Lavatoio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lavatoio pubblico (Bonnat)
Donna che fa il bucato in una casa francese del secolo XVIII. Dipinto su olio di Jean Siméon Chardin.

Il lavatoio è un luogo, spazio o costruzione per fare il bucato. In precedenza i villaggi avevano lavatoi pubblici, dove le donne, come incaricate della famiglia, lavavano la biancheria sporca.[1]

Un lavatoio dispone, in generale, di una tavola o una lastra. In una casa moderna, un lavatoio può essere equipaggiato con una lavatrice e un'asciugatrice automatiche, e includere spazio per un asse da stiro.

Nelle case di vicini o alloggi rurali lo spazio del lavatoio o i suoi elementi sono stati situati tradizionalmente nella pianta bassa o il seminterrato. Prima dell'introduzione dell'acqua corrente nelle case, le popolazioni disponevano di un lavatoio pubblico dove le donne si recavano a fare il bucato.[2] I lavatoi erano anche luoghi in cui la gente andava per socializzare e parlare.

Tipologia architettonica[modifica | modifica wikitesto]

I modelli di costruzione, rifornimento di acque, postazione, etc, sono molto diversi:

Lavatoio fluviale[modifica | modifica wikitesto]

Nave-lavatoio sulla Senna a Parigi, accanto al Pont au Change, fotografata nel XIX secolo da Charles Marville.

In alcune città francesi, principalmente Parigi e Lione, esistette nel secolo XIX un'importante attività di navi-lavatoio (i popolari bateaux-lavoirs) dove si concentrava l'attività delle lavandaie di professione.[3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ dle.rae.es, http://dle.rae.es/?id=N0YGMHT.
  2. ^ lavatoipublicos.net, http://www.lavatoipublicos.net/.
  3. ^ ISBN 2-86496-131-8.
  4. ^ Lefebure - La France des lavoirs, su Babelio, ISBN 2-7089-9173-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura