Crédit Agricole Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Crédit Agricole Cariparma)
Jump to navigation Jump to search
Crédit Agricole Italia S.p.A.
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1860
Fondata daLuigi Carlo Farini
Sede principaleParma
GruppoGruppo Bancario Crédit Agricole Italia
Persone chiave
SettoreBancario, assicurativo
ProdottiBanca retail; credito immobiliare e al consumo; risparmio; assicurazioni; asset management; real estate; leasing; factoring; corporate e investment banking, servizi finanziari e istituzionali; wealth management.
Fatturato1.937 milioni di (2018)
Utile netto273,8 milioni di (2018)
Slogan«Una grande banca, tutta per te»
Sito web

Crédit Agricole Italia S.p.A., nuova denominazione sociale adottata, a decorrere dal 26 febbraio 2019, dall'assemblea straordinaria di Crédit Agricole Cariparma S.p.A.[1], ex Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza S.p.A. (già nota con la denominazione di Cariparma S.p.A.) è un istituto di credito italiano che intraprese l'attività nel 1860 a Parma, dove tuttora ha la sede legale.

È la Capogruppo del Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia cui fanno capo le controllate Crédit Agricole FriulAdria, in Veneto e in Friuli-Venezia Giulia, e Crédit Agricole Carispezia, in Liguria e in provincia di Massa-Carrara, sottoposte alla sua attività di Direzione e Coordinamento. A queste, si aggiungono anche Crédit Agricole Leasing, Crédit Agricole Group Solutions e Crédit Agricole Italia OBG.

Il Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia attualmente è il settimo gruppo bancario italiano per masse amministrate, presente in undici regioni con più di 10.000 dipendenti e oltre 2 milioni di clienti[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Le origini della banca risalgono all’ultima fase del ducato di Parma e Piacenza. Il progetto di dar vita a una cassa di risparmio, inzialmente voluto dalla duchessa reggente Luisa Maria di Borbone, fu ripreso e portato a termine da Luigi Carlo Farini, divenuto dittatore dell’Emilia, che con decreto del 6 dicembre 1859 fondò la Cassa di Risparmio Parmense.[3]

L’effettiva inaugurazione del’istituto avvenne il 19 agosto 1860. Come previsto dallo Statuto della banca, la carica di Presidente venne ricoperta dall’allora sindaco di Parma, Luigi Sanvitale[4]. Con il progressivo sviluppo della banca, si resero necessari spazi operativi più ampi. Nel 1869 la sede si sposta da palazzo Tarasconi, al Palazzo della Cassa di Risparmio di Parma situato sul lato sud-ovest della piazza centrale di Parma (ora piazza Garibaldi) a fianco della chiesa di San Pietro Apostolo[5].

Il Novecento[modifica | modifica wikitesto]

Nell’agosto 1960 la Cassa di Risparmio di Parma assorbe l’antico Monte di Credito su Pegno di Busseto, assumendo la denominazione di Cassa di Risparmio di Parma e Monte di Credito su Pegno di Busseto S.p.A[6].

La Banca opera come ente pubblico fino al 1991 quando, in seguito alla riforma del sistema bancario delineata dalla legge Amato, viene scorporata dando vita alla nuova Cassa di Risparmio in forma di società per azioni e all’omonima fondazione, che ne deteneva il capitale al 100%[7][8].

