Joseph Pinzolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bonaventura Pinzolo, conosciuto come "Joseph" (Sicilia, 1887New York, 5 settembre 1930), è stato un criminale italiano, potente boss mafioso di New York, per pochi mesi a capo dell'attuale Famiglia Lucchese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pinzolo comincia come uomo di fiducia di Joe Masseria, dopo la morte di Gaetano Reina, per poi diventare il nuovo capo della cosca del Bronx composta da circa 200 uomini d'onore, rilevando i vari racket compreso il redditizio monopolio della distribuzione del ghiaccio. La posizione di Tommaso Gagliano e Gaetano Lucchese, fedelissimi di Reina viene notevolmente ridimensionata all'interno della Famiglia dallo stesso Pinzolo. Segretamente all'interno della cosca si forma una fazione ostile a Pinzolo, guidata da Gagliano e il suo fedelissimo Gaetano Lucchese, che segretamente sostengono sempre Maranzano. Il 5 settembre 1930 Bonaventura Pinzolo, viene invitato nell'ufficio di Lucchese a Broadway, Manhattan, dove viene assassinato con cinque colpi di pistola dai killer Girolamo Santuccio e Dominick Petrillo, con l'aiuto dello stesso Lucchese.

Lucchese stesso fu accusato dalla polizia per l'omicidio, ma le accuse caddero per mancanza di prove. Masseria attribuì l'omicidio al suo rivale castellammarese Maranzano, non sospettando del doppio gioco della fazione di Gagliano, che divenne così il capo della Famiglia. Pinzolo fu seppellito nel cimitero calvary del Queens, assieme alla moglie Carmela morta nel 1974.

Boss della famiglia Lucchese[modifica | modifica wikitesto]



Gaetano Reina
1922 - 1930

Joseph Pinzolo
1930 - 1930

Tommaso Gagliano
1930 - 1951

Gaetano Lucchese
1951 - 1967

Carmine Tramunti
1967 - 1973

Anthony Corallo
1973 - 1986

Vittorio Amuso
1986 - 2012

Steven Crea
2012 - Attualmente


migranti Portale Migranti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di migranti