Air Force of Zimbabwe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Air Force of Zimbabwe
Forza aerea dello Zimbabwe
bandiera dell'Air Force of Zimbabwe
bandiera dell'Air Force of Zimbabwe
Descrizione generale
Attiva 1980 – oggi
Nazione Zimbabwe Zimbabwe
Servizio aeronautica militare
Sito internet http://www.mod.gov.zw/airforce/airforce.htm
Parte di
forze armate dello Zimbabwe
Simboli
Coccarda Roundel zimbabwe.svg

[senza fonte]

Voci su forze aeree presenti su Wikipedia
Un addestratore Nanchang K-8 Karakorum nella livrea della AFZ.

L'Air Force of Zimbabwe o abbreviata AFZ, tradotto dalla lingua inglese Forza aerea dello Zimbabwe, è l'attuale aeronautica militare dello Zimbabwe e parte integrante delle forze armate dello Zimbabwe.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondata nel 1980, eredita le tradizioni militari della precedente Rhodesian Air Force, forza aerea della Rhodesia dal 1965, anno della sua indipendenza, al 1979, e Zimbabwe Rhodesia, denominazione che assunse tra il 1979 e il 1980.

Aeromobili in uso[modifica | modifica wikitesto]

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2015)[1]
Note
Aerei da combattimento
Chengdu F-7MG Airguard Cina Cina cacciabombardiere F-7MG 7
Mikoyan-Gurevich MiG-23 Flogger Russia Russia cacciabombardiere MiG-23 3
Aerei da addestramento
Hongdu K-8 Karakorum Cina Cina Aereo da addestramento K-8 16
Hongdu L-15 Lie Ying Cina Cina Aereo da addestramento L-15 Falcon 1 6 ordinati ad Aprile 2014.[2]
Alenia Aermacchi SF-260 Italia Italia Aereo da addestramento SF-260 11
Aerei da trasporto
Britten-Norman BN-2 Islander Regno Unito Regno Unito Aereo da trasporto BN-2 5
CASA C-212 Aviocar Spagna Spagna Aereo da trasporto C-212 11
Elicotteri
Mil Mi-17 Hip Russia Russia Elicottero utility Mi-172 1
Mil Mi-35 Hind Russia Russia elicottero d'attacco Mi-35 6
Sud-Aviation SA 316 Alouette III Francia Francia Elicottero utility SA 316 13
Bell 412 Stati Uniti Stati Uniti Elicottero utility B-412 9

Aerei ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sandra Lewis-Rice, John Maloney & Marc-Antony Payne, World Air Forces directory 2014, Sutton, Surrey, UK, Flightglobal, 2014, p. 27.
  2. ^ "Zimbabwe, scelto l'Hongdu L-15", Aeronautica & Difesa" N. 352 - 02/2016 pag. 80.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]