Jacopo Napoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jacopo Napoli nel 1961

Jacopo Napoli (Napoli, 26 agosto 1911Ascea, 1994) è stato un compositore e musicista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque in una famiglia di tradizioni musicali, figlio del rinomato compositore e didatta Gennaro Napoli, con il quale si diplomò in composizione presso il Conservatorio di Napoli, ottenendo allo stesso tempo anche i diplomi di pianoforte e di organo.

Fu docente di composizione presso i conservatori di Cagliari e Napoli: di quest'ultimo, nel 1954, assume la direzione fino all'anno 1962, quando viene nominato direttore del Conservatorio di Milano.

È stato membro del Consiglio Superiore di antichità e belle arti e Accademico di S.Cecilia a Roma, dove, tra il 1972 e il 1976 ricopre la cattedra dell'omonimo conservatorio.

Nel 1975 viene nominato direttore artistico dell'Opera di Roma.

L'anno successivo viene nominato ancora direttore del Conservatorio di Napoli e, allo stesso tempo, direttore artistico del Teatro San Carlo nella stessa città.

Suo fratello era l'archeologo Mario Napoli.

Poetica[modifica | modifica wikitesto]

Fu un profondo conoscitore del melodramma, alla cui cantabilità e vocalità, secondo il suo pensiero, la musica del Novecento non avrebbe dovuto mai rinunciare, una presa di posizione che lascerebbe ipotizzare un sintomo di conservatorismo, ma che, in realtà, rifletteva la tendenza all'introspezione nelle forme del passato. Questa necessità del compositore ne investe la sua produzione, in larga parte operistica e teatrale, e ne diventa caratterizzante, sebbene il linguaggio di Jacopo Napoli si sia comunque evoluto negli anni a contatto con le estetiche e le correnti del dopoguerra.

Alcune opere significative[modifica | modifica wikitesto]

Opere teatrali[modifica | modifica wikitesto]

Musica vocale[modifica | modifica wikitesto]

  • La passione di Cristo, oratorio, libretto di Giuliano Dati (1950)
  • Munasteriu, cantata sacra e profana (1969)

Musica da camera[modifica | modifica wikitesto]

Liriche[modifica | modifica wikitesto]

  • Terra lontana, raccolta di poesie regionali del Sud. (1960/1987)

Rivisitazioni[modifica | modifica wikitesto]

Jacopo Napoli ha rivisitato numerose opere da autori della scuola musicale napoletana del Settecento quali Paisiello, Piccinni, Cimarosa, Raimondi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN94811089 · ISNI: (EN0000 0001 1452 3484 · BNF: (FRcb138061251 (data)