Ugo di Toscana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ugo di Toscana
Hugues.jpg
Miniatura del XII secolo raffigurante Ugo di Toscana
Marchese di Tuscia
Stemma
In carica 9611001
Predecessore Uberto di Toscana
Successore Bonifacio III
Duca di Spoleto
In carica 989996
Predecessore Trasimondo IV
Successore Corrado d'Ivrea
Nascita 951/953
Morte Pistoia, 21 dicembre 1001
Luogo di sepoltura Abbazia di Santa Maria, Firenze
Dinastia Bosonidi
Padre Uberto di Toscana
Madre Willa di Tuscia
Consorte Giuditta ?
Figli Willa
Religione cattolica

Ugo di Toscana, o di Tuscia, detto a volte Il Grande[1] (951/953[2]Pistoia, 21 dicembre 1001), fu marchese di Toscana dal 961 circa fino alla sua morte e duca di Spoleto e Camerino dal 989 al 996.

Il monumento di Mino da Fiesole nella Badia Fiorentina
Stemma di Ugo di Toscana sul portale della Badia fiorentina[3].

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di un figlio naturale del re d'Italia, Ugo di Provenza, Uberto di Toscana (?-970)[4], il quale fu anch'egli per un certo periodo, non solo Duca di Spoleto, ma anche marchese di Camerino[5] e di Willa di Toscana ( morta probabilmente nel 979[6][7]) una delle figlie di Bonifacio I di Spoleto.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si sposò con una certa Giuditta ed ebbe una figlia. Sembra[non chiaro] che il padre abdicasse, per cui Ugo gli succedette, come marchese di Toscana, prima del 970.

Egli decise di spostare la sua residenza da Lucca a Firenze, dando un primo riconoscimento dell'ascesa economica e politica della città sull'Arno.

Durante il regno dell'Imperatore Ottone III fu uno dei consiglieri più ascoltati, per le questioni italiane. In quel periodo divenne duca di Spoleto, ma dopo il 994, anno in cui Ottone III cominciò a governare in prima persona, forse si impaurì dal vasto potere di Ugo, nell'Italia centrale, e nel 996, pur essendo Ugo uno dei suoi più fedeli sostenitori, lo privò di Spoleto in favore di Corrado d'Ivrea. Ancora accompagnò l'imperatore nella sua nuova discesa in Italia e nell'anno 1000 era comandante delle truppe imperiali con il cugino di Ottone il futuro imperatore, il duca di Baviera, Enrico. Nel 1001 i Romani si ribellarono a Ottone e lo assediarono nel suo palazzo romano e chiusero le porte della città impedendo di entrare in Roma con le truppe ad Ugo ed Enrico, che dopo tre giorni trattarono la liberazione di Ottone, che avrebbe preferito combattere. Ottone dovette uscire da Roma e molto probabilmente Ugo fu allontanato dalla corte imperiale.

Ugo morì, in quello stesso anno (1001) a Pistoia ma venne sepolto a Firenze presso la Badia Fiorentina, fondata da sua madre. Più di quattro secoli dopo Mino da Fiesole gli scolpì un monumento funebre[8].

Nell'ultimo periodo del suo governo in Toscana, si prodigò, come aveva già fatto la madre, alla cura e all'accrescimento di vari istituti religiosi, con numerose donazioni, che vennero confermate dai suoi successori.

La sua biografia fu arricchita di numerose leggende nel tempo e Placido Puccinelli scrisse una Istoria delle eroiche azioni di Ugo il Grande (1664), visto come principe pio e di alto valore morale.

