Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Al-Quwwat al-Jawwiyya al-Sudaniyya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Al-Quwwat al-Jawwiyya al-Sudaniyya
Aeronautica militare sudanese
Sudanese Air Force
Descrizione generale
Attiva1956 – oggi
NazioneSudan Sudan
Servizioaeronautica militare
Dimensionecirca 3 000 effettivi
circa 200 velivoli (totali)
Parte di
Comandanti
Comandante attualeAbbas Yusuf Ahmed Al-Badri
Simboli
CoccardaRoundel of Sudan.svg
BandieraAir Force Ensign of Sudan.svg

[senza fonte]

Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

La Al-Quwwat al-Jawwiyya al-Sudaniyya, (in arabo: القوﺍﺕ الجوية ﺍﻟﺴﻮﺩﺍﻧﻴـة‎) ed internazionalmente conosciuta con la dizione in lingua inglese Sudanese Air Force (SAF), è l'attuale aeronautica militare del Sudan e parte integrante delle forze armate sudanesi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La forza aerea nazionale venne istituita appena dopo che il Sudan ottenne l'indipendenza dal Regno Unito nel 1956 e durante le prime fasi del suo sviluppo il governo britannico diede la sua disponibilità fornendo attrezzature e provvedendo alla formazione del personale ed equipaggi. Nel 1957 vennero acquisiti quattro nuovi addestratori a getto Hunting Provost T Mk 53. L'anno seguente, il reparto di trasporto tattico ricevette il suo primo velivolo, un singolo Hunting President, seguiti nel 1960 da altri quattro Provost ex RAF revisionati più altri due Hunting President e due Pembroke C Mk 54.

I primi velivoli dotati di capacità di combattimento vennero adottati dalla Al-Quwwat al-Jawwiyya al-Sudaniyya nel 1962 quando i propri reparti vennero equipaggiati con 12 BAC Jet Provost con capacità CAS.[1]

Nel 1964 vennero acquistati due Douglas C-47 Skytrain dagli Stati Uniti d'America e quattro Fokker F27M dai Paesi Bassi. Due di questi ultimi vennero poi ceduto alla compagnia aerea di bandiera Sudan Airways.

Nella seconda parte degli anni sessanta cominciarono ad essere forniti velivoli di produzione sovietica e cinese.

Aeromobili in uso[modifica | modifica wikitesto]

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2014)[2]
Note Immagine
Aerei da combattimento
Nanchang Q-5 Fantan Cina Cina aereo da attacco al suolo A-5 20
Shenyang J-6 Cina Cina aereo da caccia F-6 8
Chengdu J-7 Cina Cina caccia multiruolo F-7M 20
Mikoyan-Gurevich MiG-21 Fishbed Russia Russia caccia intercettore MiG-21 4
Mikoyan-Gurevich MiG-23 Flogger Russia Russia caccia intercettore MiG-23BN 3
Mikoyan-Gurevich MiG-29 Fulcrum Russia Russia caccia multiruolo MiG-29 11
Sudan Air Force Mikoyan-Gurevich MiG-29SE (9-12SE) MTI-2.jpg
Sukhoi Su-24 Fencer Russia Russia cacciabombardiere Su-24M 12[3] 12 Su-24M ex bielorussi acquistati nel 2013.[3]
Sukhoi Su-25 Frogfoot Russia Russia aereo da attacco al suolo Su-25 15
Sudanese Air Force Sukhoi Su-25 Onyshchenko-1.jpg
Aerei da trasporto
Ilyushin Il-76 Russia Russia aereo da trasporto Il-76 1
Sudanese Air Force Ilyushin Il-76-2.jpg
Lockheed C-130 Hercules Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto C-130H 1 su airliners.net
DHC-5 Canada Canada aereo da trasporto DHC-5 1
De Havilland Canada DHC-5D Buffalo, Sudan - Air Force AN1298451.jpg
Antonov An-12 Russia Russia aereo da trasporto An-12 6 su airliners.net
Antonov An-26 Russia Russia aereo da trasporto An-26 8 su airliners.net
Antonov An-30 Russia Russia aereo da trasporto An-30/32 5 su airliners.net
Aerei da addestramento
Hongdu K-8 Karakorum Cina Cina aereo da addestramento K-8 12[4] 12 ordinati.[4]
Sudan Air Force Hongdu K-8 Karakorum MTI-1.jpg
Guizhou FTC-2000 Cina Cina aereo da addestramento FTC-2000 0 6 ordinati.[4]
Elicotteri
Agusta-Bell 205 Stati Uniti Stati Uniti elicottero utility AB-205 2
Bell 212 Stati Uniti Stati Uniti elicottero utility AB-212 3
Mil Mi-2 Hoplite Russia Russia
Polonia Polonia
elicottero leggero utility Mi-2 1
Mil Mi-8 Hip Russia Russia elicottero multiruolo Mi-8
Mi-17
Mi-171
20
Sudanese Air Force Mil Mi-8 Onyshchenko-1.jpg
Mil Mi-24 Hind Russia Russia elicottero d'attacco Mi-24 36
Sudanese Air Force Mil Mi-24 Onyshchenko-1.jpg

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Abdelrahman in Silah Al Jaw Assudani - Sudan Air Force.
  2. ^ Sandra Lewis-Rice, John Maloney & Marc-Antony Payne, World Air Forces directory 2014, Sutton, Surrey, UK, Flightglobal, 2014, p. 26.
  3. ^ a b "SÌ RAFFORZA NEI CIELI LA COOPERAZIONE TRA SAUDITI E SUDAN", su analisidifesa.It, 17 aprile 2017, URL consultato il 21 aprile 2017.
  4. ^ a b c "La Cina sul mercato globale della difesa" - Rivista italiana difesa" N. 9 - 09/2017 pp. 44-53

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]