Paolo Carta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo Carta
Nazionalità Italia Italia
Genere Pop
Periodo di attività 1989 – in attività
Strumento chitarra
Album pubblicati 2
Studio 2

Paolo Romano Carta, noto semplicemente come Paolo Carta[1] (Roma, 18 aprile 1964), è un musicista, chitarrista e produttore discografico italiano.

Ha collaborato con diversi big della canzone italiana tra i quali Adriano Celentano, Eros Ramazzotti, Alexia, Fabio Concato, Riccardo Cocciante, Max Pezzali, Gianni Morandi. Principalmente in contesti televisivi ha collaborato anche con artisti stranieri: Whitney Houston, Manhattan Transfer, Lionel Richie e Gloria Gaynor. Dal 2005 è il chitarrista e dal 2006 è anche il compagno della cantante Laura Pausini.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Paolo Carta inizia la sua esibizione in pubblico a circa 10 anni, per la festa di fine anno della quinta elementare e successivamente studia per otto anni chitarra classica. Molto aperto a tutti i generi musicali anche se la sua natura è prevalentemente Rock, è amante di Genesis, The Police, Led Zeppelin, Deep Purple e Jimi Hendrix. Nel periodo 1986-1987 è sostituto chitarrista del Banco del Mutuo Soccorso e fa parte della formazione ufficiale che incide il disco Il Banco presenta Francesco Di Giacomo nel 1989 e fa anche un tour con loro[2].

Nel 1987-1988 collabora nel disco di Adriano Celentano intitolato Il re degli ignoranti, pubblicato poi nel 1991, partecipa alla trasmissione televisiva Fantastico 8 che conduce in quel periodo e al suo Tour in Russia. Il suo percorso artistico continua nel 1989 allorché comincia a collaborare come musicista per diversi personaggi della canzone italiana tra i quali Luca Barbarossa nell'album Al di là del muro del 1989, Eros Ramazzotti, Max Pezzali. Nel 1989 pubblica il suo primo album Domande contenente 10 tracce inedite.Nei testi troviamo anche Bruno Lauzi[3][4]. Nel 1990 partecipa al tour promozionale di Massimo Bizzarri.

Nel 1995 inizia la collaborazione con i Dhamm: produce il loro primo album su etichetta EMI italiana e, in seguito, suona con gli stessi e ne dirige l'orchestra in due diverse edizioni del Festival di Sanremo. In seguito intraprende anche la carriera di solista, ma in seguito deciderà che fare il cantante non è la sua vera passione, come lo è invece suonare e produrre. Nel 1997 dopo aver passato le selezioni vincendo la prima serata di Sanremo Giovani 1996[5] si qualifica per il Festival di Sanremo 1997 e partecipa nella categoria Nuove Proposte con la canzone Non si può dire mai... mai[6][7].

In contemporanea alla partecipazione a Sanremo a febbraio pubblica il suo secondo album intitolato Paolo Carta che oltre a contenere Non si può dire mai... mai contiene 10 tracce inedite[8][9]. Dal 2005 inizia il suo sodalizio artistico con Laura Pausini. Partecipa al World Tour 2005 da gennaio a luglio e in seguito si fidanza con l'artista. Il 2 giugno 2007 partecipa al grande concerto di Laura Pausini allo Stadio Giuseppe Meazza di San Siro con 70.000 spettatori. Nel 2008 partecipa per la prima volta alla produzione e all'arrangiamento dell'album della Pausini, Primavera in anticipo.

È produttore artistico e autore della musica di brani: Mille braccia, Invece no (la cui versione spagnola En cambio no si aggiudica a marzo 2010 il premio ASCAP Latin Music Awards nella categoria Miglior brano Pop), La geografia del mio cammino, Ogni colore al cielo e Un giorno dove vivere. A febbraio 2009 è il produttore artistico dell'album La forza mia di Marco Carta, suo omonimo ma non parente e autore del testo e della musica della canzone omonima vincitrice del Festival di Sanremo 2009, cantata dallo stesso Marco Carta. È inoltre autore della musica e del testo di Un giorno perfetto e Grazie a te; autore della sola musica di Resta con me.

A novembre 2009 è il produttore artistico del singolo Casomai di Laura Pausini, contenuto nell'album Laura Live World Tour 09. A maggio 2010 è il produttore artistico dell'album Il cuore muove di Marco Carta e autore della musica di 2 brani contenuti nell'album: Il cuore muove e Come pioggia d'estate. Nel 2011 è il produttore artistico e l'autore della musica dei brani Benvenuto, Non ho mai smesso, Nel primo sguardo, Nessuno sa di Laura Pausini, contenuti nell'album Inedito; è inoltre produttore artistico di Bastava e Le cose che non mi aspetto. Nel 2013 è il produttore artistico e l'autore della musica del brano Se non te; è inoltre produttore artistico di Limpido e Dove resto solo io di Laura Pausini, contenuti nell'album 20 - The Greatest Hits.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Paolo Carta era sposato con Rebecca Galli, dalla quale ha avuto 3 figli: Jader (1995), Jacopo (1996) e Joseph (2000). Si è separato nel 2006 e divorziato nel 2012. Dal 2006 è il compagno della cantante italiana Laura Pausini: il 15 settembre 2012, al PalaCredito di Romagna di Forlì, durante la festa annuale del FanClub, la sua compagna annuncia di aspettare una figlia da lui, che nasce l'8 febbraio 2013, e cui viene dato il nome Paola.

Partecipazioni al Festival di Sanremo[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album in studio[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Produzioni[modifica | modifica sorgente]

Collaborazioni[modifica | modifica sorgente]

Con autori vari
Con Laura Pausini

Autore[modifica | modifica sorgente]

Musica
Musica e testo

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Paolo Romano Carta
  2. ^ Collaborazione nell'album Il Banco presenta Francesco Di Giacomo. URL consultato il 28-12-2010.
  3. ^ Album Domande. URL consultato il 28-12-2010.
  4. ^ Album Domande. URL consultato il 28-12-2010.
  5. ^ Vincitore a Sanremo Giovani 1996. URL consultato il 28-12-2010.
  6. ^ Sanremo 1997. URL consultato il 28-12-2010.
  7. ^ Sanremo 1997. URL consultato il 28-12-2010.
  8. ^ Album Paolo Carta. URL consultato il 28-12-2010.
  9. ^ Album Paolo Carta. URL consultato il 28-12-2010.
  10. ^ Paolo Carta: io, il Jimi Hendrix dell' Inno di Mameli a Sanremo 2005. URL consultato il 28-12-2010.