Elezioni regionali in Sardegna del 2009

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elezioni regionali italiane del 2009
Stato Italia Italia
Regione Sardegna Sardegna
Data 15, 16 febbraio 2009
Ugo Cappellacci.jpg ASpexi-19817.jpg
Candidati Ugo Cappellacci Renato Soru
Partito Il Popolo della Libertà Partito Democratico
Voti 502.084
51,88 %
415.600
42,94 %
Seggi
53 / 80
27 / 80
Sardegna 2009 Partiti.png
Sardegna 2009 Coalizioni.png
Presidente uscente
Renato Soru (PD)
Left arrow.svg 2004 2014 Right arrow.svg

Le elezioni regionali in Sardegna del 2009 si sono tenute il 15 e 16 febbraio 2009. Esse hanno visto la vittoria di Ugo Cappellacci, sostenuto dal centro-destra, che ha sconfitto il presidente uscente Renato Soru, sostenuto dal centro-sinistra.

La consultazione elettorale si è svolta di alcuni mesi di anticipo rispetto alla scadenza naturale della legislatura, in seguito alle dimissioni di Soru causate da contrasti interni alla maggioranza che lo sosteneva riguardo alla legge urbanistica regionale[1].

Risultati elettorali[2][modifica | modifica wikitesto]

Candidati e Liste Voti  % Seggi
Ugo Cappellacci 502.084 51,88 9
Il Popolo della Libertà 248.654 30,11 25
Unione di Centro 75.451 9,13 7
Riformatori Sardi 56.056 6,78 5
Partito Sardo d'Azione 35.428 4,29 4
Sardegna Unita 28.928 3,50 2
Insieme per le Autonomie 18.500 2,24 1
Renato Soru (Soru Presidente) 415.600 42,94 1
Partito Democratico 204.223 24,73 18
Italia dei Valori 41.321 5,00 3
Partito della Rifondazione Comunista 26.454 3,20 2
Rossomori 21.034 2,54 1
Partito dei Comunisti Italiani 15.870 1,92 1
La Sinistra per la Sardegna 13.508 1,63 1
Gavino Sale 29.640 3,06 -
Indipendentzia Repubrica de Sardigna 17.141 2,07 -
Peppino Balia 15.037 1,55 -
Partito Socialista 19.488 2,36 -
Gianfranco Sollai 5.316 0,55 -
Unidade Indipendentista 3.695 0,44 -
Totale alle liste 825.751 70
TOTALE 967.677 80

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Strappo di Soru: «Mi dimetto» - Corriere della Sera
  2. ^ Regione Sardegna
  3. ^ La Sinistra: «Non consegnare l’isola alla destra»
  4. ^ Elezioni, quattordici liste in corsa
  5. ^ Cinque aspiranti governatori, con mille candidati
  6. ^ Fortza Paris divisa tra Pdl e Mpa
  7. ^ Ricucita l’alleanza. E oggi Soru dà il via
  8. ^ I Verdi nella lista Rossomori