Gran Premio d'Argentina 1996

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Argentina Gran Premio d'Argentina 1996
584º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 3 di 16 del Campionato 1996
Circuit Buenosaires.png
Data 7 aprile 1996
Nome ufficiale XIX Gran Premio de la Republica Argentina
Circuito Circuito di Buenos Aires
Percorso 4,259 km
Circuito permanente
Distanza 72 giri, 306,648 km
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Damon Hill Francia Jean Alesi
Williams - Renault in 1'30.346 Benetton - Renault in 1'29.413
(nel giro 66)
Podio
1. Regno Unito Damon Hill
Williams - Renault
2. Canada Jacques Villeneuve
Williams - Renault
3. Francia Jean Alesi
Benetton - Renault

Il Gran Premio d'Argentina 1996 si è svolto il 7 aprile sul Circuito di Buenos Aires. Ha vinto Damon Hill su Williams, precedendo il compagno di squadra Jacques Villeneuve e Jean Alesi su Benetton.

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Hill conquista la seconda pole position consecutiva, staccando di due decimi e mezzo Schumacher; il tedesco precede Villeneuve, Alesi, Berger, Barrichello, il sorprendente Verstappen, Häkkinen, Coulthard e Irvine, che chiude la top ten. Sorprende anche il giovane Marques, capace di portare la sua Minardi al quattordicesimo posto sulla griglia.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 5 Regno Unito Damon Hill Williams - Renault 1:30.346
2 1 Germania Michael Schumacher Ferrari 1:30.598 +0.252
3 6 Canada Jacques Villeneuve Williams - Renault 1:30.907 +0.561
4 3 Francia Jean Alesi Benetton - Renault 1:31.038 +0.692
5 4 Austria Gerhard Berger Benetton - Renault 1:31.262 +0.916
6 11 Brasile Rubens Barrichello Jordan - Peugeot 1:31.404 +1.058
7 17 Paesi Bassi Jos Verstappen Footwork - Hart 1:31.615 +1.269
8 7 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1:31.801 +1.455
9 8 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1:32.001 +1.655
10 2 Regno Unito Eddie Irvine Ferrari 1:32.058 +1.712
11 15 Germania Heinz-Harald Frentzen Sauber - Ford 1:32.130 +1.784
12 9 Francia Olivier Panis Ligier - Mugen-Honda 1:32.177 +1.831
13 18 Giappone Ukyo Katayama Tyrrell - Yamaha 1:32.407 +2.061
14 21 Brasile Tarso Marques Minardi - Ford 1:37.502 +2.156
15 12 Regno Unito Martin Brundle Jordan - Peugeot 1:32.696 +2.350
16 19 Finlandia Mika Salo Tyrrell - Yamaha 1:32.903 +2.557
17 14 Regno Unito Johnny Herbert Sauber - Ford 1:33.256 +2.910
18 10 Brasile Pedro Diniz Ligier - Mugen-Honda 1:33.424 +3.078
19 20 Portogallo Pedro Lamy Minardi - Ford 1:33.727 +3.381
20 16 Brasile Ricardo Rosset Footwork - Hart 1:33.752 +3.406
21 22 Italia Luca Badoer Forti - Ford 1:34.830 +4.484
22 23 Italia Andrea Montermini Forti - Ford 1:35.651 +5.305

Gara[modifica | modifica sorgente]

Al via Hill mantiene la testa della corsa, respingendo l'attacco di Schumacher; Villeneuve parte invece malissimo, scivolando dalla terza alla nona posizione. Il canadese comincia subito a rimontare, sopravanzando Häkkinen, Verstappen, Barrichello e Coulthard nei primi nove giri; tuttavia il canadese non riesce a superare la Benetton di Berger, rimanendo bloccato in quinta posizione. Hill guadagna progressivamente terreno su Schumacher e dopo la prima serie di pit stop resta al comando con circa quattro secondi di vantaggio sul tedesco; seguono, più staccati, Alesi, Berger e Villeneuve.

Al 24º passaggio Diniz tenta di doppiare Badoer, ma i due vengono a contatto e la Forti dell'italiano decolla, atterrando a ruote all'aria; Badoer è illeso, ma la direzione gara manda in pista la safety car. Alcuni piloti, tra cui lo stesso Diniz, ne approfittano per effettuare il rifornimento; sulla Ligier del brasiliano, però, il bocchettone del carburante rimane aperto e della benzina finisce sul motore e sugli scarichi, prendendo fuoco. La vettura si incendia, ma Diniz esce illeso dall'abitacolo. La safety car resta in pista fino al 32º giro; Hill ricomincia a staccare Schumacher, mentre alle spalle dei due l'ordine rimane pressoché invariato. Nel corso della 33a tornata Marques prova a superare Brundle, finendo per tamponarlo violentemente: entrambi sono fuori gara.

Poco più tardi, Hill passa sul luogo dell'incidente, "sparando" alcuni detriti contro la vettura di Schumacher; uno di questi colpisce l'alettone posteriore della Ferrari, incrinandolo. Il pilota tedesco continua a girare, salvo poi ritirarsi per motivi precauzionali al 46º passaggio. Nel frattempo inizia la seconda serie di soste ai box; Alesi fa spegnere il motore della sua Benetton, perdendo la possibilità di lottare per la vittoria e dovendo cedere la posizione a Berger. L'austriaco, pur non essendo in grado di insidiare Hill, sembra avviato a conquistare la seconda posizione quando un guasto alla sospensione lo costringe al ritiro. Dietro a Hill finisce così Villeneuve, che conquista il secondo posto davanti ad Alesi, Barrichello, Irvine e Verstappen, che porta il primo punto della stagione alla Footwork.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos N Pilota Costruttore/Motore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 5 Regno Unito Damon Hill Williams - Renault 72 1:54:55.322 1 10
2 6 Canada Jacques Villeneuve Williams - Renault 72 +12.167 3 6
3 3 Francia Jean Alesi Benetton - Renault 72 +14.754 4 4
4 11 Brasile Rubens Barrichello Jordan - Peugeot 72 +55.131 6 3
5 2 Regno Unito Eddie Irvine Ferrari 72 +1:04.991 10 2
6 17 Paesi Bassi Jos Verstappen Footwork - Hart 72 +1:08.913 7 1
7 8 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 72 +1:13.400 9
8 9 Francia Olivier Panis Ligier - Mugen-Honda 72 +1:14.295 12
9 14 Regno Unito Johnny Herbert Sauber - Ford 71 +1 giro 17
10 23 Italia Andrea Montermini Forti - Ford 69 +3 giri 22
Ritirato 4 Austria Gerhard Berger Benetton - Renault 56 Sospensione 5
Ritirato 1 Germania Michael Schumacher Ferrari 46 Alettone 2
Ritirato 20 Portogallo Pedro Lamy Minardi - Ford 39 Trasmissione 19
Ritirato 19 Finlandia Mika Salo Tyrrell - Yamaha 36 Acceleratore 16
Ritirato 12 Regno Unito Martin Brundle Jordan - Peugeot 34 Collisione con T.Marques 15
Ritirato 21 Brasile Tarso Marques Minardi - Ford 33 Collisione con M.Brundle 14
Ritirato 15 Germania Heinz-Harald Frentzen Sauber - Ford 32 Uscita di pista 11
Ritirato 10 Brasile Pedro Diniz Ligier - Mugen-Honda 29 Incendio ai box 18
Ritirato 18 Giappone Ukyo Katayama Tyrrell - Yamaha 28 Trasmissione 13
Ritirato 16 Brasile Ricardo Rosset Footwork - Hart 24 Pompa dell'olio 20
Ritirato 22 Italia Luca Badoer Forti - Ford 24 Incidente 21
Ritirato 7 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 19 Acceleratore 8

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos. Team Punti
1 Regno Unito Williams - Renault 42
2 Italia Benetton - Renault 13
3 Italia Ferrari 10
4 Regno Unito McLaren - Mercedes 5
5 Irlanda Jordan - Peugeot 3
5 Regno Unito Tyrrell - Yamaha 3
7 Francia Ligier - Mugen-Honda 1
7 Regno Unito Footwork - Hart 1

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Brin Williams, Colin McMaster, Roberto Boccafogli, F1 96, Vallardi&Associati, 1996, ISBN 88-86869-02-9.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1996
Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of Europe.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1995
Gran Premio d'Argentina
Edizione successiva:
1997

Note[modifica | modifica sorgente]


Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1