Friarello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Friarelli
Pickled friggitelli.jpg
Origini
Altri nomiFrigitelli
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneCampania
Dettagli
Categoriaortofrutticolo
 

I friarelli, detti anche puparuoli friarelli, sono un piatto della cucina campana che si basa su una particolare varietà di peperoni.

Il nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome, da non confondere con quello dei broccoli friarielli,[1][2][3] sta ad indicare sia il cultivar di peperone che il piatto tradizionale.[2]

I tipici ortaggi che sono alla base di questo piatto si sono diffusi anche in altre zone e regioni dell'Italia centrale e meridionale, dove sono conosciuti anche con varie italianizzazioni del nome, come friggitelli o friggerelli[senza fonte].

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

L'ingrediente base è costituito da una particolare cultivar di peperoni verdi nani e dolci, non piccanti. La cottura avviene per frittura in olio d'oliva, senza alcuna impanatura, immergendo gli ortaggi ben asciutti nell'olio di frittura caldo, usati interi, lasciando intatto un abbozzo del picciolo che rimane utile al momento del consumo.

Si servono nel piatto, ancora caldi, spruzzati di sale, sia come verdura a sé stante sia come contorno di altri piatti. Si consumano senza bisogno di posate, mordendoli per intero: si portano alla bocca afferrandoli per il residuo moncone di picciolo. Ai peperoni possono accompagnarsi patate tenere, tagliate grosse, fritte nello stesso olio di frittura.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ragusa, pp. 390-392
  2. ^ a b Peperoni dolci: friggitelli o friarelli?, su ilgiornaledelcibo.it, 1º settembre 2009. URL consultato il 19 febbraio 2018 (archiviato il 30 settembre 2017).
  3. ^ Broccoro fiariello di Napoli, Friariello, Regione Campania. URL consultato il 19 febbraio 2018 (archiviato il 4 gennaio 2017).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]