Leggende[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la leggenda, Ugo nel 1004, passando dal Mugello, si convertì ad una vita più cristiana dopo una crisi mistica in cui ebbe una visione nella quale gli veniva ordinato, in cambio della remissione dei peccati e quindi per la salvezza dell'anima, l'incarico di edificare sette abbazie con altrettante chiese[9]:

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Stemma di Ugo di Toscana sull'altare della Badia fiorentina

Il marchese ebbe come insegna uno scudo «di rosso a tre pali d'argento» ricordata anche da Dante nella Divina Commedia, canto XVI del Paradiso:

«Ciascun che della bella insegna porta
del gran barone il cui nome e il cui pregio
la festa di Tommaso riconforta,
da esso ebbe milizia e privilegio;»

In seguito l'insegna fu portata, con alcune variazione da diverse famiglie nobili fiorentine.[11]

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Ugo da Giuditta ebbe una figlia:

Affresco a soggetto araldico che ricorda singolarmente lo stemma di Ugo di Toscana nella Chiesa di San Martin del Colle nel territorio di Casciana Terme Lari, centro principale della consorteria dei Cadolingi, fedeli di Ugo di Toscana

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chiamato magnus da Pier Damiani nella Vita del marchese Ugo ( scritta nel 1070 ca. in Petri Damiani opera omnia, II, a cura di J. P. Migne, in Patrologia Latina, CXLV, Lutetiae Parisiorum, 1853, pp. 825 ss.)
  2. ^ Secondo San Pier Damiani, quando Ugo morì non aveva ancora compiuto cinquant’anni, per cui fino al 970, o poco oltre, egli era ancora minorenne (oggi come data di nascita si propende per il 953). Infatti il Santo racconta che, quando il nobiluomo si ammalò, un vescovo avrebbe interpretato nelle forme di un pezzo di legno che stava bruciando il numero L che profetizzava che il marchese sarebbe morto all’età di 50 anni, tranquillizzando i presenti. Purtroppo Ugo morì poco dopo non ancora cinquantenne - v. Guido Tigler, «Le origini della Badia Fiorentina e il sepolcro del marchese Ugo», in Castelli nel Chianti tra archeologia, storia e arte, Atti del Convegno tenuto il 26 settembre 2015 presso il Castello di Gabbiano, Centro di Studi Chiantigiani “Clante”, p. 123; Nota n° 70 p. 153 dello stesso studio.
  3. ^ È probabile che anticamente l’insegna fosse percepita come stemma dello stesso Ugo, e non della Badia ( come riportato dal Borghini): perché le abbazie italiane non si fregiavano di uno stemma, a differenza delle Reichsabteien ( «abbazie imperiali») tedesche divenute stati sovrani colla Bolla Aurea del 1356. G. Tigler, «Le origini della Badia Fiorentina...», 2015, p. 126.
  4. ^ Questa discendenza non è certa.
  5. ^ G. Tigler, op. cit., p. 142, nota 4.
  6. ^ cfr. Le carte del monastero di S. Maria in Firenze (Badia), a cura di, L. Schiaparelli con la collaborazione di F. Baldasseroni e R. Ciasca, Firenze, 1913, ristampa anastatica (Regestum Chartarum Italiae 41), Roma, 1990, I: sec. X- XI, doc. 6, carta di vendita del 27/01/979, p. 18 «a terra et palco qui fuet Guille marchionesse».
  7. ^ Il nome Willa, corrispondente femminile del prenome germanico Wilhelm (che in Italia si trasforma da Wilhelmus/Wiligmus/Vuiligelmus in Guilhelmus), lo troviamo anche nelle forme Vuilla, Guilla o Guillia. G. Tigler, op. cit., p. 142. Inoltre, sia nella famiglia di Bonifacio di Spoleto che in quella di Ugo, vi erano diverse nobildonne franche di nome Willa v. A. Calamai, Ugo di Toscana, Realtà e leggenda di un diplomatico alla fine del primo millennio, Firenze, 2001, p. 275 e pp. 272-73.
