Olimpiadi della matematica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Olimpiadi della Matematica
Sport 3by2white.svg Matematica
Tipo Olimpiadi Scientifiche
Paese Italia
Luogo Cesenatico
Organizzatore Unione Matematica Italiana
Titolo Campione Olimpico Italiano
Cadenza annuale
Apertura novembre
Chiusura maggio
Discipline Algebra Combinatoria Teoria dei numeri Geometria
Partecipanti 300.000
Formula tre livelli successivi di selezione
Sito Internet olimpiadi.dm.unibo.it
Storia
Fondazione 1987
Numero edizioni 26
Ultimo vincitore Federico Glaudo
Ultima edizione 2013
Edizione in corso 2014
Prossima edizione 2014
Olimpiadi di Matematica
Trofeo o riconoscimento

Le Olimpiadi della matematica sono una competizione annuale che ruota intorno a sei problemi matematici, per un punteggio massimo di 7 punti ciascuno, quindi del valore totale massimo di 42 punti. La competizione è organizzata in Italia dall'Unione matematica italiana, per incarico del Ministero dell'Università e della Ricerca Scientifica e con la collaborazione della Scuola normale superiore di Pisa, per gli studenti delle scuole superiori, dell'età massima di 20 anni, dal 1987.

L'Unione matematica italiana, per incarico del Ministero dell'Università e della Ricerca Scientifica e con la collaborazione della Scuola normale superiore di Pisa, organizza ogni anno le varie fasi preparatorie, valendosi di una propria commissione e coinvolgendo centinaia di docenti delle scuole italiane. Questi test, su base volontaria, curano localmente la partecipazione degli studenti che, nella prima gara nazionale, ammontano a circa 300.000, provenendo da 1500 istituti superiori. La fase finale si tiene generalmente a Cesenatico nel mese di maggio. Tra i vincitori delle Olimpiadi della Matematica vengono selezionati 6 studenti che partecipano alla competizione di livello superiore definita International Mathematical Olympiad. Inoltre vengono selezionati anche gli studenti italiani che parteciperanno ad altre gare internazionali, quali le Balkan (Balkan Mathematical Olympiad), le Romanian (Romanian Mathematical Olympiad) e le European Girls' Mathematical Olympiad (Egmo).

Oltre alla gara individuale, a Cesenatico si svolge dal 2005 anche la gara a squadre, che vede impegnate squadre composte da sette studenti con un capitano e un consegnatore. La gara a squadre si svolge su 24 problemi che trattano di geometria, teoria dei numeri, algebra e combinatoria, di difficoltà crescente. Nella gara a squadre c'è la possibilità di scegliere un problema jolly dal punteggio doppio. Le Olimpiadi della Matematica gara individuale e gara a squadre fanno parte delle competizioni valide per la valorizzazione delle eccellenze e i nominativi dei vincitori sono pubblicati annualmente nell'Albo Nazionale per le Eccellenze tenuto dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca[1].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le Olimpiadi internazionali della matematica (Imo) si svolsero per la prima volta nel 1959 in Romania. Erano dirette inizialmente solo ai ragazzi delle nazioni appartenenti al Patto di Varsavia. I Paesi del blocco dei Paesi dell'Est Europeo furono i primi a sentire l'esigenza di sviluppare competenze elevate anche nelle scuole superiori in materie come matematica, fisica e chimica, anche per motivi storici e politici: erano gli anni della corsa allo spazio fra URSS e Usa e della guerra fredda, che si combatteva a colpi di propaganda e anche a colpi di rinnovamento dei programmi scolastici, per esempio la cosiddetta Riforma dello Sputnik[2] negli Stati Uniti nacque proprio per dare maggiore spazio a materie come matematica e fisica[3].
Poiché l'organizzazione di una gara era un progetto scolastico ambizioso che voleva coinvolgere più Paesi dell'Europa dell'Est, si ricorse al nome "Olimpiadi" per dare un'idea di internazionalizzazione, anche se inizialmente si trattava di una gara fra i migliori studenti in una parte del mondo che voleva essere leader in ambiti che si ritenevano decisivi per lo sviluppo dell'economia. La seconda idea fondante era costruire un'amicizia fra i ragazzi appartenenti ai Paesi del Patto di Varsavia[4].
Dal 1967 vennero invitate altre nazioni, fra cui l'Italia, che dopo vari tentennamenti partecipò stabilmente a ogni edizione dal 1987; l'organizzazione venne affidata alla Scuola normale superiore di Pisa. Per fare un confronto, la prima partecipazione degli Usa avvenne solo nel 1974[5]. Sempre per fare un confronto anche sull'aspetto mediatico e propagandistico che cominciarono a rivestire questi eventi, il "perfect score" ovvero il massimo punteggio ottenibile da tutti gli appartenenti alla squadra che il team Usa ottenne nel 1994, venne festeggiato con articoli su Time Magazine e sul New York Times[6]. Per selezionare la rappresentativa italiana alle Imo vennero organizzate le Gare nazionali, che per le prime 4 edizioni si svolsero a Viareggio, poi dal 1989 a Cesenatico nella prima settimana di maggio di ogni anno.
In un primo momento i vincitori delle gare Nazionali passavano direttamente alla fase successiva delle Imo, poi per definire i partecipanti vennero introdotti altri meccanismi quali la partecipazione a settimane di allenamento successive alle Fasi nazionali, attualmente definite Senior e Winter Camp, che si svolgono a Pisa organizzate dalla Scuola normale superiore di Pisa alla fine di agosto e l'ultima settimana di gennaio.[7]

