Gedda (Arabia Saudita)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Jedda)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Gedda
località
جدّة
Gedda – Veduta
Localizzazione
Stato Arabia Saudita Arabia Saudita
Provincia Makka
Amministrazione
Sindaco ʿĀdil Faqīh
Territorio
Coordinate 21°30′00″N 39°10′00.12″E / 21.5°N 39.1667°E21.5; 39.1667 (Gedda)Coordinate: 21°30′00″N 39°10′00.12″E / 21.5°N 39.1667°E21.5; 39.1667 (Gedda)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 1 320 km²
Abitanti 3 012 000 (2008)
Densità 2 281,82 ab./km²
Altre informazioni
Lingue arabo
Prefisso +966-2
Fuso orario UTC+3
Cartografia
Mappa di localizzazione: Arabia Saudita
Gedda
Sito istituzionale
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Centro storico di Gedda, l'accesso alla Mecca
(EN) Historic Jeddah, the Gate to Makkah
Tipo Culturali
Criterio (ii) (iv) (v)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 2014
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda
Foto satellitare di Jedda
Fontana King Fahd. Il getto spara l’acqua a un’altezza di 1023 piedi cioè 312 metri a una velocità di 375km/h grazie a quattro pompe ultrapotenti.
Fontana King Fahd la più alta fontana al mondo. Il getto spara l’acqua a un’altezza di 1023 piedi cioè 312 metri a una velocità di 375km/h grazie a quattro pompe ultrapotenti.

Gedda[1] (in in arabo: جدّة , Judda, ma sono abbastanza diffuse anche le scritture Gidda, Jedda; Jeddah, Jiddah o Jidda), situata nella regione del Hijāz, è la seconda città più grande dell'Arabia Saudita dopo la capitale Riyāḍ. La sua popolazione raggiunge i 3 milioni di abitanti (4,5 milioni nell'area metropolitana).

Situata nel Mar Rosso (21°30′00″N 39°10′00.12″E / 21.5°N 39.1667°E21.5; 39.1667), la città era originariamente un villaggio di pescatori fondato 2500 anni fa. Le prime fonti scritte la citano a partire dal 647 d.C., quando il califfo musulmano ʿUthmān b. ʿAffān la trasformò in un porto per i pellegrini maomettani che vi transitavano durante il viaggio che li portava al pellegrinaggio (hajj) a Mecca. Oggi essa è crocevia per milioni di pellegrini che arrivano in aereo o, più tradizionalmente, via mare.

È sede della Banca islamica per lo sviluppo.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono due spiegazioni per l'origine del nome Gedda. Una è che il nome significhi "spiaggia", essendo Jedda situata lungo la costa del mar Rosso e più importante porto commerciale dell'Arabia Saudita. La spiegazione più comune, tuttavia, è che il nome derivi dalla radice araba <j-d-d>, che origina tra l'altro la parola jadda ("nonna"). Secondo le tradizioni popolari arabe, infatti, la tomba di Eva (21°29′31.2″N 39°11′24″E / 21.492°N 39.19°E21.492; 39.19), considerata la "nonna" di tutta l'umanità, si troverebbe proprio a Gedda. Una tradizione talmente radicata da portare le autorità di religione wahhabita, nel 1975, a sigillare la presunta tomba di Eva col calcestruzzo, per il semplice motivo che alcuni pellegrini, si ritrovavano a pregare di fronte alla "tomba" stessa, cosa che il rigido formalismo monoteistico wahhabita ascrive all'idolatria.

Nelle mappe e nei documenti ufficiali britannici, la città è scritta "Jedda" o "Jeddah". Il Foreign and Commonwealth Office (Ministero degli Esteri e del Commonwealth) comunque, insiste ancora nell'usare la vecchia trascrizione Jedda, diversamente dal resto dei Paesi anglosassoni, e delle stesse istituzioni britanniche.

In Italia, i documenti diplomatici ufficiali, e libri storici riportano invece la grafia "Gedda"[2].

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Gedda è gemellata con altre 24 città:

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

A 19 km a nord della città è presente l'Aeroporto Internazionale King Abdulaziz.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. il lemma "Gedda" sul DOP.
  2. ^ L'esonimo "Gedda" sui libri dal 1700 al 1920.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]