Thai pepper

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Thai pepper
Thai peppers.jpg
SpecieCapsicum annuum
CultivarThai pepper
PiccantezzaChilli45.svg
Unità Scoville50.000 ÷ 150.000[1] SHU
Peperoncini acerbi verdi e maturi rossi

Thai pepper (anche conosciuto come thai dragon) è una cultivar di peperoncino della specie Capsicum annuum.[1]

Apparentemente è simile al Cayenna, se non fosse per i semi che sono allungati ed irregolari e per la piccantezza, superiore rispetto al Cayenna.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La pianta è vigorosa e rigogliosa (raggiunge e supera il metro e mezzo di altezza e produce continue ramificazioni che si riempiono di frutti). I frutti acerbi sono più piccanti e possono avere due distinte colorazioni: verde chiaro e verde scuro, secondo la pianta di origine, ma completata la maturazione si presentano tutti di colore rosso vivo e poco carnosi. Il grado di piccantezza varia tra i 50.000 e i 150.000 SHU della scala di Scoville.[1] Consumandoli poco prima della maturazione completa, i peperoncini possiedono un particolare sapore molto fruttato, avvertibile nonostante l'estrema piccantezza.

In gastronomia[modifica | modifica wikitesto]

Nella cucina thailandese e laotiana, il thai pepper viene utilizzato in svariate pietanze tra cui i curry locali, le insalate piccanti e in diversi piatti fritti al salto. Particolarmente diffusa è la nam pla phrik, salsa utilizzata in Thailandia come condimento salato e particolarmente piccante a base di salsa di pesce;[2] in Laos prende il nome jeow pa mak phet.[3]

Il thai pepper è molto utilizzato anche nella cucina vietnamita per cucinare zuppe, insalate e piatti fritti al salto. Una versione vietnamita più elaborata e meno piccante della salsa nam pla phrik è la nước chấm.[2] Queste salse sono molto diffuse in questi Paesi, dove si aggiungono a piacere sui piatti già pronti e sono sempre presenti in tavola; per i gusti locali sostituiscono i condimenti come il sale e il pepe di altre tradizioni gastronomiche.[2][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Byoung-Cheorl Kang, Chittaranjan Kole (a cura di), Genetics, Genomics and Breeding of Peppers and Eggplants, CRC Press, 2013, p. 6, ISBN 9781466577466.
  2. ^ a b c (EN) Jeffrey Alford, Naomi Duguid, Hot Sour Salty Sweet: A Culinary Journey Through Southeast Asia, Artisan Books, 2000, pp. 28, 29, 32, 33, ISBN 1-57965-114-3.
  3. ^ (EN) Xaixana Champanakone, Recipes - Sauces: Lao Jeow, Chutneys, Pestos, Raitas and Salsas, in Lao Cooking and the Essence of Life, Vincent Fischer-Zernin, 2009, ISBN 978-9932-00-001-2.
  4. ^ (EN) Pailin Chongchitnant, How to Construct a Thai Meal - Table-Side Condiments, in Hot Thai Kitchen: Demystifying Thai Cuisine with Authentic Recipes to Make at Home, Appetite by Random House, 2016, ISBN 978-0-449-01705-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]