Campionato mondiale Superbike 2009

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campionato mondiale Superbike 2009
Edizione n. 22 del campionato mondiale Superbike
Dati generali
Inizio 1º marzo
Termine 25 ottobre
Prove 14
Titoli in palio
Titolo piloti Stati Uniti Ben Spies
su Yamaha YZF R1
Costruttori Italia Ducati
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso

Il campionato mondiale di Superbike 2009 è la ventiduesima edizione del campionato mondiale Superbike.

Il campionato piloti è stato vinto dall'americano Ben Spies sulla Yamaha YZF-R1 del team Yamaha World Superbike che ha preceduto di soli 6 punti Noriyuki Haga sulla Ducati 1098R del team Ducati Xerox.

Il titolo costruttori è stato vinto dalla Ducati con un gran premio d'anticipo.

Piloti partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

fonte[1]

Tutte le motociclette in competizione sono equipaggiate con pneumatici forniti dalla Pirelli.

Pilota Squadra Motocicletta
2 Regno Unito Jamie Hacking Regno Unito Kawasaki World Superbike Giappone Kawasaki ZX 10R
3 Italia Max Biaggi Italia Aprilia Racing Italia Aprilia RSV4 Factory
7 Spagna Carlos Checa Paesi Bassi HANNspree Ten Kate Honda Giappone Honda CBR1000RR
9 Giappone Ryuichi Kiyonari Paesi Bassi Ten Kate Honda Racing Giappone Honda CBR1000RR
10 Spagna Fonsi Nieto Belgio Suzuki Alstare BRUX Giappone Suzuki GSX-R 1000 K9
Italia DFX Corse Italia Ducati 1098R
11 Australia Troy Corser Germania BMW Motorrad Motorsport Germania BMW S1000 RR
14 Francia Matthieu Lagrive Italia HANNspree Honda Althea Giappone Honda CBR1000RR
15 Italia Matteo Baiocco San Marino PSG-1 Corse Giappone Kawasaki ZX 10R
Italia Guandalini Racing Italia Ducati 1098R
17 Australia Steve Martin Germania BMW Motorrad Motorsport Germania BMW S1000 RR
19 Stati Uniti Ben Spies Italia Yamaha World Superbike Giappone Yamaha YZF R1
22 Regno Unito Leon Camier Regno Unito Airwaves Yamaha Giappone Yamaha YZF R1
Italia Aprilia Racing Italia Aprilia RSV4 Factory
23 Australia Broc Parkes Regno Unito Kawasaki World Superbike Giappone Kawasaki ZX 10R
24 Australia Brendan Roberts Italia Guandalini Racing Italia Ducati 1098R
25 Spagna David Salom Italia Team Pedercini Giappone Kawasaki ZX 10R
27 Regno Unito James Ellison Regno Unito Airwaves Yamaha Giappone Yamaha YZF R1
31 Australia Karl Muggeridge Italia Celani Race Giappone Suzuki GSX-R 1000 K9
Belgio Suzuki Alstare BRUX
32 Regno Unito Stuart Easton Regno Unito Kawasaki World Superbike Giappone Kawasaki ZX 10R
33 Regno Unito Tommy Hill Italia HANNspree Honda Althea Giappone Honda CBR1000RR
36 Spagna Gregorio Lavilla Italia Guandalini Racing Italia Ducati 1098R
40 Italia Flavio Gentile Italia HANNspree Honda Althea Giappone Honda CBR1000RR
41 Giappone Noriyuki Haga Italia Ducati Xerox Italia Ducati 1098R
44 Italia Roberto Rolfo Svezia Stiggy Racing Honda Giappone Honda CBR1000RR
47 Regno Unito Richard Cooper Germania BMW Motorrad Motorsport Germania BMW S1000 RR
49 Sudafrica Shaun Whyte Francia Yamaha France GMT 94 Ipone Giappone Yamaha YZF R1
50 Francia Sylvain Guintoli Belgio Suzuki Alstare BRUX Giappone Suzuki GSX-R 1000 K9
51 Rep. Ceca Milos Cihak Rep. Ceca ProRace Giappone Suzuki GSX-R 1000 K9
53 Italia Alessandro Polita Italia Celani Race Giappone Suzuki GSX-R 1000 K9
55 Francia Régis Laconi Italia DFX Corse Italia Ducati 1098R
56 Giappone Shinya Nakano Italia Aprilia Racing Italia Aprilia RSV4 Factory
57 Italia Lorenzo Lanzi Italia DFX Corse Italia Ducati 1098R
58 Italia Marco Simoncelli Italia Aprilia Racing Italia Aprilia RSV4 Factory
64 Francia Erwan Nigon Francia Yamaha France GMT 94 Ipone Giappone Yamaha YZF R1
65 Regno Unito Jonathan Rea Paesi Bassi HANNspree Ten Kate Honda Giappone Honda CBR1000RR
66 Regno Unito Tom Sykes Italia Yamaha World Superbike Giappone Yamaha YZF R1
67 Regno Unito Shane Byrne Italia Team Sterilgarda Italia Ducati 1098R
71 Giappone Yukio Kagayama Belgio Suzuki Alstare BRUX Giappone Suzuki GSX-R 1000 K9
76 Germania Max Neukirchner Belgio Suzuki Alstare BRUX Giappone Suzuki GSX-R 1000 K9
77 Italia Vittorio Iannuzzo Italia Squadra Corse Italia Giappone Honda CBR1000RR
79 Stati Uniti Blake Young Belgio Suzuki Alstare BRUX Giappone Suzuki GSX-R 1000 K9
84 Italia Michel Fabrizio Italia Ducati Xerox Italia Ducati 1098R
86 Italia Ayrton Badovini San Marino PSG-1 Corse Giappone Kawasaki ZX 10R
88 Austria Roland Resch Svizzera TKR Suzuki Switzerland Giappone Suzuki GSX-R 1000 K9
91 Regno Unito Leon Haslam Svezia Stiggy Racing Honda Giappone Honda CBR1000RR
94 Spagna David Checa Francia Yamaha France GMT 94 Ipone Giappone Yamaha YZF R1
96 Rep. Ceca Jakub Smrž Italia Guandalini Racing Italia Ducati 1098R
98 Stati Uniti Jake Zemke Svezia Stiggy Racing Honda Giappone Honda CBR1000RR
99 Italia Luca Scassa Italia Team Pedercini Giappone Kawasaki ZX 10R
100 Giappone Makoto Tamada Regno Unito Kawasaki World Superbike Giappone Kawasaki ZX 10R
111 Spagna Rubén Xaus Germania BMW Motorrad Motorsport Germania BMW S1000 RR
117 Regno Unito Simon Andrews Regno Unito MSS Colchester Kawasaki Giappone Kawasaki ZX 10R
121 Stati Uniti John Hopkins Svezia Stiggy Racing Honda Giappone Honda CBR1000RR
124 Italia Luca Conforti Italia Barni Racing Italia Ducati 1098R
132 Sudafrica Sheridan Morais Regno Unito Kawasaki World Superbike Giappone Kawasaki ZX 10R
Legenda
Pilota wildcard
Pilota Sostitutivo