L'importanza delle Olimpiadi di matematica deriva dal fatto che spesso i vincitori diventano matematici di rilievo assoluto. Fra i vincitori (alle volte non dell'oro) delle Olimpiadi internazionali della matematica figurano al 2013 ben 12 vincitori della Medaglia Fields, ma anche in Italia Camillo De Lellis, vincitore del Premio Fermat nel 2013 e di una Medaglia Stampacchia nel 2009, aveva vinto un bronzo nelle Olimpiadi della matematica nel 1995.[8]

Articolazione dei livelli[modifica | modifica sorgente]

La competizione è articolata su tre livelli; si accede alla fase successiva della competizione se si rientra nell'elenco dei selezionati per merito.

Primo livello: Giochi di Archimede[modifica | modifica sorgente]

I Giochi di Archimede si svolgono in genere negli ultimi giorni di novembre nelle scuole superiori che si iscrivono alla competizione (tutti gli istituti vengono contattati da parte degli organizzatori) e sono aperti a tutti gli studenti, indipendentemente dalla classe frequentata, con l'unica limitazione di non compiere 20 anni durante l'anno scolastico in corso. Partecipano in media 300.000 studenti che afferiscono a circa 1.500 scuole superiori, distinti in due fasce: "biennio" e "triennio". Questa fase prevede 16 domande a risposta multipla per i partecipanti che frequentano i primi due anni di scuole superiori, 20 per coloro che frequentano gli ultimi tre anni (per rispondere a tali domande dovrebbero bastare le conoscenze del primo biennio unite a buone capacità logico-matematiche) e i migliori studenti di ogni istituto sono selezionati - secondo criteri che variano da provincia a provincia - per la fase successiva. Il risultato degli studenti del biennio viene valutato con un premio del 20% nel punteggio per equipararlo a quello del risultato del triennio.

Gara delle classi prime[modifica | modifica sorgente]

A partire dall'anno 2013 è stata organizzata una nuova gara all'interno delle selezioni delle olimpiadi della matematica dedicata agli studenti delle classi prime.[9]

Secondo livello: Selezioni provinciali[modifica | modifica sorgente]

La fase provinciale, che si svolge normalmente nel periodo di febbraio, vede coinvolti circa 10.000 studenti e consta di circa dodici domande a risposta multipla, due domande a risposta numerica e tre dimostrazioni, solitamente di algebra e geometria. Le conoscenze necessarie, come per la fase scolastica, sono quelle fornite dalle scuole superiori. I criteri di ammissione alla fase nazionale sono basati sulle cosiddette quote, calcolate con l'algoritmo di Hondt[10]: ogni provincia, in base al numero delle scuole partecipanti e ai propri risultati alla fase nazionale dei cinque anni precedenti, qualifica un certo numero fissato di studenti, che vengono scelti tra i primi classificati della selezione provinciale privilegiando leggermente gli studenti più giovani ai quali viene solitamente attribuito un 20% in più rispetto ai ragazzi del triennio.

