Giovanni Calò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Calò

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XXV, XXVI
Collegio Lecce-Brindisi-Taranto
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studio laurea
Professione Docente universitario

Giovanni Calò (Francavilla Fontana, 24 dicembre 1882Francavilla Fontana, 25 maggio 1970) è stato un pedagogista e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nominato a 24 anni di età docente presso la facoltà di lettere e filosofia dell'Università di Firenze, ne divenne in seguito preside.

Fu eletto deputato al Parlamento del Regno d'Italia per la XXV legislatura (1919) e per la XXVI (1921) nel collegio Lecce-Brindisi-Taranto.

Fu vicepresidente della Camera dei deputati durante la presidenza di Enrico De Nicola e sottosegretario alla Pubblica istruzione nel primo governo Facta.

Dopo la seconda guerra mondiale fu segretario per la Toscana del Movimento Federalista Europeo, nel quale fu anche membro del consiglio centrale e del comitato consultivo.

Fu accademico dei Lincei e presidente del Centro didattico nazionale di Firenze, dell'Istituto italiano di studi filosofici di Roma e dell'Associazione Pedagogica Italiana.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Corso di pedagogia, Milano-Messina, 1946-1949;
  • Pedagogia del Risorgimento, Firenze, Sansoni, 1965

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN44397433 · ISNI: (EN0000 0001 1970 9405 · SBN: IT\ICCU\CFIV\070448 · LCCN: (ENn90654110 · BNF: (FRcb124668888 (data) · BAV: ADV10133910