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

fonte[2]

Data Gran Premio Circuito Superpole Vincitore gara 1 Vincitore gara 2 Leader del campionato Resoconto
1 1º marzo Australia Australia Phillip Island Stati Uniti Ben Spies[3] Giappone Noriyuki Haga[4] Stati Uniti Ben Spies[5] Giappone Noriyuki Haga[6]
2 14 marzo Qatar Qatar Losail Stati Uniti Ben Spies[7] Stati Uniti Ben Spies[8] Stati Uniti Ben Spies[9] Giappone Noriyuki Haga[10]
3 5 aprile Spagna Spagna Valencia Stati Uniti Ben Spies[11] Giappone Noriyuki Haga[12] Giappone Noriyuki Haga[13] Giappone Noriyuki Haga[14]
4 26 aprile Paesi Bassi Paesi Bassi Assen Stati Uniti Ben Spies[15] Stati Uniti Ben Spies[16] Giappone Noriyuki Haga[17] Giappone Noriyuki Haga[18]
5 10 maggio Italia Italia Monza Stati Uniti Ben Spies[19] Italia Michel Fabrizio[20] Stati Uniti Ben Spies[21] Giappone Noriyuki Haga[22] Resoconto
6 17 maggio Sudafrica Sudafrica Kyalami Stati Uniti Ben Spies[23] Giappone Noriyuki Haga[24] Giappone Noriyuki Haga[25] Giappone Noriyuki Haga[26]
7 31 maggio Stati Uniti Stati Uniti Salt Lake City Stati Uniti Ben Spies[27] Stati Uniti Ben Spies[28] Stati Uniti Ben Spies[29] Giappone Noriyuki Haga[30]
8 21 giugno San Marino San Marino Misano Adriatico Rep. Ceca Jakub Smrž[31] Stati Uniti Ben Spies[32] Regno Unito Jonathan Rea[33] Giappone Noriyuki Haga[34] Resoconto
9 28 giugno Regno Unito Regno Unito Donington Park Stati Uniti Ben Spies[35] Stati Uniti Ben Spies[36] Stati Uniti Ben Spies[37] Giappone Noriyuki Haga[38]
10 26 luglio Rep. Ceca Rep. Ceca Brno Stati Uniti Ben Spies[39] Italia Max Biaggi[40] Stati Uniti Ben Spies[41] Giappone Noriyuki Haga[42]
11 6 settembre Germania Germania Nürburgring Giappone Noriyuki Haga[43] Stati Uniti Ben Spies[44] Regno Unito Jonathan Rea[45] Stati Uniti Ben Spies[46]
12 27 settembre Italia Italia Imola Italia Michel Fabrizio[47] Giappone Noriyuki Haga[48] Italia Michel Fabrizio[49] Giappone Noriyuki Haga[50]
13 4 ottobre Francia Francia Magny-Cours Stati Uniti Ben Spies[51] Stati Uniti Ben Spies[52] Giappone Noriyuki Haga[53] Giappone Noriyuki Haga[54]
14 25 ottobre Portogallo Portogallo Portimao Stati Uniti Ben Spies[55] Stati Uniti Ben Spies[56] Italia Michel Fabrizio[57] Stati Uniti Ben Spies[58]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 2009 vede, come prefazione, il ritiro del pluricampione della Superbike Troy Bayliss, nonostante sia reduce da un'ottima stagione 2008, che lo ha visto trionfare. Il suo posto nel team Ducati Corse viene preso da Noriyuki Haga, suo storico avversario, che abbandona la Yamaha. Questa si affida a Ben Spies, campione AMA Superbike, che nel 2008 ha partecipato a tre GP come wildcard in MotoGP con la Suzuki. Inoltre esordiscono due nuovi team: la rientrante Aprilia con Max Biaggi e Shinya Nakano, e la novità BMW con il due volte campione Troy Corser e Rubén Xaus.

Sul circuito di Phillip Island Spies detiene la pole position. In gara-1, un errore alle prime curve dello statunitense, darà la vittoria ad Haga, partito solo 18° che vince per 0.154 secondi su Neukirchner dopo una corsa molto combattuta; terza l'altra Suzuki GSX-R1000 K9 del Team Alstare guidata dal giapponese Kagayama. In gara2 invece domina Spies su Haga; terzo posto alla Honda CBR 1000RR del team Stiggy Racing Honda con il britannico Haslam.

In Qatar Spies riesce a fare la pole, e a vincere sia in gara1 che in gara2, entrambe le volte seguito da Haga e Biaggi. Così il texano fa vedere le sue capacità, mentre Haga si mostra il suo principale avversario e spicca un'Aprilia RSV4 per la prima volta a podio.

Nella tappa spagnola a Valencia è nuovamente Spies il più veloce del sabato. Ma in gara è Haga a dominare in tutt'e due le manches; l'altra Ducati 1098R di Michel Fabrizio centra due podi (2o e 3o) e Spies si deve accontentare di un podio visto il ritiro nella prima gara.

Ad Assen, nei Paesi Bassi, Spies parte in pole per la terza volta di seguito. Gara-1 è infiammata proprio dall'americano, che negli ultimi giri, quando sembrava stabilmente terzo, supera Haslam con un sorpasso e poi anche Haga all'ultima chicane con un altro bellissimo sorpasso che li vede a lungo affiancati. La gara-2 è macchiata dalla caduta dello statunitense, che permette ad Haga di vincere facilmente su Haslam, mentre Fabrizio regala il podio a Smrž per un problema alle ultime curve.

Il GP d'Italia a Monza vede alla partenza (pole position a Spies, con un grandissimo giro ben 0.9 secondi sotto il record) un disastroso incidente alla Prima Variante che coinvolge molti piloti: la Kawasaki ZX-10R di Tamada scivolando, colpisce Parkes, Corser, Roberts e Neukirchner. Proprio il tedesco del team Alstare, con un femore fratturato, compromette la sua stagione. Bandiera rossa e Gara-1 ricomincia poco dopo con Spies al comando fino all'ultimo, dove con grande sfortuna finisce la benzina a poche centinaia di metri dal traguardo e consegna a Fabrizio la sua prima vittoria nel Campionato mondiale Superbike, seguito da Haga e Kiyonari. In gara-2 l'americano si rifà con una vittoria, mentre Fabrizio è secondo, Kiyonari terzo e Haga cade ad alta velocità (fortunatamente senza conseguenze) alla Curva Grande.

