Vittorio Zincone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vittorio Zincone
Vittorio Zincone.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature IV
Gruppo
parlamentare
Partito Liberale
Collegio Roma
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studio Giurisprudenza e Scienze Politiche
Professione giornalista e politico

Vittorio Zincone (Sora, 30 aprile 1911Roma, 10 marzo 1968) è stato un giornalista e politico italiano.

Esponente di spicco del Partito Liberale Italiano.

Impegno politico[modifica | modifica wikitesto]

Si laurea in Giurisprudenza e in Scienze Politiche.[1] Dopo gli studi universitari (durante i quali, in qualità di membro del PNF, fu iscritto ai GUF e partecipò ai Littoriali della cultura e dell'arte), iniziata l'attività politica come consigliere comunale di Roma per il PLI, dal 1963 al 1968 fu deputato per lo stesso partito. Negli anni cinquanta e sessanta fu membro degli organi direttivi del partito, all'interno dei quali si schierò tendenzialmente a destra.[2]

Fu condirettore del periodico Risorgimento Liberale, direttore de Il Resto del Carlino (Bologna) e vice direttore de Il Tempo (Roma). Dal 1958 fu anche presidente dell'Associazione Stampa Romana.[3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Ragionamenti sulla politica dei prezzi, 1940
  • Lo Stato totalitario, 1947 (rist. 1999)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Direttore de il Resto del Carlino Successore
Giuseppe Longo 1º marzo 1953 - 19 febbraio 1955 Giovanni Spadolini
Controllo di autorità SBN: IT\ICCU\SBLV\080131
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie