Air Force of Zimbabwe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Air Force of Zimbabwe
Forza aerea dello Zimbabwe
Air Force Ensign of Zimbabwe.svg
Bandiera dell'Air Force of Zimbabwe
Descrizione generale
Attiva1980 – oggi
NazioneZimbabwe Zimbabwe
ServizioAeronautica militare
Dimensione91 velivoli (al 2018)
Guarnigione/QGHarare
Battaglie/guerreSeconda Guerra del Congo
Parte di
Simboli
CoccardaRoundel of Zimbabwe.svg
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia
Un addestratore Nanchang K-8 Karakorum nella livrea della AFZ.

L'Air Force of Zimbabwe o abbreviata AFZ, tradotto dalla lingua inglese Forza aerea dello Zimbabwe, è l'attuale aeronautica militare dello Zimbabwe e parte integrante delle forze di difesa dello Zimbabwe.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondata nel 1980, eredita le tradizioni militari della precedente Rhodesian Air Force, forza aerea della Rhodesia dal 1965, anno della sua indipendenza, al 1979, e Zimbabwe Rhodesia, denominazione che assunse tra il 1979 e il 1980.

Aeromobili in uso[modifica | modifica wikitesto]

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2018)[1]
Note
Aerei da combattimento
Chengdu F-7 Airguard Cina Cina cacciabombardiere F-7MG 7[1]
Mikoyan-Gurevich MiG-23 Flogger Russia Russia cacciabombardiere MiG-23 3[1]
Aerei da addestramento
Hongdu K-8 Karakorum Cina Cina Aereo da addestramento K-8 10[1][2]
Hongdu L-15 Lie Ying Cina Cina Aereo da addestramento L-15 Falcon 1[3] 6 ordinati ad aprile 2014.[3]
Alenia Aermacchi SF-260 Italia Italia Aereo da addestramento SF-260 28[1]
Aerei da trasporto
Britten-Norman BN-2 Islander Regno Unito Regno Unito Aereo da trasporto BN-2 5[1]
CASA C-212 Aviocar Spagna Spagna Aereo da trasporto C-212 9[1]
Elicotteri
Mil Mi-17 Hip Russia Russia Elicottero utility Mi-172 1[1][4]
Mil Mi-35 Hind Russia Russia elicottero d'attacco Mi-24
Mi-35
6[4][1]
Sud-Aviation SA 316 Alouette III Francia Francia Elicottero utility SA 316 13[1]
Bell 412 Stati Uniti Stati Uniti Elicottero utility B-412 8[1]

Aeromobili ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k (EN) World Air Force 2019 (PDF), su Flightglobal.com, p. 34. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  2. ^ "La Cina sul mercato globale della difesa" - "Rivista italiana difesa" N. 9 - 09/2017 pp. 44-53
  3. ^ a b "Zimbabwe, scelto l'Hongdu L-15", "Aeronautica & Difesa" N. 352 - 02/2016 pag. 80.
  4. ^ a b "NEWS DA MOSCA - DELEGAZIONE DELLO ZIMBABWE IN VISITA PRESSO LA ULAN UDE AVIATION PLANT", su analisidifesa.it, 12 maggio 2018, URL consultato il 14 maggio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0000 9280 5316 · LCCN (ENn92038525