Luis Horna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luis Horna
Luis Horna.jpg
Luis Horna nel 2006
Dati biografici
Nome Luis Horna Viscari
Nazionalità Perù Perù
Altezza 180 cm
Peso 82 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 140-146
Titoli vinti 2
Miglior ranking 33° (30 agosto 2004)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 3T (2006)
Francia Roland Garros 3T (2005)
Regno Unito Wimbledon 1T (2003, 2004, 2005, 2006, 2007, 2008)
Stati Uniti US Open 2T (2006, 2007)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 1T (2004)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 76-70
Titoli vinti 6
Miglior ranking 15° (2 febbraio 2009)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 1T (2004, 2006, 2007, 2008)
Francia Roland Garros V (2008)
Regno Unito Wimbledon 2T (2008)
Stati Uniti US Open 2T (2007, 2008)
Altri tornei
Tour Finals SF (2008)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al definitivo

Luis Horna (Lima, 14 settembre 1980) è un tennista peruviano, vincitore del torneo di doppio al Roland Garros nel 2008 e semifinalista, sempre di doppio, della Tennis Masters Cup 2008 insieme all'uruguaiano Pablo Cuevas.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Junior[modifica | modifica wikitesto]

Ha ottenuto grandi risultati a livello giovanile, raggiungendo la top-5 sia in singolare che nel doppio. Gioca la finale del Trofeo Bonfiglio 1997, al Roland Garros dello stesso anno vince il torneo di doppio e fa finale in singolare mentre vince il secondo Slam in doppio a Wimbledon.[1]

Professionista[modifica | modifica wikitesto]

Horna divenne professionista nel 1998 e in stagione conquistò quattro Futures, nel 1999 gioca la finale del Challenger di Ascaffenburg.

Nel 2000 raggiunge le finali a Salinas e di nuovo ad Aschaffenburg. Nel 2001 vinse il suo primo International Series a Umago, sconfiggendo Martin Damm. Il 2002 fu l'anno della consacrazione: grazie alle vittorie nei Challenger di Zagabria, Fürth e Weiden divenne il primo peruviano ad entrare nella Top 100 del ranking ATP.

Nel 2003 debuttò nei Grande Slam e all'Roland Garros riuscì nel impresa di superare l'allora numero 5 del raking Roger Federer al primo turno[2], perdendo poi il secondo turno contro Martin Verkerk che giunse in finale. Nell'anno vince il Challenger di Siviglia.

Nel 2004 stabilì il suo nuovo best raking, la 33ª posizione, raggiunta con la vittoria del Challenger di Bermuda e la conquista di altri buoni risultati.

Nel 2005 si distinse soprattutto nel doppio, dove vinse insieme all'argentino Martín García il Torneo di Amersfoort. Riuscì ad arrivare al terzo turno al Roland Garros.

Nel 2006 conquistò il terzo turno dell'Australian Open e vinse a Palermo il suo secondo titolo di doppio ancora con Martín García.

Nel 2007 si aggiudicò il Torneo di Viňa Del Mar, in Cile.

Nel 2008 giunse l'inaspettata vittoria del Roland Garros nel doppio con l'uruguaiano Pablo Cuevas, prima coppia di sudamericani a vincere un Grande Slam.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Horna utilizza la mano destra, il suo colpo migliore è il dritto. Usa il rovescio bimane e la sua superficie preferita è il sintetico.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (2)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP World Tour 500 (1)
ATP World Tour 250 (1)
N Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 5 marzo 2006 Messico Abierto Mexicano Telcel, Acapulco Terra battuta Argentina Juan Ignacio Chela 7–65, 6–4
2. 4 febbraio 2007 Cile Movistar Open, Viña del Mar Terra battuta Cile Nicolás Massú 7–5, 6–3

Finali perse (1)[modifica | modifica wikitesto]

N Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 29 agosto 2004 Stati Uniti Pilot Pen Tennis, Long Island Cemento Australia Lleyton Hewitt 6–3, 6–1

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (6)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (1)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP World Tour 500 (1)
ATP World Tour 250 (4)
N Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 24 luglio 2005 Paesi Bassi Dutch Open, Amersfoort Terra battuta Argentina Martín García Cile Fernando González
Cile Nicolás Massú
6–4, 6–4
2. 1 ottobre 2006 Italia Campionati Internazionali di Sicilia, Palermo Terra battuta Argentina Martín García Polonia Mariusz Fyrstenberg
Polonia Marcin Matkowski
7–61, 7–62
3. 29 luglio 2007 Austria Austrian Open, Kitzbühel Terra battuta Italia Potito Starace Germania Tomas Behrend
Germania Christopher Kas
7–6(4), 7–6(5)
4. 13 gennaio 2008 Nuova Zelanda Heineken Open, Auckland Cemento Argentina Juan Mónaco Belgio Xavier Malisse
Austria Jürgen Melzer
6–4, 3–6, [10–7]
5. 24 febbraio 2008 Argentina ATP Buenos Aires, Buenos Aires Terra battuta Argentina Agustín Calleri Austria Werner Eschauer
Australia Peter Luczak
6–0, 6–7(6), [10–2]
6. 7 giugno 2008 Francia Open di Francia, Parigi Terra battuta Uruguay Pablo Cuevas Canada Daniel Nestor
Serbia Nenad Zimonjić
6–2, 6–3

Finali perse (5)[modifica | modifica wikitesto]

N Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 18 luglio 2004 Paesi Bassi Dutch Open, Amersfoort Terra battuta Argentina José Acasuso Rep. Ceca Jaroslav Levinský
Rep. Ceca David Škoch
6–0, 2–6, 7–5
2. 10 aprile 2005 Marocco Grand Prix Hassan II, Casablanca Terra battuta Argentina Martín García Rep. Ceca František Čermák
Rep. Ceca Leoš Friedl
6–4, 6–3
3. 24 aprile 2005 Stati Uniti U.S. Men's Clay Court Championships, Houston Terra battuta Argentina Martín García Canada Daniel Nestor
Bahamas Mark Knowles
6–3, 6–4
4. 17 settembre 2006 Romania BCR Open Romania, Bucharest Terra battuta Argentina Martín García Polonia Mariusz Fyrstenberg
Polonia Marcin Matkowski
65–7, 7–65, [10–8]
5. 2 marzo 2008 Messico Abierto Mexicano Telcel, Acapulco Terra battuta Argentina Agustín Calleri Austria Oliver Marach
Slovacchia Michal Mertiňák
6–2, 63–7, [10–7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Profilo ITF Junior, itftennis.com. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  2. ^ Schiavone e Santangelo avanti, gazzetta.it, 31 agosto 2006. URL consultato il 4 ottobre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]