Negli anni ’90 la banca inizia un processo di espansione attraverso una serie di acquisizioni: nel 1992 incorpora la controllata Banca Emiliana,[9] e nello stesso anno approva il progetto di fusione con la Cassa di Risparmio di Piacenza e Vigevano, che porta alla nascita della Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza.[10] Nel 1994 la Cassa acquisisce il Credito Commerciale,[11] la Banca Fratelli Ceriana[12] e il Mediocredito Padano.[13][14]

Nel 2000, con la conclusione del processo di fusione per incorporazione, iniziato nel 1998, la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza entra a far parte di Banca Intesa.[15][16]

Il passaggio a Crédit Agricole[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007, in seguito alla fusione con Sanpaolo IMI, Banca Intesa cede per motivi di antitrust il controllo di Cariparma e di FriulAdria a Crédit Agricole, già azionista di Intesa Sanpaolo fin dal 1990.[17] Nasce così il Gruppo Cariparma FriulAdria, di cui Cariparma è capogruppo. Con la successiva acquisizione di 173 sportelli ex Intesa, il Gruppo assume una dimensione nazionale, diventando il nono in Italia per numero di sportelli e masse amministrate.[18] Nel 2009 si aggiunge l’acquisizione dell'85% di Crédit Agricole Leasing Italia (Calit).[19]

Un’ulteriore espansione si ha nel 2010, quando un accordo con Intesa Sanpaolo porta alla cessione al Gruppo Cariparma FriulAdria dell’80% della Cassa di Risparmio della Spezia e di 96 filiali.[20]

Nel 2015 al Gruppo si aggiunge un consorzio industriale, denominato Crédit Agricole Group Solutions, in cui confluiscono le attività relative a operations e information technology del Gruppo. Dall’ottobre 2016, nell’ambito di un progetto di rebranding avviato da Crédit Agricole in Italia, la banca cambia definitivamente nome in Crédit Agricole Cariparma, parallelamente agli altri istituti di credito del Gruppo; viene adottato anche il nuovo logo che allinea l’immagine del Gruppo Italiano a quella del Gruppo francese Crèdit Agricole, di cui è parte.[21] All’interno di questo processo di rebranding, anche il Gruppo assume l’attuale denominazione di Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia.

Nel 2017 Crédit Agricole Cariparma estende la propria presenza in Italia rilevando, per 130 milioni di euro, il 95% del capitale di Cassa di Risparmio di Rimini, Cassa di Risparmio di Cesena e Cassa di Risparmio di San Miniato;[22] A febbraio del 2018, i quattro Consigli di Amministrazione coinvolti approvano congiuntamente[23] il progetto di fusione per incorporazione delle Casse di Risparmio di Cesena (Caricesena), Rimini (Carim), e di san Miniato (Carismi) nella società controllante Crédit Agricole Cariparma.[24][25]

Nel 2018 la banca si sposta nella nuova sede italiana del Gruppo, denominata “Green Life”, un centro polifunzionale di 12mila mq alle porte di Parma.[26]
A novembre dello stesso anno è stato diffuso il comunicato stampa relativo al progetto di incorporazione di Crédit Agricole Carispezia[27][28], confermato da vari rumors nella stampa secondo i quali a febbraio del 2019 Crédit Agricole Italia avrebbe acquisito la partecipazione azionaria residua della Fondazione Carispezia nell'istituto di credito omonimo.[28][29][30]

Sede e filiali[modifica | modifica wikitesto]

Dati societari[modifica | modifica wikitesto]

Consiglio di amministrazione[31][modifica | modifica wikitesto]

  • Presidente: Ariberto Fassati
  • Vicepresidente: Xavier Musca
  • Vicepresidente: Annalisa Sassi
  • AD e Chief Executive Officer: Giampiero Maioli
  • Consigliere: Evelina Christillin
  • Consigliere: François Edouard Drion
  • Consigliere: Jacques Ducerf
  • Consigliere: Daniel Epron
  • Consigliere: Anna Maria Fellegara
  • Consigliere: Lamberto Frescobaldi
  • Consigliere: Nicolas Langevin
  • Consigliere: Paolo Maggioli
  • Consigliere: Michel Mathieu
  • Consigliere: Thierry Pomaret
  • Consigliere: Andrea Pontremoli

Azionisti[32][modifica | modifica wikitesto]

