Brașov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Brașov
comune
Brașov – Stemma Brașov – Bandiera
Brașov – Veduta
Localizzazione
Stato Romania Romania
Regione Wappen Großfürstentum Siebenbürgen.png Transilvania
Distretto Actual Brasov county CoA.png Brașov
Territorio
Coordinate 45°39′N 25°36′E / 45.65°N 25.6°E45.65; 25.6 (Brașov)Coordinate: 45°39′N 25°36′E / 45.65°N 25.6°E45.65; 25.6 (Brașov)
Altitudine 600 m s.l.m.
Superficie 267,32 km²
Abitanti 289 961[1] (2007)
Densità 1 084,7 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 500000
Fuso orario UTC+2
Targa BV
Cartografia
Mappa di localizzazione: Romania
Brașov
Posizione del comune all'interno del distretto
Posizione del comune all'interno del distretto
Sito istituzionale

Brașov (pronuncia in rumeno: /bra'ʃov/; in latino Corona, in ungherese Brassó, in tedesco Kronstadt, in polacco Braszów) è un municipio della Romania di 289.961 abitanti[1], capoluogo dell'omonimo distretto.

Nel 2007 è stata istituita la zona metropolitana di Brașov che comprende oltre alla città anche 12 comuni limitrofi[2]

Il nome[modifica | modifica wikitesto]

I primi documenti che citano la città, con il nome Corona, risalgono al XIII secolo. Gli attuali nomi rumeno e ungherese derivano dall'antica parola turca barasu, che significava "fortezza", o dalla parola turca boro-sug (= "acqua grigia"), nome assunto da una cittadella chiamata Brassovia ubicata sulla collina di Tâmpa, sul lato meridionale della città.

Lo stemma della città trae invece origine dal nome medievale latino Corona e da quello tedesco Kronstadt (città della corona); comunque nel Medioevo venivano usati tutti e tre i nomi per designare la città.

Tra il 1950 ed il 1960, durante il regime comunista, la città assunse il nome Orașul Stalin (Città di Stalin), in onore del leader sovietico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le più antiche vestigia di insediamenti umani nell'area di Brașov risalgono al Neolitico. Scavi archeologici in diverse aree della città hanno portato al rinvenimento di reperti dell'età del bronzo, di cittadelle di epoca dacia e costruzioni di epoca romana.

Nei periodi successivi la popolazione dell'epoca fu pressoché interamente bulgara; sono stati trovati reperti archeologici del periodo tra il II e l'VIII secolo, in particolare monete, anelli, strumenti in metallo e stoviglie.

Gran parte nello sviluppo di Brașov fu merito dei "sassoni" (tedeschi) che vennero chiamati dal re Géza II d'Ungheria in diverse riprese tra il 1141 ed il 1162 a fondare città, avviare miniere e coltivare la terra in Transilvania. I tedeschi divennero il fulcro della difesa dei confini di Sud del Regno d'Ungheria sotto il re Andrea II.

I tedeschi che vivevano a Brașov erano soprattutto artigiani e commercianti i quali riuscirono a sfruttare la favorevole posizione della città, all'incrocio delle principali vie di comunicazione tra l'Impero ottomano e l'Europa occidentale, e anche qualche agevolazione fiscale dai re d'Ungheria, ottenendo un consistente arricchimento economico e una forte influenza politica. Questo portò anche a uno sviluppo dell'architettura cittadina. Ma poiché era esposta alle incursioni punitive di Vlad Țepeș e dei tartari, vennero costruite importanti fortificazioni, continuamente ampliate e potenziate, con diverse torri, ognuna delle quali era curata e sorvegliata da una delle congregazioni di artigiani. Attualmente rimangono due porte della città (Porta Ecaterinei e Porta Șchei), mentre le fortificazioni sono in fase di restauro e recupero grazie ai fondi dell'UNESCO. Il più antico palazzo della città è la Chiesa San Bartolomeo. Dell'epoca rimangono inoltre l'antico palazzo municipale con l'annessa piazza, su cui si affaccia uno degli edifici più antichi della città, la Hirscher Haus, fatta costruire da una ricca famiglia di mercanti.
Nelle vicinanze si erge inoltre la chiesa evangelica "Chiesa Nera" (Biserica Neagră), che secondo alcuni studiosi è la più grande chiesa gotica dell'Europa orientale.

La presenza dei sassoni e il dominio ungherese privarono per molto tempo i cittadini romeni di molti diritti politici e civili, costringendoli a vivere fuori delle mura della città ed a dedicarsi ad attività agricole, riuscendo comunque a raggiungere un benessere economico tale da consentire loro di riguadagnare una certa influenza e ristabilire in parte la loro cultura, anche grazie all'avvio della prima tipografia della Transilvania (1558) ed alla successiva apertura di una biblioteca.
Brașov fu la sede più importante dell'avvio del protestantesimo in Transilvania, grazie all'umanista Johannes Honterus che fondò qui la scuola protestante dove venivano giovani studiosi da tutta la Transilvania. I sassoni tradussero parti della Bibbia anche in romeno ma la chiesa ortodossa fece una forte opposizione dichiarandoli eretici. Nel 1689 la città non volle sottomettersi alle forze austriache. Per punirla il generale Caraffa ordinò d'incendiare la città, furono distrutti molti palazzi e la grande chiesa gotica divenne Nera. Nel 1848 la città sarà uno dei centri della rivoluzione antiasburgica in Transilvania. Tra il XVII ed il XIX secolo, i romeni di Transilvania lottarono per ottenere maggiori diritti, con l'appoggio di quelli delle zone vicine e dalla comunità locale di mercanti greci; i diritti di cittadinanza vennero concessi per un breve periodo negli primi decenni del XIX secolo da Giuseppe II d'Asburgo-Lorena, della quale Transilvania faceva parte. Grazie anche all'appoggio della Chiesa ortodossa, nel 1838 a Brașov avvennero due importanti fatti per la cultura romena: la nascita del primo giornale in lingua rumena, la Gazeta Transilvaniei, e del primo istituto di istruzione superiore, le Școlile Centrale Greco-Ortodoxe (Scuole Centrali Greco-Ortodosse).

Mappa di Brașov di Giovanni Morando Visconti (1699)

Ai primi del XX secolo i romeni costituivano comunque ancora una minoranza: nel 1910 erano infatti il 28,7% della popolazione della città, contro il 43,4% di ungheresi e il 26,4% di tedeschi.

Nel 1918, dopo la Prima guerra mondiale, quando la Transilvania venne unita al resto della Romania, la comunità tedesca dichiarò fedeltà alla Romania, ma dopo la Seconda guerra mondiale e l'avvento del regime comunista, molti furono obbligati a emigrare verso la Germania ed altri vennero deportati nell'Unione sovietica. Comunque l'attuale ristrutturazione di Brașov lo fecero sempre gli stessi emigrati sassoni o i loro discendenti.

A partire dal 1807, Brașov ebbe anche una comunità ebraica, che raggiunse il numero di circa 4.000 persone nel 1940; gran parte di essa emigrò verso Israele dopo la Seconda guerra mondiale ed oggi la comunità conta circa 130 persone. Ci sono due sinagoghe, una ortodossa ed una neologa.

In città rimane inoltre, come del resto in buona parte della Transilvania, una consistente comunità ungherese.

Durante il regime comunista, il forte sviluppo industriale imposto dal governo centrale portò a pericolose tensioni sociali, sfociate nel 1987 in un lungo sciopero anticomunista, violentemente represso nel sangue dalle autorità, con l'arresto di numerosi operai.

Dati sull'andamento demografico[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1910 la città aveva 41.056 abitanti, tra cui 17.831 (43,43%) Ungheresi, 11.786 (28,71%) Rumeni, 10.841 (26,41%) Sassoni[3] Dopo il Trattato di Trianon, la popolazione non rumena si riduce. Oggi gli Ungheresi rappresentano il 10% e i Sassoni non raggiungono i 1.000 abitanti[4] In particolare i dati del 2002 indicano che 258.042 cittadini si sono dichiarati Romeni, 23.176 Ungheresi, 560 Ucraini, 1.717 Tedeschi, 103 Lipovani, 640 Turchi, 14 Tartari, 120 Serbi, 40 Slovacchi, 130 Bulgari, 60 Croati, 710 Greci, 120 Ebrei, 130 Cechi, 240 Polacchi, 830 Italiani, 60 Cinesi, 130 Armeni, 280 Csango, 2270 di altre etnie.[senza fonte]

Persone legate a Brașov[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

La IAR Brașov nel 1940

Lo sviluppo industriale di Brașov iniziò nel periodo interbellico, quando venne avviata la Industria Aeronautică Română (IAR), una grande industria aeronautica, che costruì i primi aerei romeni da combattimento, usati nella Seconda guerra mondiale contro l'Unione sovietica; dopo l'avvento del regime comunista, la fabbrica venne riconvertita alla produzione di macchinari agricoli con il nome Uzina Tractorul Brașov, UTB Universal, mentre in tempi più recenti vennero sviluppati e prodotti aerei specializzati per uso agricolo.

