Palazzo del Governatore (Rodi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzo del Governatore
Ubicazione
Stato Grecia Grecia
Periferia Egeo Meridionale
Località Rodi
Informazioni
Condizioni In uso
Stile gotico
Realizzazione
Architetto Florestano Di Fausto
 

Il palazzo del Governatore a Rodi fu sede del governatore del Regno d'Italia per le Isole Italiane dell'Egeo.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il palazzo, che si affaccia da un lato sul Porto del Mandraccio e dall'altro sul Foro Italico, venne costruito nel 1926-1927 su progetto dell'architetto Florestano Di Fausto, riprendendo lo stile gotico del palazzo Ducale di Venezia.

Costruito in pietra bianca e rossa di Lindo, tuttora è sede della Prefettura del Dodecaneso: i lampadari sono di Murano ed i pavimenti in maiolica. All'interno, nel salone dei ricevimenti, era presente un ritratto di Vittorio Emanuele III in abito di cavaliere di San Giovanni del pittore C. Cane. Dalle finestre e dalle terrazze si vede il Foro Italico da un lato e dall'altro la costa dell'Anatolia.

Edifici contigui[modifica | modifica sorgente]

Furono tutti realizzati su progetto dell'architetto Florestano Di Fausto, al piano terra la sede della Banca d'Italia, di fianco la chiesa dell'Annunciazione dedicata a san Giovanni apostolo costruita nel 1925, ed infine, al di là del palazzo del Governatore, la palazzina del Comando Marina, dalle forme originali.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Guida d'Italia del TCI, Possedimenti e colonie, Milano, 1929.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]