Sul tracciato di Kyalami (Sudafrica), altra novità del 2009 dopo una lunga mancanza dal calendario, Spies parte nuovamente in pole. Ma il trionfo è delle velocissime Ducati, in testa sin dall'inizio in gara-1 con l'americano in terza piazza; mentre in gara-2 Spies rompe il motore dopo pochissimo tempo e Fabrizio è protagonista di un acceso ultimo giro con Haga, che vede diversi tentativi di sorpasso dell'italiano, ma il giapponese a centrare la doppietta.

Al Miller Motorsports Park in Utah, USA, c'è dominio totale di Spies, che entra nella storia con il record di pole consecutive (7) e in gara vince prima su Carlos Checa e Fabrizio e poi su Fabrizio e Rea (alla prima stagione nel Campionato mondiale Superbike dopo un anno nel Campionato mondiale Supersport). Haga arranca (9° e 8°) per via di una caduta in prova.

L'ottava prova, il GP di San Marino, si svolge sul Circuito di Misano, da lungo tempo favorevole alla Ducati. Infatti la pole è di una Ducati, ma non quella ufficiale ma, sorprendentemente, quella del Team Guandalini con in sella il ceco Jakub Smrž, che interrompe così la serie di pole di Spies. L'eccitazione nel piccolo team è forte, ma Smrž non riuscirà a vincere, concludendo comunque entrambe le gare in quarta posizione, conquistando anche il giro veloce. In gara-1 il tempo è incerto, perché ha piovuto da poco (la pista è ancora bagnata), ma dopo pochi giri le moto, partite con gomme da bagnato, "puliscono" la traiettoria dall'acqua e devono effettuare il primo flag-to-flag della Superbike. Il vincitore alla fine è Spies, in grosse difficoltà sul bagnato ma velocissimo sull'asciutto. Gara-2 presenta la pista già asciutta, così la gara è normale. Ma, mentre l'americano in Yamaha ha problemi tecnici (finirà 9°), si accende un duello tra le due Ducati e la Honda di Rea. Haga è in testa per molto tempo, ma verrà superato da entrambi gli inseguitori e Rea centra la sua prima vittoria dopo una battaglia con Fabrizio, che riesce a sorpassare all'ultima curva. La Honda fa capire che con le nuove sospensioni Ohlins è ora competitiva quanto Ducati e Yamaha.

Nel round in Gran Bretagna, nel circuito inglese di Donington, Ben Spies ottiene una perentoria doppietta con pole, entrambe le volte con ampi distacchi, ma in Gara-1 si trova a sorpresa a lottare contro l'Aprilia RSV4 di Max Biaggi, arrivata al top dopo un periodo difficile, in un appassionante duello dove i due girano molto più veloci degli altri e Spies si trova al sicuro solo dopo che Biaggi rallenta alle ultime curve per uno spegnimento del motore, riuscendo comunque ad arrivare secondo. Il campione romano in gara-2 scivola alle prime curve mentre era secondo, arrivando alla fine 21° e spianando la strada della seconda vittoria del weekend a Spies. Haga nella stessa gara cade nei primi giri, facendosi molto male perché la moto da lui atterrata rotolando gli rimbalza addosso. La preoccupazione per il giapponese è tanta, ma alla fine se la cava "solo" con un intervento chirurgico che però non lo mette in condizioni di salute ottimali.

Nel circuito di Masaryk, a Brno, Repubblica Ceca (pista dove Biaggi va storicamente bene), c'è la prima storica vittoria dell'Aprilia in Superbike, con il dominio sulle due Ten Kate Honda di Checa e Rea; dopo che per sorpassare Spies, alle prime tornate, Michel Fabrizio cade travolgendo l'americano, Max non fa che amministrare il vantaggio. Gara-2 è però più difficile per l'italiano, che impiega molti giri a sorpassare un coriaceo Fabrizio per la piazza d'onore per lanciarsi all'inseguimento di Spies che raggiunge agli ultimi giri ma che non riesce a superare, regalandogli la vittoria. Haga resta leader, ma per soli 7 punti su Spies, dopo un 7º e 6º posto in gara, probabilmente per i dolori in seguito all'intervento chirurgico.