Il regime comunista accelerò molto lo sviluppo industriale, in particolare dell'industria pesante, il che attirò numerosi lavoratori dalle zone circostanti. Sebbene l'attività industriale abbia avuto un non trascurabile declino negli ultimi anni, l'area rimane fortemente industrializzata, con aziende del settore meccanico (macchine agricole, trasmissioni idrauliche, cuscinetti a sfere, componenti per autoveicoli, elicotteri), oltre che farmaceutico (con la recente costruzione di uno stabilimento della multinazionale GlaxoSmithKline), dei mobili e tessile. A Brașov hanno inoltre sede la Poiana, una delle più note industrie del cioccolato del paese, ed una grande birreria.

Una storia a parte è quella della Nivea: nel periodo tra le due guerre l'importatore rumeno della Beiersdorf aveva installato a Brașov uno stabilimento per produrre cosmetici con tale marchio; dopo la fine della guerra e l'avvento del regime comunista, direttore torturato e deportato e lo stabilimento venne confiscato, ma continuò a produrre cosmetici a marchio Nivea che venivano venduti in tutta l'Europa dell'Est. Soltanto nel 1995 dopo un contenzioso in tribunale questa anomalia si è chiusa con la cessazione dell'uso del marchio e la restituzione dello stabilimento alla casa tedesca che continua a produrre

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La città di Brașov è sede di un importante nodo ferroviario caratterizzato dal 1965 dalle prime sperimentazioni per la Romania di elettrificazione. Nel 2004 è iniziata la costruzione dell'autostrada A3 Bucarest-Budapest.

Torre di controllo del vecchio aeroporto ora stazione ferroviaria

Un caso a parte è quello dei collegamenti aerei: la IAR Brașov disponeva di un proprio aeroporto che però, con la riconversione avvenuta dopo la Seconda guerra mondiale, venne distrutto e sull'area venne costruita la stazione ferroviaria, al centro della quale rimane la vecchia torre di controllo, unica parte non distrutta all'epoca.
Un nuovo aeroporto internazionale è in fase di costruzione nella vicina Ghimbav, con una pista di 2.800 m ed un terminal studiato per 1 milione di passeggeri all'anno; l'apertura, inizialmente prevista per il luglio 2007, nel 2012 non è ancora avvenuta.

Risorse naturali per il turismo[modifica | modifica wikitesto]

Poiché la regione di Brașov è prevalentemente montuosa, i turisti che vengono a Brașov possono praticare tutte le attività sportive invernali. I principali massicci montuosi del municipio con infrastrutture, intrattenimenti ed adatte allo sci:

  • Massiccio Piatra Mare con sentieri molto facili offre tante belle località turistiche naturali e la possibilità di praticare lo sport del parapendio.
  • Monti Bucegi, Parco nazionale con splendidi ghiacciai con dei rifugi in vetta e la possibilità di praticare trekking, sci alpino, sci fondo e snowboard.
  • "Massiccio Piatra Craiuliu", Parco Nazionale, unico del suo genere nei Carpazi Rumeni avendo la catena montuosa di 25 chilometri di lunghezza. Qui si possono trovare alcune specie di flora e fauna autoctona. Si possono trovare rifugi e moderne infrastrutture nelle zone limitrofe.
  • Montagne Ciucaș (Munții Ciucaș) a breve Parco Nazionale, questa zona ha poche infrastrutture turistiche ma offre una vasta scelta di agriturismo nelle città situate ai piedi della montagna.
  • Montagne Perșani (Munții Perșani) sono più bassi rispetto ai massicci menzionati sopra, ma avendo tante attrazioni turistiche nella parte nord-ovest del comune con tante aree protette, monumenti storici, culturali architettonicamente interessanti.
  • Montagne Făgăraș (Munții Făgăraș) sono i più alti e più spettacolari monti della Romania.

Città gemellate[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La squadra principale della città è il Brașov.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b „Comunicat de presă privind rezultatele provizorii ale Recensământului Populației și Locuințelor – 2011”
  2. ^ zona metropolitana Brașov. URL consultato il 16 luglio 2010.
  3. ^ Atlas and Gazetteer of Historic Hungary 1914, Talma Kiadó
  4. ^ Centro luterano di Brasov

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Romania Portale Romania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Romania