Brecciarola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brecciarola
frazione
Brecciarola – Veduta
Panorama: la chiesa parrocchiale e il "Casone"
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
Provincia Provincia di Chieti-Stemma.png Chieti
Comune Chieti-Stemma.png Chieti
Territorio
Coordinate 42°19′31.01″N 14°05′35.02″E / 42.32528°N 14.09306°E42.32528; 14.09306 (Brecciarola)Coordinate: 42°19′31.01″N 14°05′35.02″E / 42.32528°N 14.09306°E42.32528; 14.09306 (Brecciarola)
Altitudine 60 m s.l.m.
Abitanti 3 000
Altre informazioni
Cod. postale 66100
Prefisso 0871
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti brecciarolesi
Patrono san Bartolomeo Apostolo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Brecciarola
Brecciarola

Brecciarola, chiamata anche Brecciarola di Chieti (La Vrèccë in dialetto locale), è una frazione del comune di Chieti che conta circa 3.000 abitanti. Gli abitanti sono chiamati brecciarolesi.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La frazione dista 10 km dalla parte alta di Chieti e 5 km dalla parte bassa della città (cioè Chieti Scalo) a cui è collegata dalla Via Tiburtina, il prolungamento di una delle antiche vie romane che conducevano da Roma alle altre città d'Italia. La Via Tiburtina taglia la frazione in due parti. Sviluppandosi lungo la strada statale, Brecciarola ha una forma stretta ed allungata, visti anche, ai lati, i vicini confini geografici di due comuni, Manoppello e Casalincontrada. A quest'ultimo comune la frazione è collegata da due strade perpendicolari alla Tiburtina. In questa frazione è presente la contrada Bivio Brecciarola.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Anticamente chiamata Villa Socceto, prende il nome attuale nel 1932. La piccola frazione era per lo più abitata da contadini "socci" (da "soccida" che lavoravano, cioè, dei terreni non propri), da qui il suo nome.

L'attuale nome, deriva invece dalle cave di breccia che erano presenti sul fiume Pescara (che lambisce a nord la contrada) ma che attualmente non esistono più.

Il 13 aprile 1932 monsignor Giuseppe Venturi, arcivescovo dell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, istituì la vicaria perpetua di S. Bartolomeo Apostolo in Brecciarola, e la contrada iniziò a chiamarsi con l'attuale nome.

Il 25 dicembre 1946 l'arcivescovo di Chieti eleva a Parrocchia la vicaria, che venne riconosciuta dalla Stato con decreto del Presidente della Repubblica n. 2189 del 14 settembre 1948.

Luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Di interesse storico sono: la Fonte dell'Augello o "Fonte Bovinum", antico lavatoio pubblico che sorge sulla s.s.5 Tiburtina, all'ingresso lato est della frazione; il lavatoio è però misteriosamente senz'acqua da ormai molti anni e meriterebbe un nuovo restauro che rimuovesse un antiestetico stucco a cemento; la fontana fu restaurata una prima volta nel 1792 dal Camerario Interino Barone Marco Antonio Paini; sul fronte del lavatoio - in alto - campeggiano uno stemma e una targa in pietra ove un'iscrizione ricorda il passaggio dei Reali nella frazione mentre erano in fuga verso la Puglia nel 1943. C'è poi il cosiddetto Casone, un castelletto sormontato al centro da una torretta che sorge nella parte centrale della frazione, vicino alla chiesa: probabilmente si tratta di un'antica abitazione o di una riserva di caccia di un signorotto del Settecento; attualmente vi ha sede un centro sociale con attività di bar.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia della contrada ha aggiunto alla sua vocazione prettamente agricola quella commerciale: numerosi sono i ristoranti, le attività commerciali ed è presente anche un circolo del golf.

Il santo patrono[modifica | modifica wikitesto]

San Bartolomeo Apostolo è il patrono della frazione: a lui è dedicata l'unica chiesa di Brecciarola.

La struttura della chiesa è interessante, in stile moderno, sovrastata da un campanile di altezza considerevole e con orologio: il campanile fu fatto costruire nei primi anni '80 dal parroco di allora, quando molte famiglie - circa cinquanta - arrivarono a popolare la vicina via Saline andando ad abitare in 5 palazzine di edilizia popolare; il resto della frazione contribuì economicamente alla costruzione del campanile. L'intera parrocchia è circondata da un'area pedonale, in cui si svolge ogni anno, dal 24 al 26 agosto, la festa in onore del patrono.

Manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Oltre alla Festa patronale, di particolare rilevanza sono le Brecciaroliadi, una sorta di palio tra le varie contrade che si svolgeva solitamente in luglio. La manifestazione è stata organizzata per svariati anni dall'Associazione Culturale Villa Socceto
  • Organizzata dai giovani per i giovani la NCL, ovvero la National Casone League, torneo di basket a un canestro che si svolgeva d'estate in piazza.
  • In occasione della Festa patronale di San Bartolomeo viene organizzata da diversi anni una manifestazione ciclistica amatoriale denominata "Trofeo San Bartolomeo",organizzata dall'ASD Ciclo Club Free Road, che si svolge su un circuito cittadino di km. 3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Abruzzo Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Abruzzo