Orsini Del Balzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La casata del Balzo Orsini è una famiglia nobiliare del XIII e XIV secolo nata con il matrimonio tra Roberto Orsini, primogenito di Romanello, e Sveva del Balzo (13001336), figlia di Ugone, Gran Siniscalco del Regno di Napoli appartenente alla più potente famiglia nobile meridionale, imparentata con la dinastia angioina e quella aragonese.

Arma originale della famiglia de Baux
Stemma del Balzo inquartato con Orange, adottato dai Del Balzo in Italia
Stemma degli Orsini
Blasone Orsini Del Balzo

Stemma della famiglia del Balzo[modifica | modifica sorgente]

Inquartato: nel 1° e 4° di rosso alla stella d'argento a 16 raggi, nel 2° e 3° d'oro alla cornetta d'azzurro legata e guarnita di rosso.

La famiglia del Balzo - ramo dei Conti di Soleto[modifica | modifica sorgente]

    • A.3) Beatrice del Balzo (figlia di Ugone), sposa in seconde nozze Francesco della Ratta, conte di Caserta, e muore l'1-3-1336.

La famiglia Orsini - ramo dei Conti di Nola[modifica | modifica sorgente]

  • B) Romano/Romanello Orsini (1268-1327), discendente dalla nobilissima famiglia romana, 2º conte di Nola e Soana dal 1292, Gran giustiziere del regno di Napoli, vicario regio di Roma nel 1326; sposa nel 1293 Anastasia de Montfort, figlia ed erede di Guido di Montfort, conte di Nola e Soana.
    • B.1) Roberto Orsini (primogenito di Romanello) (1295-1345), 3º conte di Nola, Gran giustiziere del regno di Napoli, Ciambellano del Re, Consigliere, Giustiziere della Basilicata; sposa nel 1330 Sveva del Balzo (de Baux) figlia di Ugone del Balzo, conte di Soleto.
      • B.1.1) Giacomo, figlio di Roberto (circa 1340 – 1379), fu nominato cardinale da Papa Gregorio XI nel 1371.
      • B.1.2) Nicola, figlio di Roberto (27 agosto 1331 – 14 febbraio 1399), 4º Conte di Nola e di Sovana, ereditò dalla moglie le contee di Ariano e Celano; fu Senatore di Roma e rettore del Patrimonio di San Pietro; ingrandì la potenza della famiglia nel Lazio e in Toscana; continuò con successo la politica matrimoniale dinastica. Dallo zio Raimondo del Balzo ricevette la contea di Soleto, insieme agli altri feudi, con l'obbligo di lasciarli al secondogenito Raimondello ed a condizione che venga premesso il cognome del Balzo a quello Orsini.

Il capostipite dei del Balzo Orsini[modifica | modifica sorgente]

Nascita della famiglia del Balzo Orsini

Possedimenti di Raimondello del Balzo Orsini[modifica | modifica sorgente]

Conte di Soleto (occupata nel 5-1382), Signore di Benevento e Flumeri investito da Papa Urbano IX VIII-1385/V-1401 (feudi confiscati), compra i feudi Acerra e Guardia Lombarda dal Duca Ottone IV di Brunswick-Grubenhagen il VI-1392, 1º Principe di Taranto dal 1399, Signore di San Vitaliano, Brussiano, Sissano, Marigliano, Trentola, Marcianise dal 1399, confiscato di Vico Equense e Marigliano (con Flumeri) nel V-1401 per fellonia; Conte di Lecce, Signore di Otranto, Nardò, Ugento, Gallipoli, Oria, Ostuni, Mottola e Martina Franca dal V-1401 ricevuti in cambio della rinuncia a Benevento e Flumeri con l’aggiunta di 75.000 ducati d’indennità, Signore di Tricase dal IX-1401, Signore di Pozzogrande dal 1405 ottiene in pegno le decime del Regno di Sicilia e la città di Brindisi avendo prestato 50.000 ducati al Papa; Duca di Bari, Signore di Montepeloso, Pomarico, Minervino, Ruvo, Lavello, Accadia, Vallata, Bisaccia, Carbonara.

Titoli di Raimondello del Balzo Orsini[modifica | modifica sorgente]

Capitano di guerra di Terra di Lavoro con l'incarico di reprimere il brigantaggio dal IV-1379, Capitano di guerra di Terra di Bari e Terra d'Otranto nel IXX-1382, Capitano Generale del Duca d’Angiò nel 1384, cittadino di Bari dal VII-1384, Gonfaloniere di Santa Romana Chiesa e Protettore del Regno di Sicilia dal VIII-1385 (confermato nel 1392 e 1399 insieme all’investitura sul principato di Taranto), Capitano Generale di Terra d’Otranto dal XII-1399, Regio Ciambellano e Cavaliere dell'Ordine della Nave dal IX-1382; Nobile Romano.

Fu il più ricco feudatario italiano del tempo, le sue entrate superavano quelle di Ladislao I Re di Sicilia.

La famiglia del Balzo Orsini[modifica | modifica sorgente]

La famiglia del Balzo Orsini si estinse nel giro di sole 2 generazioni non avendo avuto Giannantonio figli maschi così come il fratello Gabriele. La sorella Caterina avrà una figlia, Isabella di Chiaromonte, regina di Napoli in quanto moglie di un figlio naturale del re Alfonso d'Aragona (Ferdinando) a cui succederà sul trono di Napoli. Sarà proprio lui a far uccidere lo zio Giannantonio ad Altamura la notte del 15 novembre 1463.


La famiglia del Balzo Orsini

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Antonello del Balzo di Presenzano, A l'asar Bauthezar. I del Balzo ed il loro tempo, Napoli, 2003.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

storia di famiglia Portale Storia di famiglia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia di famiglia