Ma al Nürburgring la pole va stavolta al pilota giapponese della Ducati, e le gare sono combattute, e nella 1ª un ritrovato Haga combatte fino all'ultimo con Spies, ma si deve arrendere agli ultimi giri. Dopo gara-1 ha solo 2 punti di vantaggio sul pilota Yamaha. E le cose vanno ancora peggio in gara-2: dopo circa 6 giri, alla prima curva a gomito Rea entra in contatto con Nori facendolo girare e il motore 2 cilindri della Ducati Xerox si spegne. Intanto Rea dopo una gara in lotta con Spies e il compagno Checa riesce a vincere di nuovo. Ora il campionato vede Spies al comando con ben 18 punti di vantaggio su Haga.

Ad Imola la Ducati domina su tutti i fronti. Nelle Qualifiche è Michel Fabrizio a segnare la Superpole, e la gara è una questione tra 4 piloti: Haga, Fabrizio, Biaggi e Simoncelli, che guida l'Aprilia come wildcard; è il giapponese a vincere, Biaggi secondo e Fabrizio terzo, mentre Simoncelli è fuori per una caduta, quindi uno Spies in grande difficoltà riesce a salire al 4º posto. In gara-2 continua il dominio Ducati-Aprilia, ma a vincere è Fabrizio con un distacco minimo sul compagno di squadra e marca, terzo incredibilmente è il Sic, dopo una dura lotta con Biaggi (con anche un fuoripista del Corsaro) mentre solo al 5º posto il texano della Yamaha (condizionato dal fuoripista di Biaggi, solo agli ultimi giri riesce a superare Byrne). Ora Noriyuki è in testa alla generale con 3 punti di vantaggio.

In Francia, a Magny-Cours Spies fa la sua 10° Superpole, ma il distacco su Noriyuki è minimo. In gara-1 Texas Terror vince nonostante un assalto finale di Haga (secondo), però nella seconda manche Haga si rifà con gli interessi, relegando Spies anche dietro a Biaggi e Rea. La differenza ora tra i 2 è minima prima dell'ultimo GP: Haga +10 su Spies, che però ha un maggior numero di vittorie. Nel frattempo la Ducati vince con un GP d'anticipo il campionato costruttori.

