Gran Premio[8] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 15 Italia Alberto Ascari Italia Ferrari 85 2h44'11" 2 9
2 17 Italia Piero Taruffi Italia Ferrari 84 +1 giro 3 6
3 9 Regno Unito Mike Hawthorn Regno Unito Cooper-Bristol 83 +2 giri 7 4
4 6 Regno Unito Dennis Poore Regno Unito Connaught-Francis 83 +2 giri 8 3
5 5 Regno Unito Eric Thompson Regno Unito Connaught-Francis 82 +3 giri 9 2
6 16 Italia Nino Farina Italia Ferrari 82 +3 giri 1
7 8 Regno Unito Reg Parnell Regno Unito Cooper-Bristol 82 +3 giri 6
8 14 Regno Unito Roy Salvadori Italia Ferrari 82 +3 giri 19
9 4 Regno Unito Ken Downing Regno Unito Connaught-Francis 82 +3 giri 5
10 21 Regno Unito Peter Whitehead Italia Ferrari 81 +4 giri 20
11 26 Thailandia Prince Bira Francia Gordini 81 +4 giri 10
12 1 Regno Unito Graham Whitehead Regno Unito Alta 80 +5 giri 12
13 19 Svizzera Rudi Fischer Italia Ferrari 80 +5 giri 15
14 27 Belgio Johnny Claes Francia Simca-Gordini-Gordini 79 +6 giri 23
15 31 Regno Unito Lance Macklin Regno Unito HWM-Alta 79 +6 giri 29
16 3 Regno Unito Kenneth McAlpine Regno Unito Connaught-Francis 79 +6 giri 17
17 33 Stati Uniti Harry Schell Italia Maserati-Platé 78 +7 giri 32
18 34 Brasile Gino Bianco Italia Maserati 77 +8 giri 28
19 32 Svizzera Toulo de Graffenried Italia Maserati-Platé 76 +9 giri 31
20 10 Regno Unito Eric Brandon Regno Unito Cooper-Bristol 76 +9 giri 18
21 23 Regno Unito Tony Crook Regno Unito Frazer-Nash-BMW 75 +10 giri 25
Rit 29 Regno Unito Peter Collins Regno Unito HWM-Alta 73 Motore 14
22 11 Regno Unito Alan Brown Regno Unito Cooper-Bristol 69 +16 giri 13
Rit 30 Regno Unito Duncan Hamilton Regno Unito HWM-Alta 44 Motore 11
Rit 12 Regno Unito Stirling Moss Regno Unito ERA-Bristol 36 Motore 16
Rit 25 Francia Maurice Trintignant Francia Gordini 21 Cambio 21
Rit 28 Australia Tony Gaze Regno Unito HWM-Alta 19 Motore 26
Rit 7 Regno Unito David Murray Regno Unito Cooper-Bristol 14 Motore 22
Rit 24 Francia Robert Manzon Francia Gordini 9 Frizione 4
Rit 20 Svizzera Peter Hirt Italia Ferrari 3 Freni 24
Rit 35 Uruguay Eitel Cantoni Italia Maserati 0 Freni 27
NP 2 Regno Unito Bill Aston Regno Unito Aston-Butterworth 0 Motore [9]

Alberto Ascari riceve un punto addizionale per aver segnato il giro più veloce della gara.

Classifica mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Punti
1 Italia Alberto Ascari 27
2 Italia Piero Taruffi 19
3 Italia Nino Farina 12
4 Stati Uniti Troy Ruttman 8
5 Francia Robert Manzon 7
= Regno Unito Mike Hawthorn 7
7 Stati Uniti Jim Rathmann 6
= Svizzera Rudi Fischer 6
9 Stati Uniti Sam Hanks 4
= Francia Jean Behra 4
11 Stati Uniti Duane Carter 3
= Regno Unito Ken Wharton 3
= Regno Unito Dennis Poore 3
14 Regno Unito Alan Brown 2
= Francia Maurice Trintignant 2
= Regno Unito Eric Thompson 2
= Stati Uniti Art Cross 2
= Belgio Paul Frère 2
19 Stati Uniti Bill Vukovich 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Silverstone, su racingcircuits.info. URL consultato l'11 luglio 2022.
  2. ^ (FR) Grands Prix hors Championnat du Monde-1952, su statsf1.com. URL consultato l'11 luglio 2022.
  3. ^ (EN) Formula One 1952 British Grand Prix Information, su motorsportstats.com. URL consultato l'11 luglio 2022.
  4. ^ Sessione di qualifica
  5. ^ (EN) Formula One 1952 British Grand Prix Classification - Qualifying, su motorsportstats.com. URL consultato il 9 luglio 2022.
  6. ^ (FR) Cooper-Podiums, su statsf1.com. URL consultato il 13 luglio 2022.
  7. ^ (FR) Bristol-Podiums, su statsf1.com. URL consultato il 13 luglio 2022.
  8. ^ Risultati del Gran Premio
  9. ^ Bill Aston, qualificatosi in trentesima posizione, non prende parte alla gara a causa di un problema al motore. La sua posizione sulla griglia di partenza è rimasta vuota, cfr. (EN) Formula One 1952 British Grand Prix Classification - Race, su motorsportstats.com. URL consultato il 13 luglio 2022.
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1952
Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of the United States (1912-1959).svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom (3-5).svg Flag of Germany.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg
  Fairytale up blue-vector.svg

Edizione precedente:
1951
Gran Premio di Gran Bretagna Edizione successiva:
1953
  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1