  8. ^ Nell’anno 1001 ( o poco dopo) Ugo venne sepolto in una cassa di ferro sulla quale si leggeva HUGO MARCHIO MI ( Puccinelli, Galletti), a sua volta inserita in un labrum del II secolo d.C. in marmo rosso antico ( e non in porfido come credeva Puccinelli (1643)), cioè un sarcofago a forma di vasca, a sua volta questa tipologia di sarcofago si ispirava alle vere vasche da bagno romane. Nel 1481 il vecchio sepolcro di Ugo venne sostituito dall’attuale monumento funebre di Mino da Fiesole e fu sposato in uno dei cortili della Badia Fiorentina e riadattato come abbeveratoio per cavalli (Baronio). Fu restaurato nel XVII-XVIII secolo con un nuovo orlo in giallo di Siena e nel 1743 furono effettuati degli interventi sulle teste leonine. Dopo essere passo di mano in mano, il sarcofago è stato riscoperto in occasione della mostra Magnificenza alla corte dei Medici- Museo degli Argenti, 1997, ed è oggi esposto nel cortile di Ajace di Palazzo Pitti. Nel sarcofago era inciso un componimento, databile all’inizio dell’XI secolo, colmo di citazioni classiche. L’unico studio monografico sulla vasca è di F. Paolucci. Il sarcofago di Ugo, allo stato attuale delle ricerche (vedi Tigler, 2015), rappresenta il primo caso toscano del fenomeno di impiego di pregiato materiale di spoglio. Da un sepoltuario della Badia contenuto in un codice di inizio Duecento, citato da Davidsohn (Firenze, BNC, Conv. D. 8.2851) si viene a sapere che il sepolcro del marchese Ugo era situato nei pressi dell’altar maggiore rialzato su di una scalinata. G. Tigler, op. cit., p. 131.
  9. ^ Secondo Leone Ostiense ( o Marsicano), Ugo il Grande avrebbe però fondato cinque non specificate abbazie, le quali probabilmente ospitarono i monaci di Montecassino, quando il principe di Capua impose come abate Mansone nel 988 e 995. San Pier Damiani dice che Ugo avrebbe fondato sei abbazie, una delle quali è la Badia Fiorentina. Secondo Villani ( Nuova Cronica) e il notaio Andrea ( Epistula Andree notarii..., 1345, Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, ms. Conv. D. 8 2851, pubblicata da Gaudenzi nel 1906) il nobiluomo avrebbe fondato invece sette abbazie. Alcuni storici moderni, però, riconoscono come sua unica fondazione ex novo quella di Capolona, altri ancora attribuiscono ad Ugo la fondazione delle abbazie di Marturi, Capolona e Vangadizza a Badia Polesine in provincia di Rovigo ( Il Marchese Ugo di Tuscia. Ricerche di Antonio Falce, 1921, p. 75) , G. Tigler, op. cit., p. 149.
  10. ^ Narciso Feliciano Pelosini, Ricordi, tradizioni e leggende dei monti pisani, Mariotti, Pisa 1890, p. 40, in cui si citano documenti dell'Archivio vescovile di Lucca e vari autori tra i quali il Tronci.
  11. ^ Luciano Artusi, Firenze araldica, pp. 280, Polistampa, Firenze, 2006, ISBN 88-596-0149-5, pagg. 45-48

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Calamai A., "Ugo di Toscana, realtà e leggenda di un diplomatico alla fine del primo millennio", Prefazione di Franco Cardini, Semper Editrice, Firenze 2001.
  • C. W. Previté-Orton, "L'Italia nel X secolo", cap. XXI, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 662–701.
  • Austin Lane Poole, "Ottone II e Ottone III", cap. V, vol. IV (La riforma della chiesa e la lotta fra papi e imperatori) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 112–125.
  • Guido Tigler, «Le origini della Badia Fiorentina e il sepolcro del Marchese Ugo» in Castelli nel Chianti tra archeologia, storia e arte, a cura di Nicoletta Matteuzzi, Atti del convegno tenuto il 26 settembre 2015 presso il Castello di Gabbiano, Centro di Studi Chiantigiani “Clante”.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Dinastie celebri, su web.genealogie.free.fr. URL consultato il 3 settembre 2008 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2009).
  • (EN) Ugo di Toscana, su freepages.genealogy.rootsweb.ancestry.com.
Controllo di autoritàVIAF (EN72310661 · ISNI (EN0000 0000 6154 8679 · LCCN (ENno2002037301 · GND (DE123815622 · CERL cnp00471627 · WorldCat Identities (ENno2002-037301