A Portimao, sul circuito dell'Algarve (circuito portoghese debuttato lo scorso anno) le qualifiche danno nuovamente Ben Spies al palo, ma Haga è in prima fila. Ma subito si vede, all'inizio di gara-1 un Haga in difficoltà (6° dietro anche a Michel Fabrizio) e dopo circa 4 giri si ferma per una scivolata ed un successivo problema; Spies domina e vince gara-1, prima dell'ultima gara ha ben 15 punti in più dell'acerrimo rivale. In gara-2 non c'è storia: Fabrizio vince la gara, Haga è secondo ma il quinto posto in classifica permette a Ben "Texas Terror" Spies di vincere il Titolo 2009 di Superbike al suo primo anno in questa categoria. Haga racimola un'altra volta il secondo posto in classifica (come negli ultimi 2 anni) ma stavolta a solo 6 punti dal vincitore.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica piloti[58][modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Moto Flag of Australia.svg Flag of Qatar.svg Flag of Spain.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of South Africa.svg Flag of the United States.svg Flag of San Marino.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of the Czech Republic.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of France.svg Flag of Portugal.svg P.ti
1 Stati Uniti Ben Spies Yamaha 16 1 1 1 Rit 2 1 Rit 15 1 3 Rit 1 1 1 9 1 1 Rit 1 1 2 4 5 1 4 1 5 462
2 Giappone Noriyuki Haga Ducati 1 2 2 2 1 1 2 1 2 Rit 1 1 9 8 5 3 3 Rit 8 6 2 Rit 1 2 2 1 Rit 2 456
3 Italia Michel Fabrizio Ducati 4 5 Rit Rit 2 3 9 4 1 2 2 2 3 2 3 2 12 3 Rit 3 7 9 3 1 4 13 5 1 382
4 Italia Max Biaggi Aprilia 11 15 3 3 8 8 5 Rit 11 5 5 5 6 4 13 10 2 21 1 2 5 4 2 4 3 2 3 6 319
5 Regno Unito Jonathan Rea Honda 5 9 12 8 Rit 13 7 5 5 4 4 3 5 3 7 1 7 15 3 4 4 1 7 6 Rit 3 2 3 315
6 Regno Unito Leon Haslam Honda 6 3 11 11 5 5 3 2 Rit 7 Rit 4 10 Rit 12 8 4 2 7 12 6 5 6 8 5 5 Rit Rit 241
7 Spagna Carlos Checa Honda 12 13 5 13 Rit 6 Rit 7 9 10 6 6 2 Rit 11 5 11 Rit 2 5 3 3 Rit 10 6 9 7 Rit 209
8 Regno Unito Shane Byrne Ducati Rit Rit 6 12 9 11 11 8 14 18 9 Rit 11 10 2 6 5 4 4 8 10 Rit Rit 7 8 7 4 4 192
9 Regno Unito Tom Sykes Yamaha 10 10 7 5 7 10 4 6 6 6 10 9 13 9 8 7 Rit 5 Rit 7 9 8 9 12 Rit Rit NP NP 176
10 Rep. Ceca Jakub Smrž Ducati 9 7 Rit 17 Rit 14 6 3 12 8 14 10 8 6 4 4 9 Rit 6 9 13 11 8 9 10 Rit Rit 8 169
11 Giappone Ryuichi Kiyonari Honda Rit 23 8 4 12 9 15 Rit 3 3 12 13 4 5 Rit 14 10 7 13 13 14 7 5 17 Rit NP NP NP 141
12 Giappone Yukio Kagayama Suzuki 3 8 22 15 6 Rit Rit 12 4 17 8 13 12 12 6 11 17 13 14 Rit 14 10 15 Rit 7 6 Rit 11 128
13 Australia Troy Corser BMW 8 22 9 9 Rit 15 10 10 Rit NP 15 17 Rit 22 Rit 20 5 10 8 6 11 Rit 9 10 Rit 9 96
14 Giappone Shinya Nakano Aprilia 15 12 4 7 NP NP Rit NP 13 12 7 7 Rit 7 9 13 6 Rit Rit 13 Rit NP 86
