Aurum - La fabbrica delle idee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Pomilio - Ex distilleria Aurum
Pescara 71 (RaBoe).jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneAbruzzo Abruzzo
LocalitàPescara
IndirizzoVia d'Avalos
Coordinate42°27′14.08″N 14°14′08.94″E / 42.453911°N 14.235818°E42.453911; 14.235818Coordinate: 42°27′14.08″N 14°14′08.94″E / 42.453911°N 14.235818°E42.453911; 14.235818
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1910 - 1935
Stileliberty fascista
Usosala convegni - museo
Realizzazione
ArchitettoGiovanni Michelucci
CommittenteFratelli Pomilio

L'Aurum è uno storico edificio di Pescara, un tempo sede della distilleria produttrice del liquore Aurum.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Planimetria del complesso Kursaal Pomilio, progettato da Antonino Liberi, prima dei lavori di ristrutturazione e ampliamento di Giovanni Michelucci. Pescara 26 settembre 1938

Il palazzo fu concepito nel 1910, originalmente, con il nome Kursaal, a scopo di stabilimento balneare pescarese per famiglie agiate. Negli anni Venti prese avvio il progetto della trasformazione della struttura in distilleria, con l'idea di Gabriele D'Annunzio e dei fratelli Pomilio di creare il liquore Aurum.

La fabbrica ha una struttura a ferro di cavallo, con apertura dell'entrata a due braccia. Essendo stata completata negli anni Trenta, risente dell'influsso del fascismo, i cui stili si alternano tra il liberty e il neoclassico tipico dell'arte fascista. La struttura si trova presso la Riserva naturale di interesse provinciale Pineta Dannunziana.

La produzione dell'Aurum continuò fino agli anni Settanta, quando per la crisi degli anni di piombo, la distilleria fu costretta a chiudere i battenti. La sede dell'Aurum si trasferì a Città Sant'Angelo (poco distante dal capoluogo), e il vecchio edificio cadde in abbandono. Nel 2003 è stato recuperato e restaurato, venendo trasformato in museo dedicato alla storica produzione del liquore. Durante il periodo di abbandono ha ospitato alcune edizioni di Fuori Uso. Attualmente è usato come museo e galleria d'arte contemporanea, nonché come sala convegni.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La struttura originaria dell'edificio è stata progettata da Antonino Liberi, ed a pianta rettangolare, con un loggiato a due ordini di arcate che si estende verso l'entrata. Le arcate sono in stile classico. La funzione originale dell'edificio doveva essere quella di polo culturale nel quartiere della pineta.

Il palazzo, con l'ampliamento degli anni Trenta progettato da Giovanni Michelucci, si è arricchito di un corridoio retrostante a ferro di cavallo, sempre arricchito da due ordini di logge. L'ordine del pianterreno però è ad arcate quadrangolari. La parte del palazzo che volge verso il cortile interno ha uno stile architettonico diverso, più moderno, intonacato di bianco. Spesso tale piazzale è usato per concerti.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 l'edificio ha ospitato i sorteggi per il calendario di calcio della Serie B 2015-2016[1]; anche nel 2017 l'edificio è stato sede della presentazione dei calendari di calcio della Serie C 2017-2018[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Abruzzo Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Abruzzo