Civica Margherita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Civica Margherita
Leader Lorenzo Dellai
Stato Italia Italia
Fondazione 1998
Dissoluzione 2008 (confluita nell'UpT)
Sede Via Lunelli 64 - Trento
Partito PPI (1998-2002)
DL (2002-2007)
Ideologia Regionalismo,
Cristianesimo democratico,
Cristianesimo sociale,
Liberalismo
Coalizione Centro-sinistra
Colori Azzurro
Sito web http://www.margherita.tn.it/

La Civica Margherita (nome ufficiale La Margherita – per il governo del Trentino[1]) è stato un partito politico della Provincia autonoma di Trento, fondato nel 1998 e confluito nel 2008 nell'Unione per il Trentino e nel Partito Democratico. Nonostante il nome non era legata a un solo comune, ma all'intera provincia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È stata ideata da Lorenzo Dellai (all'epoca del Partito Popolare Italiano)[2] e da Gaetano Turrini (all'epoca organizzatore ed ispiratore di un universo di liste civiche), ed è stata il modello de La Margherita a livello nazionale[3][4].

Alle elezioni regionali del Trentino-Alto Adige del 22 novembre 1998 nel collegio di Trento (l'intera provincia) ha ottenuto 62.684 voti, il 22,02%[5], e otto seggi in consiglio provinciale[6]. Nel febbraio 1999 Dellai è stato eletto presidente della provincia[7].

Alle elezioni provinciali del 26 ottobre 2003 la Civica Margherita ha ottenuto 69.856 voti, il 25,88%[8], e 12 consiglieri[9]. Dellai è stato quindi riconfermato presidente della giunta[7].

Con l'assemblea del 29 ottobre 2006, viene eletto coordinatore del partito il consigliere provinciale Giorgio Lunelli[10], che rimarrà in carica fino allo scioglimento.

Alle elezioni politiche del 2008 Claudio Molinari, sindaco di Riva del Garda della Civica Margherita, è stato l'unico senatore del Partito Democratico ad essere eletto in Trentino, con il simbolo "SVP-Insieme per le autonomie"[11][12].

La Civica Margherita, che a differenza de La Margherita nazionale non si era sciolta nel Partito Democratico[13], ha deciso nell'aprile 2008 di dare vita ad un nuovo partito regionale: l'Unione per il Trentino.[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Statuto della "Civica per il governo del Trentino"
  2. ^ Roberto Bianchin, Trento, rivincita dell' Ulivo, la Repubblica, 24 novembre 1998. URL consultato il 25-4-2008.
  3. ^ Presentazione, Civica Margherita del Trentino. URL consultato il 5-5-2008.
  4. ^ Presidente - Carta d'identità, Provincia autonoma di Trento. URL consultato il 5-5-2008.
  5. ^ Elezione del Consiglio regionale 1998 - Voti di lista collegio di Trento (PDF), Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol. URL consultato il 5-5-2008.
  6. ^ Consiglio PAT - Dodicesima legislatura. URL consultato il 5-5-2008.
  7. ^ a b Presidente - Carta d'identità, Provincia Autonoma di Trento. URL consultato il 6-5-2008.
  8. ^ Elezioni Provinciali - 26 ottobre 2003, Provincia Autonoma di Trento. URL consultato il 6-5-2008.
  9. ^ I gruppi consiliari - Civica Margherita, Consiglio PAT. URL consultato il 6-5-2008.
  10. ^ Gruppo Consiliare Civica Margherita Trentino - Consiglieri, Civica Margherita.
  11. ^ Elezione del Senato della Repubblica del 13 - 14 aprile 2008. Regione: Trentino-Alto Adige. Collegio: Rovereto, Ministero dell'Interno. URL consultato il 2-5-2008.
  12. ^ Solo Molinari può sorridere per il bis, l'Adige, 15 aprile 2008. URL consultato il 6-5-2008.
  13. ^ Chiara Bert, Lo strappo di Dellai: "No al partito democratico", Trentino, 16 luglio 2007. URL consultato il 6-5-2008.
  14. ^ l'Adige, Partito territoriale, si chiamerà "Unione per il Trentino", l'Adige, 6 giugno 2008. URL consultato il 12-6-2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]