15 Francia Régis Laconi Ducati 7 4 10 14 4 4 8 16 8 11 77
16 Germania Max Neukirchner Suzuki 2 6 Rit 6 3 7 13 9 NP NP 75
17 Spagna Rubén Xaus BMW 19 11 13 10 13 16 14 11 7 9 Rit Rit 21 16 14 16 15 9 Rit NP 12 13 11 12 8 Rit 74
18 Australia Broc Parkes Kawasaki Rit 18 14 16 10 17 10 13 15 14 Rit 11 17 17 18 14 12 16 Rit 13 10 15 Rit 15 11 12 51
19 Francia Matthieu Lagrive Honda 10 21 16 12 9 14 11 Rit Rit Rit 9 13 34
20 Regno Unito Leon Camier Yamaha e Aprilia 13 6 Rit Rit 6 7 32
21 Spagna Fonsi Nieto Suzuki e Ducati 16 15 16 13 18 12 11 17 Rit 12 Rit Rit Rit 11 Rit Rit 22
22 Australia Karl Muggeridge Suzuki Rit 21 16 18 16 19 12 Rit 16 Rit 18 Rit Rit NP 12 Rit 13 14 Rit 8 21
23 Stati Uniti John Hopkins Honda 11 12 NP NP 8 NP Rit Rit Rit NP 17
- Italia Matteo Baiocco Kawasaki e Ducati Rit 24 19 22 20 Rit Rit 14 17 15 Rit Rit Rit 16 14 16 12 14 10 Rit 17
25 Italia Marco Simoncelli Aprilia Rit 3 16
26 Italia Lorenzo Lanzi Ducati 17 14 19 18 14 11 Rit 15 Rit 11 15
27 Giappone Makoto Tamada Kawasaki 18 17 NP NP 14 Rit 17 Rit NP NP 10 Rit Rit NP Rit NP 12 16 12
- Spagna Gregorio Lavilla Ducati 11 12 14 Rit 22 15 Rit 18 12
29 Italia Luca Scassa Kawasaki 20 20 17 20 18 24 Rit 15 23 14 17 Rit 19 Rit Rit 20 19 16 16 Rit 16 14 16 18 13 Rit 15 14 11
30 Stati Uniti Jamie Hacking Kawasaki 7 19 16 22 21 Rit 9
31 Regno Unito James Ellison Yamaha Rit 8 8
- Sudafrica Sheridan Morais Kawasaki 13 11 Rit 19 8
33 Francia Sylvain Guintoli Suzuki Rit 10 6
- Regno Unito Simon Andrews Kawasaki 20 10 6
- Regno Unito Tommy Hill Honda 14 14 15 Rit 15 22 Rit Rit 20 16 Rit 17 6
36 Spagna David Salom Kawasaki 21 25 18 Rit 19 21 20 Rit 19 21 20 16 20 18 23 Rit 23 19 17 Rit 17 17 18 Rit 14 16 13 17 5
37 Spagna David Checa Yamaha Rit 20 19 Rit 22 19 21 Rit 24 Rit 18 19 Rit 18 17 Rit 15 17 14 15 4
38 Australia Brendan Roberts Ducati 17 19 21 19 Rit 18 16 13 NP NP 3
- Italia Roberto Rolfo Honda 13 16 Rit Rit 3
40 Italia Vittorio Iannuzzo Honda Rit Rit 20 21 Rit 23 Rit Rit 21 SQ 20 24 Rit Rit 15 18 Rit 15 Rit Rit Rit Rit Rit Rit 2
41 Italia Alessandro Polita Suzuki 15 23 22 Rit Rit Rit 1
- Stati Uniti Jake Zemke Honda 18 20 18 15 1
NC Austria Roland Resch Suzuki Rit 25 21 17 24 Rit NC 25 Rit Rit 19 20 18 Rit 16 18 Rit NP 0
NC Italia Ayrton Badovini Kawasaki NP NP Rit Rit 17 Rit 0
Pos Pilota Moto Flag of Australia.svg Flag of Qatar.svg Flag of Spain.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of South Africa.svg Flag of the United States.svg Flag of San Marino.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of the Czech Republic.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of France.svg Flag of Portugal.svg P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.