  • Crédit Agricole S.A. - 75,60%
  • Fondazione Cariparma - 11,86%
  • Sacam International S.a.s., espressione delle Caisses Regionales Crédit Agricole - 9,33%
  • Fondazione di Piacenza e Vigevano - 1,12%
  • Fondazione Carispezia - 1,96%
  • Terzi - 0,12%

Partecipazioni di Crédit Agricole Italia[32][modifica | modifica wikitesto]

  • Crédit Agricole FriulAdria S.p.A. - 81,17%
  • Crédit Agricole Carispezia S.p.A. - 100%
  • Crédit Agricole Leasing - 85,00%
  • Crédit Agricole Group Solutions S.C.p.A. - 86,60%
  • Fiere di Parma S.p.A. – 32,42%[33]
  • Crédit Agricole Italia OBG S.r.l. - 60%
  • Banca d'Italia – 2,69%[34]
  • Sliders S.r.l. - 100%
  • Mondo Mutui Cariparma S.r.l. - 19%
  • Italstock S.r.l. in liquidazione - 100%
  • Crédit Agricole Real Estate Italia S.r.l. - 100%
  • Carice Immobilare S.p.A. - 100%
  • Agricola Le Cicogne S.r.l. - 100%
  • Unibanca Immobiliare S.r.l. - 100%
    • San Piero Immobiliare S.r.l. - 100%
    • San Giorgio Immobiliare S.r.l. - 100%
  • San Genesio Immobiliare S.p.A. - 100%
  • Cassa di Risparmio di Volterra S.p.A. - 20%
  • Le Village by CA Milano S.r.l. - 38,91%

Dati finanziari[modifica | modifica wikitesto]

Dati in milioni di euro
Anno Ricavi Costi Utile Patrimonio
2018 1.937 1.273 273 6.193
2017 1.711 1.045 690 6.114
2016 1.712 1.060 208 5.081
2015 1.772 1.007 220 4.923
2014 1.728 957 160 4.768
2013 1.736 983 150 4.598
2012 1.702 1.156 160 4.383
2011 1.656 1.034 200 4.095
2010 1.495 857 240 3.880
2009 1.493 849 305 3.717
2008 1.536 882 294 3.645

