Liceo linguistico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il liceo linguistico è una delle scuole superiori a cui si può accedere in Italia al termine della scuola secondaria di primo grado. L'indirizzo venne istituito come sperimentazione dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca nel 1970/1973, inizialmente classificandosi come istituto tecnico provinciale di cultura e lingue. Solo nel 1985, a seguito delle normative dei programmi ministeriali per far fronte al problema della "dispersione scolastica", divenne a tutti gli effetti un liceo.[senza fonte] Esisteva, prima del 2010 anche la sperimentazione linguistica del progetto Brocca.

Materie[modifica | modifica wikitesto]

Il liceo linguistico si specializza nello studio delle lingue e delle relative espressioni culturali, comprendendo un totale di cinque lingue nell'intero corso di studio: la lingua e la letteratura italiana, la lingua latina nel biennio, e tre lingue straniere e le relative letterature nel quinquennio.

L'offerta delle lingue straniere viene lasciata ai singoli istituti, anche se le prime due lingue straniere sono spesso due lingue comunitarie, generalmente inglese, spagnolo, francese, tedesco . La terza lingua invece può essere una delle lingue comunitarie già citate, oppure russo, cinese, arabo o giapponese.[1] Negli istituti paritari l'offerta linguistica può variare ulteriormente.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Con il D.M. 31 luglio 1973 viene avviato come sperimentazione negli istituti di istruzione secondaria non statali, mentre nell'anno successivo la sperimentazione viene estesa anche agli istituti statali. Viene poi ripresa con il C.M. 27/1991[2] Il 1 settembre 2010, con la Riforma Gelmini i piani sperimentali, il PNI e il piano Brocca sono stati bloccati.

Sperimentazione linguistica C.M. 27/91[modifica | modifica wikitesto]

Discipline Biennio Triennio
I II III IV V
Lingua e letteratura italiana 5 5 4 4 4
Storia e geografia 3 3 - - -
Storia - - 2 2 3
Lingua e letteratura latina 3 3 3 3 2
Lingua e letteratura straniera 1 1 3 3 4 4 4
Lingua e letteratura straniera 2 1 4 4 4 4 4
Lingua e letteratura straniera 3 1 - - 5 5 5
Diritto ed economia 2 2 - - -
Filosofia - - 3 3 3
Matematica con elementi di informatica 4 4 3 3 3
Fisica 3 3 - - -
Biologia, chimica, scienze della Terra 3 3 - - -
Storia dell'arte 2 2 2 2 2
Educazione fisica 2 2 2 2 2
Religione cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1
Totale delle ore settimanali 35 35 35 35 35
  • 1 Erano previste 33 ore annuali con un lettore madrelingua.

Sperimentazione Brocca[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto Brocca è attualmente non disponibile. A partire dal 2010 tutti i nuovi iscritti a un liceo linguistico non ebbero più la possibilità di iscriversi a un istituto con progetto Brocca. Gli ultimi studenti, frequentanti il liceo linguistico a progetto Brocca, sono usciti dagli istituti nel 2014, da allora il progetto Brocca è considerato come piano scolastico in disuso.

Discipline Biennio Triennio
I II III IV V
Lingua e letteratura italiana 5 5 4 4 4
Lingua e letteratura latina 4 4 3 2 3
Lingua e letteratura straniera 1 1 3 3 3 3 3
Lingua e letteratura straniera 2 1 4 4 3 3 3
Lingua e letteratura straniera 3 1 - - 5 5 4
Storia dell'arte 2 2 2 2 2
Storia 2 2 3 3 3
Geografia 2 2 - - -
Filosofia - - 2 3 3
Diritto ed economia 2 2 - - -
Matematica ed informatica 4 4 3 3 3
Scienze della Terra 3 - - - -
Biologia - 3 - - 2
Fisica - - - 4 2
Chimica - - 4 - -
Educazione fisica 2 2 2 2 2
Religione cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1
Totale delle ore settimanali 34 34 35 35 35
  • 1 Erano previste 33 ore annuali con un lettore madrelingua.

Riforma Gelmini[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 1º settembre 2010, con l'attuazione della riforma Gelmini sono state soppresse tutte le sperimentazioni linguistiche liceali e tutti gli indirizzi precedentemente esistenti, creando a tutti gli effetti il liceo linguistico. L'offerta ministeriale attivabile dalle singole scuole, laddove possibile, comprende l'insegnamento della lingua inglese, francese, tedesca, spagnola, russa, araba, cinese e giapponese.[3] Il piano di studi è il seguente[4]:

Discipline 1º biennio 2º biennio V
I II III IV
Lingua e letteratura italiana 4 4 4 4 4
Lingua latina 2 2 - - -
Lingua e cultura straniera 1 1 4 4 3 3 3
Lingua e cultura straniera 2 1 3 3 4 4 4
Lingua e cultura straniera 3 1 3 3 4 4 4
Storia e geografia 3 3 - - -
Storia - - 2 2 2
Filosofia - - 2 2 2
Matematica 2 3 3 2 2 2
Fisica - - 2 2 2
Scienze naturali 3 2 2 2 2 2
Storia dell'arte - - 2 2 2
Scienze motorie e sportive 2 2 2 2 2
Religione cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1
Totale delle ore settimanali 27 27 30 30 30

Dal primo anno del secondo biennio è previsto l’insegnamento in lingua straniera di una disciplina non linguistica (CLIL), compresa nell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell’area degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse assegnato, tenuto conto delle richieste degli studenti e delle loro famiglie. Dal secondo anno del secondo biennio è previsto inoltre l’insegnamento, in una diversa lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL), compresa nell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell’area degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse assegnato, tenuto conto delle richieste degli studenti e delle loro famiglie.

Esami di maturità[modifica | modifica wikitesto]

L'esame di maturità si svolge in maniera identica agli altri istituti, con distinzione per il contenuto della seconda prova ossia quella d'indirizzo:

  • 1ª prova: produzione di un testo in lingua italiana o nella lingua ufficiale di insegnamento prevista.
  • 2ª prova: comprensione del testo e/o produzione scritta in una delle lingue straniere studiate (a scelta del candidato).
  • 3ª prova: questionario su 4/5 materie caratterizzanti l'ultimo anno di studio.
  • 4ª prova: esame orale.

Note[modifica | modifica wikitesto]