Sistema di punteggio e legenda[modifica | modifica wikitesto]

Pos. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16>
Punti 25 20 16 13 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0

Classifica costruttori[59][modifica | modifica wikitesto]

Pos Costruttore Flag of Australia.svg Flag of Qatar.svg Flag of Spain.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of South Africa.svg Flag of the United States.svg Flag of San Marino.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of the Czech Republic.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of France.svg Flag of Portugal.svg P.ti
1 Italia Ducati 1 2 2 2 1 1 2 1 1 2 1 1 3 2 2 2 3 3 4 3 2 9 1 1 2 1 4 1 572
2 Giappone Yamaha 10 1 1 1 7 2 1 6 6 1 3 9 1 1 1 7 1 1 18 1 1 2 4 5 1 4 1 5 505
3 Giappone Honda 5 3 5 4 5 5 3 2 3 3 4 3 2 3 7 1 4 2 2 4 3 1 5 5 5 5 2 3 431
4 Italia Aprilia 11 12 3 3 8 8 5 Rit 11 5 5 5 6 4 9 10 2 21 1 2 5 4 2 3 3 2 3 6 329
5 Giappone Suzuki 2 6 16 6 3 7 12 9 4 17 8 8 12 12 6 11 17 13 14 20 12 10 13 14 7 6 Rit 10 173
6 Germania BMW 8 11 9 9 13 15 10 10 7 9 22 18 15 16 14 16 15 9 5 10 8 6 11 13 9 10 8 9 141
7 Giappone Kawasaki 18 17 14 16 10 17 17 14 10 13 13 11 7 11 16 17 18 10 10 16 13 13 10 15 12 15 11 12 76