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia: Crédit Agricole Italia, Crédit Agricole FriulAdria e Crédit Agricole Carispezia, banche a misura d'uomo, su gruppo.credit-agricole.it. URL consultato il 4 luglio 2019.
  2. ^ Comunicato stampa “GRUPPO BANCARIO CRÉDIT AGRICOLE ITALIA: RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2017 (PDF), su static.credit-agricole.it.
  3. ^ Luigi Alfieri, Parma, la vita e gli amori. Storia della città dal mille al millenovecento, MUPE, 2007.
  4. ^ I primi soldi arrivarono dall'estero, su Gazzetta di Parma. URL consultato il 4 luglio 2019.
  5. ^ storia di parma, su web.archive.org, 25 marzo 2016. URL consultato il 4 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2016).
  6. ^ Parma, la vita e gli amori, su Gazzetta di Parma. URL consultato il 4 luglio 2019.
  7. ^ Collezioni, su Fondazione Cariparma. URL consultato il 4 luglio 2019.
  8. ^ LA CASSA DI PARMA SI TRASFORMA IN SPA - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 4 luglio 2019.
  9. ^ CASSE DI RISPARMIO, PARMA CAPUT EMILIA - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 6 maggio 2019.
  10. ^ MAXIFUSIONE TRA LE CASSE DEL DUCATO - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 6 maggio 2019.
  11. ^ BANCHE: FUSIONE CASSA PARMA/PIACENZA E CREDITO COMMERCIALE, su www1.adnkronos.com. URL consultato il 6 maggio 2019.
  12. ^ PARMA E PIACENZA A NOZZE NASCE LA ' CASSA DEL DUCATO' - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 6 maggio 2019.
  13. ^ Roberto Bottiglia, I grandi gruppi bancari: formazione, sviluppo e crisi, Giuffré, 2009, p. 609.
  14. ^ Silingardi sceglie la fondazione, su italiaoggi.it.
  15. ^ BANCA INTESA: DOPO FUSIONE, CARIPARMA ENTRERA' NEL SINDACATO, su www1.adnkronos.com. URL consultato il 6 maggio 2019.
  16. ^ Gruppo Intesa, entra Cariparma, su italiaoggi.it.
  17. ^ Credit Agricole - Ultime notizie su Credit Agricole - Argomenti del Sole 24 Ore, su Argomenti del Sole 24 Ore. URL consultato il 6 maggio 2019.
  18. ^ Al via la nuova Cariparma, con i 173 sportelli ex Intesa, su ilGiornale.it. URL consultato il 6 maggio 2019.
  19. ^ Cariparma acquisisce 85% di Calit, su parma.repubblica.it. URL consultato il 6 maggio 2019.
  20. ^ Intesa SanPaolo cede sportelli ad Agricole: 740 milioni, su ilGiornale.it. URL consultato il 6 maggio 2019.
  21. ^ Banca Cariparma cambia logo, su Repubblica.it, 24 ottobre 2016. URL consultato il 6 maggio 2019.
  22. ^ Fabrizio Massaro, Banche, Crédit Agricole salva le casse in crisi di Rimini, San Miniato, Cesena, su Corriere della Sera, 29 settembre 2017. URL consultato il 6 maggio 2019.
  23. ^ Progetto di fusione per incorporazione (PDF), su static.credit-agricole.it, 8 febbraio 2018, p. 10. URL consultato il 3 luglio 2019.
  24. ^ Relazione del CdA di Cariparma (PDF), su static.credit-agricole.it, 8 febbraio 2018. URL consultato il 4 luglio 2019 (archiviato il 4 luglio 2019).
  25. ^ Carismi, sì alla fusione con Crédit Agricole, su Il Tirreno, 9 febbraio 2018. URL consultato il 6 maggio 2019.
  26. ^ Crédit Agricole Green Life: le caratteristiche della nuova sede di Parma, su Repubblica.it, 12 giugno 2018. URL consultato il 6 maggio 2019.
  27. ^ Approvato il progetto di fusione di Crédit Agricole Carispezia in Crédit Agricole Cariparma (PDF), su gruppo.credit-agricole.it, 16 novembre 2018. URL consultato il 4 luglio 2019 (archiviato il 4 luglio 2019).
  28. ^ a b Crédit Agricole Carispezia sarà incorporata in Crédit Agricole Cariparma, su www.gazzettadellaspezia.it. URL consultato il 6 maggio 2019.
  29. ^ Crédit Agricole Italia incorporaCBA Carispezia, su aziendabanca.it/legal, 11 aprile 2019. URL consultato il 4 luglio 2019 (archiviato il 4 luglio 2019).
  30. ^ Crédit Agricole, Cariparma chiude il dossier Carispezia, su finanzareport.it, 1º marzo 2019. URL consultato il 4 luglio 2019 (archiviato il 2 marzo 2019).
  31. ^ Consiglio di amministrazione. Crédit Agricole, su gruppo.credit-agricole.it. URL consultato il 6 maggio 2019.
  32. ^ a b L'organizzazione del Gruppo Crédit Agricole, su gruppo.credit-agricole.it. URL consultato il 25 giugno 2019.
  33. ^ Fiere di Parma S.p.A., su fiereparma.it. URL consultato il 6 maggio 2019.
  34. ^ Partecipanti al capitale della Banca d'Italia al 31 marzo 2019 (PDF), su bancaditalia.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Camurani E., Dalla Banca Parmense alla Banca d'Italia, Mattioli 1885, 2014.
  • Marchesi G., La banca della tua città, Cassa di risparmio di Parma e Piacenza - Luigi Battei, 1997.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]