Patriarcato armeno di Gerusalemme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'entrata della chiesa del monastero armeno di San Giacomo a Gerusalemme

Il Patriarcato armeno di Gerusalemme è una diocesi patriarcale appartenente alla Chiesa Apostolica Armena, fondata nell'anno 638. Attualmente è retta dal patriarca Narhoun Manoogian.

Storia e giurisdizione[modifica | modifica wikitesto]

Mappa del Quartiere Armeno di Gerusalemme

Il patriarcato armeno di Gerusalemme fu istituito nel 1311 quando i monaci del monastero di San Giacomo non accettarono alcune riforme decretate dal concilio armeno di Sis del 1307. Il vescovo armeno della città decretò per sé il titolo di patriarca.

La giurisdizione del patriarcato si estende ai fedeli armeni di Israele, Palestina e Giordania. Oltre all'antico monastero di San Giacomo, appartengono al patriarcato la cappella della Croce nella basilica del Santo Sepolcro, il santuario edificato sulla casa di Anna e Caifa. La sede del patriarca è il quartiere armeno della Città Santa.

L'attuale patriarca è Narhoun Manoogian, eletto il 24 gennaio 2013 come 97° patriarca della sede armena di Gerusalemme.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]