Michele Arslan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Michele Arslan (Padova, 23 gennaio 1904Padova, 1988) è stato un medico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di padre armeno e madre italiana - Antonietta, appartenente alla famiglia dei conti de' Besi - si laureò in medicina all'Università di Padova nel 1927.[1]

Fu inizialmente allievo del fisiologo Virgilio Ducceschi e dell'anatomico Tullio Terni, nei cui istituti effettuò importanti studi di istologia e fisiologia del sistema vestibolare.[1]

Dedicatosi alla clinica fu allievo del padre, l'otoiatra Yerwant Arslan.

La sua formazione scientifica fu completata con il perfezionamento in importanti centri universitari esteri di otorinolaringoiatria (Strasburgo; Francoforte sul Meno; Berlino).

Nel 1935, giovanissimo, divenne professore incaricato di Clinica Otorinolaringoiatrica nell'Università di Padova, e primario della medesima clinica. Nel 1957 divenne Professore della disciplina "Otorinolaringoiatria". Mantenne docenza e primariato fino al pensionamento.

Fu autore di circa 300 pubblicazioni scientifiche, dando contributi originali e fondamentali di embriologia, istologia, fisiologia, patologia dell'apparato vestibolare e sul ruolo delle collagenopatie nelle malattie di interesse otoiatrico.

Ideò una metodica chirurgica di trattamento della sindrome di Ménière nota in tutto il mondo (Arslan's ultrasonic operation).[2]

È stato socio di numerose ed importanti accademie scientifiche italiane e straniere ed ha ricevuto la laurea honoris causa all'Università di Strasburgo e all'Università di Uppsala.

È stato presidente della Società Italiana di audiologia e foniatria e della Società Italiana di otorinolaringoiatria.

La scrittrice Antonia Arslan è sua figlia e lo storico dell'arte Wart Arslan suo fratello.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Otorinolaringoiatria (Cedam, 1945; 1970).
  • Fisiopatologia e clinica delle vie vestibolari centrali (1956).
  • La nocività delle accelerazioni labirintiche di Coriolis negli astronauti (1975).
  • L'apparato vestibolare funziona come una piattaforma inerziale con sistemi giroscopici (1978).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Arslàn, Michele, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  2. ^ Thomas Lathrop Stedman, Stedman's Medical Eponyms, a cura di Susan Bartolucci, Pat Forbis, Lippincott Williams & Wilkins, 2005, ISBN 9780781754439.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Michele Arslan in Enciclopedia Biografica Universale Treccani, II, p. 127, Istituto della Enciclopedia Italiana, Roma, 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Michele Arslan, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
Controllo di autorità VIAF: (EN27532590 · SBN: IT\ICCU\CFIV\018510 · ISNI: (EN0000 0000 0721 8273