Terzo livello: Finale nazionale[modifica | modifica sorgente]

La finale nazionale si svolge nei primi giorni di maggio a Cesenatico, vi partecipano circa 300 studenti, ospitati da parte dell'organizzazione delle gare; ogni gruppo di studenti è accompagnato dal proprio responsabile provinciale. La competizione consta di 6 esercizi dimostrativi riguardanti vari ambiti della matematica (geometria, teoria dei numeri, algebra, combinatoria) da risolversi in quattro ore e mezza utilizzando solo strumenti per scrivere e per disegnare. Ognuna delle sei dimostrazioni viene valutata da 0 a 7 punti; il massimo punteggio ottenibile è quindi 42.

I migliori classificati vengono premiati secondo questo criterio:

  • i primi classificati, per circa 1/12 dei concorrenti (cioè circa 25 concorrenti) ricevono una medaglia d'oro
  • i successivi 1/6 della classifica generale (cioè circa 50 concorrenti) ricevono una medaglia d'argento
  • i successivi 1/4 della classifica generale (cioè circa 75 concorrenti, arrivando fino a metà classifica) ricevono una medaglia di bronzo
  • coloro che non hanno ricevuto una medaglia ma hanno totalizzato il massimo dei punti in almeno uno dei sei problemi ricevono una menzione d'onore.

Gara a squadre[modifica | modifica sorgente]

Negli ultimi anni, accanto alla gara individuale si disputa una gara a squadre nazionale, a cui partecipano le scuole che si sono qualificate nelle gare locali che assumono nomi diversi a seconda del luogo (Disfida matematica, Coppa Galileo, Gara Colli Euganei, Coppa Ruffini, Coppa Galois, Festa della Matematica, Coppa Aurea, Coppa Pacioli, Coppa A. Faedo, ecc...).[11] Ogni squadra è composta da 7 studenti della medesima scuola che collaborano nella risoluzione di problemi matematici a risposta numerica. Uno dei componenti di ciascuna squadra ha il ruolo di capitano e un altro quello di consegnatore (colui che si reca al tavolo della giuria per consegnare le risposte). Dopo la disputa delle semifinali (due fino al 2010, tre nel 2011 e 2012, quattro nel 2013) le squadre meglio classificate si giocano il titolo nazionale nella finale. Per la preparazione alla gara a squadre, dall'anno olimpico 2008-2009, esiste un sito dedicato alle simulazioni online alle quali partecipano scuole provenienti da tutta Italia. All'allenamento della gara a squadre in linea del 18 novembre 2013 hanno partecipato 265 squadre di 138 scuole superiori italiane.[12] Nel 2014 per la prima volta una squadra composta quasi esclusivamente da femmine (6 su 7 partecipanti) si è aggiudicata la Coppa Faedo[13].

Stage pre-olimpico[modifica | modifica sorgente]

A metà maggio, i migliori studenti, in genere 20-24 unità, hanno accesso ad una settimana di stage pre-olimpico, detto pre-IMO. Durante questa fase, che si è tenuta fino al 2002 a Cortona e attualmente a Pisa, viene affinata la preparazione con lezioni ed esercitazioni mirate alla risoluzione dei problemi olimpici, con lavoro sia individuale che in piccoli gruppi.

La settimana si conclude con una selezione per determinare i sei partecipanti alla fase internazionale. Questa gara, detta TST, sigla di Team Selection Test si svolge in due giornate con tre problemi da sette punti l'uno per ciascun giorno, proprio come nella gara internazionale. I sei ragazzi scelti, che avranno l'onore di rappresentare l'Italia alle IMO, sono i primi di una classifica che, fino a qualche anno fa, teneva conto dei punti totalizzati durante il TST (42 punti in palio), più metà dei punti totalizzati nella precedente finale nazionale di Cesenatico (21 punti), per un massimo di 63 punti. Successivamente, si è deciso di introdurre in questa classifica anche qualche altro parametro, come la partecipazione e i punteggi ottenuti alle rispettive prove di altri stage, come quello del settembre precedente denominato "Senior" e quello invernale denominato "Winter Camp".[14]

Da quando la competizione si tiene a Pisa, una serata dello stage è dedicata alla festa delle proto-matricole organizzata da alcuni universitari della Scuola Normale Superiore. La festa, in onore degli stagisti, vive di giochi e scherzi e deve il suo nome al fatto che buona parte di questi studenti ha solitamente come sbocco universitario le facoltà di Matematica e Fisica della Scuola.