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Superbike riders 2009 - dal sito ufficiale superbike
  2. ^ Calendario 2009 - dal sito ufficiale superbike
  3. ^ Phillip Island, Superbike - Qualifying Practices + Superpole - dal sito ufficiale superbike
  4. ^ Phillip Island, Superbike - Results Race 1 - dal sito ufficiale superbike
  5. ^ Phillip Island, Superbike - Results Race 2 - dal sito ufficiale superbike
  6. ^ Phillip Island, Superbike - Championship Standing - dal sito ufficiale superbike
  7. ^ Losail, Superbike - Qualifying Practices + Superpole - dal sito ufficiale superbike
  8. ^ Losail, Superbike - Results Race 1 - dal sito ufficiale superbike
  9. ^ Losail, Superbike - Results Race 2 - dal sito ufficiale superbike
  10. ^ Losail, Superbike - Championship Standing - dal sito ufficiale superbike
  11. ^ Valencia, Superbike - Qualifying Practices + Superpole - dal sito ufficiale superbike
  12. ^ Valencia, Superbike - Results Race 1 - dal sito ufficiale superbike
  13. ^ Valencia, Superbike - Results Race 2 - dal sito ufficiale superbike
  14. ^ Valencia, Superbike - Championship Standing - dal sito ufficiale superbike
  15. ^ Assen, Superbike - Qualifying Practices + Superpole - dal sito ufficiale superbike
  16. ^ Assen, Superbike - Results Race 1 - dal sito ufficiale superbike
  17. ^ Assen, Superbike - Results Race 2 - dal sito ufficiale superbike
  18. ^ Assen, Superbike - Championship Standing - dal sito ufficiale superbike
  19. ^ Monza, Superbike - Qualifying Practices + Superpole - dal sito ufficiale superbike
  20. ^ Monza, Superbike - Results Race 1 - dal sito ufficiale superbike
  21. ^ Monza, Superbike - Results Race 2 - dal sito ufficiale superbike
  22. ^ Monza, Superbike - Championship Standing - dal sito ufficiale superbike
  23. ^ Kyalami, Superbike - Qualifying Practices + Superpole - dal sito ufficiale superbike
  24. ^ Kyalami, Superbike - Results Race 1 - dal sito ufficiale superbike
  25. ^ Kyalami, Superbike - Results Race 2 - dal sito ufficiale superbike
  26. ^ Kyalami, Superbike - Championship Standing - dal sito ufficiale superbike
  27. ^ Miller, Superbike - Qualifying Practices + Superpole - dal sito ufficiale superbike
  28. ^ Miller, Superbike - Results Race 1 - dal sito ufficiale superbike
  29. ^ Miller, Superbike - Results Race 2 - dal sito ufficiale superbike
  30. ^ Miller, Superbike - Championship Standing - dal sito ufficiale superbike
  31. ^ Misano, Superbike - Qualifying Practices + Superpole - dal sito ufficiale superbike
  32. ^ Misano, Superbike - Results Race 1 - dal sito ufficiale superbike
  33. ^ Misano, Superbike - Results Race 2 - dal sito ufficiale superbike
  34. ^ Misano, Superbike - Championship Standing - dal sito ufficiale superbike
  35. ^ Donington, Superbike - Qualifying Practices + Superpole - dal sito ufficiale superbike
  36. ^ Donington, Superbike - Results Race 1 - dal sito ufficiale superbike
  37. ^ Donington, Superbike - Results Race 2 - dal sito ufficiale superbike
  38. ^ Donington, Superbike - Championship Standing - dal sito ufficiale superbike
  39. ^ Brno, Superbike - Qualifying Practices + Superpole - dal sito ufficiale superbike
  40. ^ Brno, Superbike - Results Race 1 - dal sito ufficiale superbike
  41. ^ Brno, Superbike - Results Race 2 - dal sito ufficiale superbike
  42. ^ Brno, Superbike - Championship Standing - dal sito ufficiale superbike
  43. ^ Nürburgring, Superbike - Qualifying Practices + Superpole - dal sito ufficiale superbike
  44. ^ Nürburgring, Superbike - Results Race 1 - dal sito ufficiale superbike
  45. ^ Nürburgring, Superbike - Results Race 2 - dal sito ufficiale superbike
  46. ^ Nürburgring, Superbike - Championship Standing - dal sito ufficiale superbike
  47. ^ Imola, Superbike - Qualifying Practices + Superpole - dal sito ufficiale superbike
  48. ^ Imola, Superbike - Results Race 1 - dal sito ufficiale superbike
  49. ^ Imola, Superbike - Results Race 2 - dal sito ufficiale superbike
  50. ^ Imola, Superbike - Championship Standing - dal sito ufficiale superbike
  51. ^ Magny Cours, Superbike - Qualifying Practices + Superpole - dal sito ufficiale superbike
  52. ^ Magny Cours, Superbike - Results Race 1 - dal sito ufficiale superbike
  53. ^ Magny Cours, Superbike - Results Race 2 - dal sito ufficiale superbike
  54. ^ Magny Cours, Superbike - Championship Standing - dal sito ufficiale superbike
  55. ^ Portimao, Superbike - Qualifying Practices + Superpole - dal sito ufficiale superbike
  56. ^ Portimao, Superbike - Results Race 1 - dal sito ufficiale superbike
  57. ^ Portimao, Superbike - Results Race 2 - dal sito ufficiale superbike
  58. ^ a b Portimao, Superbike - Championship Standing - dal sito ufficiale superbike
  59. ^ Superbike - Manufacturers Standings - dal sito ufficiale superbike

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]