Consiglio di classe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il consiglio di classe è un organo collegiale della scuola italiana, istituito con il D.P.R. 416 del 31 maggio 1974, accluso ai Provvedimenti Delegati sulla scuola.

Funzioni[modifica | modifica sorgente]

Il Consiglio di classe ha il compito di formulare proposte al Collegio Docenti relative all'azione educativa e didattica e agevolare il rapporto tra docenti, genitori e studenti. Con la sola presenza dei docenti ha competenza riguardo alla realizzazione del coordinamento didattico e dei rapporti interdisciplinari e alla valutazione periodica e finale degli alunni.

Il consiglio di classe nelle scuole elementari[modifica | modifica sorgente]

Nella scuola elementare fanno parte del consiglio di classe:

  • il Dirigente scolastico, con le funzioni di presidente;[1]
  • il corpo docente di classe;
  • 1 rappresentante dei genitori.

Il consiglio di classe nelle scuole medie[modifica | modifica sorgente]

Nella scuola secondaria di primo grado fanno parte del consiglio di classe:

  • il Dirigente Scolastico, con le funzioni di presidente;[1]
  • i docenti di classe tra cui il coordinatore (delegato dal dirigente scolastico);
  • 4 rappresentanti dei genitori.

Il consiglio di classe nelle scuole superiori[modifica | modifica sorgente]

Nella scuola secondaria di secondo grado fanno parte del consiglio di classe:

  • il Dirigente scolastico, con le funzioni di presidente;[1]
  • il corpo docente di classe;
  • 2 rappresentanti eletti dai genitori degli alunni iscritti alla classe;
  • 2 rappresentanti degli studenti, eletti dagli studenti della classe.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c E in sua assenza un docente del consiglio con i poteri di delegato.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]