Giovanni Calò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Calò
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Camera del Regno d'Italia
Luogo nascita Francavilla Fontana
Data nascita 24 dicembre 1882
Luogo morte Francavilla Fontana
Data morte 25 maggio 1970
Titolo di studio laurea
Professione Docente universitario
Legislatura XXV, XXVI
Collegio Lecce-Brindisi-Taranto
Pagina istituzionale

Giovanni Calò (Francavilla Fontana, 24 dicembre 1882Francavilla Fontana, 25 maggio 1970) è stato un pedagogista e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nominato a 24 anni di età docente presso la facoltà di lettere e filosofia dell'Università di Firenze, ne divenne in seguito preside.

Fu eletto deputato al Parlamento del Regno d'Italia per la XXV legislatura (1919) e per la XXVI (1921) nel collegio Lecce-Brindisi-Taranto.

Fu vicepresidente della Camera dei Deputati durante la presidenza di Enrico De Nicola e sottosegretario alla Pubblica istruzione nel primo governo Facta.

Dopo la seconda guerra mondiale fu segretario per la Toscana del Movimento Federalista Europeo, nel quale fu anche membro del consiglio centrale e del comitato consultivo.

Fu accademico dei Lincei e presidente del Centro didattico nazionale di Firenze, dell'Istituto italiano di studi filosofici di Roma e dell'Associazione Pedagogica Italiana.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Corso di pedagogia, Milano-Messina, 1946-1949;
  • Pedagogia del Risorgimento, Firenze, Sansoni, 1965

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 44397433 LCCN: n90654110 SBN: IT\ICCU\CFIV\070448