Chiltepin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiltepin
Chiltepin mexico sonora.jpg
SpecieCapsicum annuum var. glabriusculum
CultivarChiltepin
OrigineGuatemala Guatemala
Messico Messico
PiccantezzaChilli45.svg
Unità Scoville50.000 ÷ 100.000 SHU

Il chiltepin (anche conosciuto come chillipiquin o chillitepuin) è una cultivar di peperoncino della specie Capsicum annuum var. glabriusculum originaria di Stati Uniti e Messico.[1][2]

Il nome deriva dal nahuatl chilitecpintl che significa peperoncino pulce, a causa delle piccole dimensioni delle bacche e dell'elevata piccantezza.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Chiltepin è un arbusto perenne che di solito cresce fino a un'altezza di circa 1 m, ma a volte raggiunge i 3 m.[3] Nelle aree che non raggiungono temperature basse in inverno, le piante possono vivere 35-50 anni.

Frutto[modifica | modifica wikitesto]

I piccolissimi peperoncini di chiltepin variano dal rosso al rosso-arancio, di solito leggermente ellissoidali e di circa 0,8 cm di diametro.[4] Alcuni ceppi sono molto più vicini alla rotondità quando sono freschi. Se uno dei frutti viene essiccato, può apparire abbastanza rotondo anche se fresco era leggermente ellissoidale. La loro piccantezza può variare tra 50 000 e 1 628 000 unità Scoville.[5]

Possono essere quindi più piccanti dell'habanero o del Red Savina, con i livelli più alti visti nella frutta verde 40-50 giorni dopo l'allegagione.[6][5]

Tuttavia, poiché questo peperone viene raccolto da boschi selvatici nel deserto messicano,[5] il livello di piccantezza del frutto può variare notevolmente di anno in anno, a seconda della quantità di pioggia naturale che si verifica durante il tempo in cui i frutti si stanno formando. Durante gli anni di siccità, la piccantezza dei frutti può essere debole e durante i normali anni di pioggia vengono prodotti i livelli di piccantezza più elevati. Inoltre c'è una grande variazione tra i livelli di piccantezza della frutta fresca verde (che viene messa in salamoia nell'aceto), della frutta fresca matura rossa, della frutta intera secca e della frutta secca con i semi rimossi, e i loro livelli di piccantezza sono disposti dal più debole al più elevato in questo ordine. Si stima che circa 50 tonnellate vengano raccolte ogni anno in Messico, principalmente a Sonora.[5]

In Messico, la piccantezza del peperoncino è chiamata arrebatado ("rapido" o "violento"), perché, benché intensa, non è molto duratura. Questo è in contrasto con la varietà domestica "Pequin", che ha le stesse dimensioni di quello selvatico, ma è di forma ovale e offre un'esperienza decisamente diversa.

I diversi metodi di essiccazione utilizzati per il tepin e il "Pequin" possono aiutare a distinguere questi frutti. I tepin sono sempre essiccati al sole, mentre i pequin sono comunemente essiccati sul fumo di legna e l'odore del fumo nei pequins può aiutare a separare le due varietà. I pequin non sono caldi come i chiltepin (solo circa 30 000–50 000 unità Scoville)[7], ma hanno un effetto molto più lento e più duraturo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Peperoncino Chiltepin, su fondazioneslowfood.com. URL consultato il 6 marzo 2020.
  2. ^ (EN) Pepper Profile: Piquin, su fiery-foods.com. URL consultato il 6 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2006).
  3. ^ Alfred Richardson, Plants of the Rio Grande Delta, University of Texas Press, 1995, p. 232, ISBN 978-0-292-77070-6.
  4. ^ Capsicum annuum L. bird pepper (PDF), in International Institute of Tropical Forestry, United States Forest Service. URL consultato il 16 luglio 2010.
  5. ^ a b c d Alberto González-Zamora, Erick Sierra-Campos, Rebeca Pérez-Morales, Cirilo Vázquez-Vázquez, Miguel A. Gallegos-Robles, José D. López-Martínez e José L. García-Hernández, Measurement of Capsaicinoids in Chiltepin Hot Pepper: A Comparison Study between Spectrophotometric Method and High Performance Liquid Chromatography Analysis, in Journal of Chemistry, vol. 2015, 2015, pp. 1–10, DOI:10.1155/2015/709150.
  6. ^ Wild Desert TepÍn Pepper, Redwood City Seed Company, 27 agosto 2008. URL consultato il 18 gennaio 2009.
  7. ^ Chile Pepper Heat Scoville Scale, in Home Cooking, About.com. URL consultato il 16 luglio 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]