Finale internazionale[modifica | modifica sorgente]

Ogni anno, nel mese di luglio, oltre 450 studenti di età compresa tra i 13 e 19 anni, provenienti da un'ottantina di Paesi, si incontrano per partecipare alle Olimpiadi internazionali della matematica. Le gare internazionali si svolgono ogni anno in una nazione differente e la formula della competizione è la stessa di quella nazionale, solo suddivisa in due giornate con 3 problemi ciascuna. Partecipano alla competizione fino a sei studenti (contestants) per ognuna delle nazioni partecipanti, più di ottanta nelle ultime edizioni. Vengono assegnate medaglie d'oro, argento e bronzo e menzioni d'onore secondo le stesse fasce di punteggio della fase nazionale.

Albo d'oro gara individuale[modifica | modifica sorgente]

Il vincitore della finale nazionale di Cesenatico si può fregiare del titolo di campione italiano delle Olimpiadi di matematica. Ecco un elenco degli ultimi olimpionici:[15]


Anno Risultato Vincitore Città Anno di corso
1987 Oro Oro Massimo Gobbino Asti 5
1988 Oro Oro Andrea Maffei Pisa 4
1989 Oro Oro Carlo Mantegazza Milano 5
1990 Oro Oro Sergio Conti Pisa 5
1991 Oro Oro Emanuele Paolini Udine 4
1992 Oro Oro Alberto Canonaco Crema 5
1993 Oro Oro Davide Pagnin Pordenone 5
1994 Oro Oro Francesco Morandin Treviso 5
1995 Oro Oro Saverio Trioni Milano 5
1996 Oro Oro Davide Gaiotto Torino 5
1997 Oro Oro Diego Conti Pisa 5
1998 Oro Oro Gregorio Guidi Cesena 5
1999 Oro Oro Marcello Mamino Asti 5
2000 Oro Oro Dario Saccavino Milano 5
2001 Oro Oro Emanuele Spadaro Catania 4
2002 Oro Oro Emanuele Spadaro Catania 5
2003 Oro Oro Giulio Tiozzo Torino 5
2004 Oro Oro Luca Barbieri Milano 4
2005 Oro Oro Gabriele Negro Udine 5
2006 Oro Oro Simone Di Marino Pescara 5
2007 Oro Oro Pietro Vertechi Roma 3
2008 Oro Oro Andrea Fogari Gorizia 3
2009 Oro Oro ex aequo Andrea Bianchi e Luca Ghidelli Latina - Bergamo 3 -4
2010 Oro Oro Luca Ghidelli Bergamo 5
2011 Oro Oro Federico Borghese Roma 5
2012 Oro Oro ex aequo Gioacchino Antonelli Dario Ascari Federico Glaudo Fabio Ferri Julian Demeio Terlizzi Reggio Emilia Castelfidardo Trento Roma 4 3 5 4 4
2013 Oro Oro Federico Glaudo[16] Roma 5

Albo d'oro gara a squadre[modifica | modifica sorgente]

Anno Risultato Liceo Città
2005 Oro Oro Liceo Giovanni Marinelli Udine
2006 Oro Oro Liceo Guglielmo Marconi Conegliano
2007 Oro Oro Liceo Galeazzo Alessi Perugia
2008 Oro Oro Liceo Guglielmo Marconi Carrara
2009 Oro Oro Liceo Leonardo Da Vinci Treviso
2010 Oro Oro Liceo Carlo Cattaneo Torino
2011 Oro Oro Liceo Leonardo Da Vinci Treviso
2012 Oro Oro Liceo Niccolò Copernico Brescia
2013 Oro Oro Liceo Niccolò Copernico Brescia

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ D.D.G. n.15 del 26 luglio 2013
  2. ^ [1]
  3. ^ [2]
  4. ^ [3]
  5. ^ [4]
  6. ^ [5]
  7. ^ [6]
  8. ^ Studente milanese vince olimpiadi di matematica
  9. ^ Gara delle Classi Prime 2013
  10. ^ Olimpiadi della Matematica | OliMaTO
  11. ^ Lista delle gare e delle squadre
  12. ^ PHI Quadro - Liceo Scientifico "Pio Paschini" - Tolmezzo
  13. ^ http://mathesisvicenza.it/finale-provinciale/coppa-faedo/
  14. ^ Olimpiadi della Matematica | Matematico Pazzo
  15. ^ Medagliere di Cesenatico - Olimpiadi della Matematica
  16. ^ Federico Glaudo Genio della Matematica (Repubblica)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica