Fortza Paris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'album dei Tazenda, vedi Fortza paris (album).
Fortza Paris
Presidente Gianfranco Scalas
Stato Italia Italia
Fondazione 2004
Sede Cagliari, Sardegna
Ideologia Federalismo,
Regionalismo,
Cristianesimo democratico,
Liberalismo
Collocazione Centro-destra
Coalizione Casa delle Libertà (2003-2008)
Il Popolo della Libertà (2008-2011)
Coalizione di centro-destra (2013)
Seggi Camera
0 / 630
Seggi Senato
0 / 315
Seggi Europarlamento
0 / 73
Seggi Consiglio regionale
0 / 60
Colori Rosso
Sito web www.fortzaparis.com

Fortza Paris è un partito politico regionalista sardo fondato nel 2004. Nel proprio manifesto dichiara che i suoi "riferimenti storici" sono costituiti da Dottrina sociale della Chiesa, socialismo, liberalismo, federalismo[1]. Fortza Paris è un termine sardo che significa "Avanti insieme".

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fondato nel 2004 dall'unione tra il Partito del Popolo Sardo, Sardistas e Unità del Popolo Sardo[2][3], Fortza Paris si è sempre schierata a fianco dei partiti di centro-destra.

Alle elezioni regionali in Sardegna del 2004, alleato con la Casa delle Libertà, ha ottenuto il 4,6% ed eletto 3 consiglieri regionali.

In occasione delle elezioni politiche del 2008 il partito si è apparentato col Il Popolo della Libertà. Il candidato di Fortza Paris al Senato, Silvestro Ladu, è risultato il primo dei non eletti nella circoscrizione sarda.

Nei mesi successivi emergono nel partito due correnti, una facente capo al segretario Pasquale Onida che opta per un rapido passaggio al PDL dei singoli membri, e un'altra, minoritaria, capeggiata dal presidente Gianfranco Scalas, che mantiene l'identità e lo statuto del partito. Alle elezioni regionali in Sardegna del 2009 gli uomini della prima sono candidati all'interno della lista del PDL, mentre la seconda ha presentato i suoi candidati, tra i quali lo stesso Scalas, nella lista Insieme per le Autonomie con il Movimento per l'Autonomia, non eleggendo tuttavia alcun consigliere. In seguito le due anime del partito si ricongiungono rifiutandosi di confluire nel PdL ma rimanendo nell'ambito di coalizioni di centro-destra. Alle elezioni provinciali di Cagliari nell'ambito delle Elezioni amministrative italiane 2010 appoggia il candidato presidente Piergiorgio Massidda (senatore del PdL ma alternativo al candidato di partito Giuseppe Farris) insieme con la DC, la Lega Nord (presentatasi per la prima volta in Sardegna), la Fiamma Tricolore e il Nuovo MSI, oltre alla lista civica Massidda Presidente.

Il 22 dicembre 2011 il partito ottiene rappresentanza al Senato della Repubblica dove Silvestro Ladu subentra al senatore Massidda, dimissionario. Il neo senatore entra a far parte del gruppo del Popolo della Libertà[4].

In occasione delle elezioni politiche del 2013 Silvestro Ladu si ricandida al Senato nelle fila del PDL[5], ma non viene rieletto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Manifesto programmatico
  2. ^ ELEZIONI: 'FORTZA PARIS', NASCE IN SARDEGNA NUOVO PARTITO
  3. ^ Fortza Paris: Contributo alla mozione indipendentista
  4. ^ Sito ufficiale del Senato
  5. ^ Elezioni, le liste del Pdl per Camera e Senato

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica