Ottoni (famiglia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Attoni)
Ottoni
Pala ottoni, stemma.jpg
Fondatoreconte Morico
Data di estinzione1737

La famiglia degli Ottoni è una delle più importanti famiglie nobili delle Marche, che resse Matelica come signoria indipendente dal XII al XVI secolo, svolgendo un ruolo chiave nella parte centromeridionale della regione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli storici sono propensi a ritenere che la famiglia degli Ottoni discenda da un'antica famiglia comitale sassone di cognome Attoni (Attoni fu anche il nome della famiglia, sempre di origini longobarde, da cui nacque Matilde di Canossa e di quella da cui discesero i Compagnoni, i Baratti e gli Iattoni/Jattoni). Il cognome una volta che la famiglia giunse in Italia si modificò in Ottoni.

La famiglia apparve sulla scena marchigiana all'inizio del XII secolo con il conte Morico, nominato dall'imperatore Conte Imperiale in Matelica.

Nel XV secolo la famiglia assunse, per concessione di Papa Eugenio IV il titolo di marchese della Marca di Ancona arrivando di fatto a dominare tutto il sud delle Marche e parte dell'Umbria. In questo periodo la famiglia espresse due noti capitani di ventura: Giacomo e Francesco II Ottoni.

Pirro, fu l'ultimo signore Sovrano di Matelica dal 1564 ma fu deposto dal pontefice nel 1566, dopo varie proteste dei cittadini di Matelica a causa della dispotica e sanguinaria dominazione della famiglia, soprattutto da parte di Gian Maria Ottoni. Ripristinato sul trono il 20 dicembre 1572 vendette il 4 maggio 1576 ogni feudo a Giacomo Boncompagni, Duca di Sora.

La famiglia si estinse all'inizio del XVIII secolo, dopo essersi riappacificata con la cittadinanza matelicese.

Personaggi importanti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Ottoni di Matelica, Milano, 1835.
  • Angelo Squarti Perla, Titoli e nobiltà nelle Marche, Acquaviva Picena, 2003

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]