Filippico Bardane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Filippico
Filippico che ordina la decapitazione di Tiberio, figlio di Giustiniano II Rinotmeto
Filippico che ordina la decapitazione di Tiberio, figlio di Giustiniano II Rinotmeto
Imperatore bizantino
In carica 711 –
3 giugno 713
Predecessore Giustiniano II
Successore Anastasio II

Filippico detto Bardane (greco: Φιλιππικός Βαρδάνης; ... – 713) fu un imperatore bizantino che governò dal 711 fino al 3 giugno 713.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del patrizio Niceforo, in precedenza era stato ufficiale di Giustiniano II; nel 702/703 l'Imperatore Tiberio III lo esiliò in Cefalenia in quanto aveva sognato di diventare imperatore e quindi lo vedeva come una minaccia.[1] Quando, nel 711, Giustiniano II inviò una spedizione punitiva contro Cherson, luogo dove era stato esiliato, la popolazione di Cherson si rivoltò e anche l'esiliato Filippico e lo spathiaros Elia; la popolazione ribelle proclamò Filippico imperatore.[2]Giustiniano II inviò quindi una flotta per sedare la rivolta ma la spedizione fallì e i soldati, timorosi dell'ira dell'Imperatore passarono dalla parte dei ribelli e riconobbero Filippico come loro Imperatore; questi, con l'appoggio dell'esercito e dei Cazari, marciò in direzione di Costantinopoli e uccise Giustiniano II. La popolazione di Costantinopoli ed il Senato lo proclamarono così nuovo imperatore.

Regno[modifica | modifica wikitesto]

Solido di Filippico.

Filippico, in quanto sostenitore del monotelismo, si oppose alle decisioni prese nel VI concilio ecumenico in cui era stata condannata l'eresia monotelitica; a testimonianza della sua opposizione distrusse un dipinto nel suo palazzo raffigurante il VI concilio e scrisse al Papa una lettera intrisa di accenti monoteliti[3]. Allora Papa Costantino, infuriato, stabilì che il nome dell'imperatore non venisse più nominato nelle datazioni e nelle funzioni religiose e, in risposta alla distruzione del dipinto, collocò nella Chiesa di San Pietro opere d'arte che raffiguravano i primi sei concili[4].

Il re dei Bulgari Tervel tentò di vendicare il suo amico Giustiniano II, e per questo, dopo aver saccheggiato la campagna circostante, i Bulgari arrivarono fino alle porte di Costantinopoli nel 712[4]. Nel frattempo i Musulmani invasero l'Asia Minore. Per respingere i Bulgari, Filippico chiamò in suo soccorso le truppe del tema di Opsikion, ma queste si rivoltarono e lo rovesciarono. Il conte del tema Opsiciano imprigionò Filippico e lo fece accecare (3 giugno 713). Il conte fu sopraffatto dal protoasekretis Artemio, che lo accecò a sua volta con l'accusa di tradimento e si fece proclamare imperatore con il nome di Anastasio II.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teofane, A.M. 6194.
  2. ^ Teofane, A.M. 6203.
  3. ^ Ostrogorsky, p. 141.
  4. ^ a b Ostrogorsky, p. 142.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie

  • Teofane Confessore, Cronaca.

Fonti secondarie

  • Georg Ostrogorsky, Storia dell'Impero bizantino, Milano, Einaudi, 1968, ISBN 88-06-17362-6.* Gerhard Herm, I bizantini, Milano, Garzanti, 1985.
  • John Julius Norwich, Bisanzio, Milano, Mondadori, 2000, ISBN 88-04-48185-4.
  • Silvia Ronchey, Lo stato bizantino, Torino, Einaudi, 2002, ISBN 88-06-16255-1.
  • Alexander P Kazhdan, Bisanzio e la sua civiltà, 2a ed, Bari, Laterza, 2004, ISBN 88-420-4691-4.
  • Giorgio Ravegnani, La storia di Bisanzio, Roma, Jouvence, 2004, ISBN 88-7801-353-6.
  • Giorgio Ravegnani, I bizantini in Italia, Bologna, il Mulino, 2004.
  • Ralph-Johannes Lilie, Bisanzio la seconda Roma, Roma, Newton & Compton, 2005, ISBN 88-541-0286-5.
  • Alain Ducellier, Michel Kapla, Bisanzio (IV-XV secolo), Milano, San Paolo, 2005, ISBN 88-215-5366-3.
  • Giorgio Ravegnani, Bisanzio e Venezia, Bologna, il Mulino, 2006.
  • Giorgio Ravegnani, Introduzione alla storia bizantina, Bologna, il Mulino, 2006.
  • Giorgio Ravegnani, Imperatori di Bisanzio, Bologna, Il Mulino, 2008, ISBN 978-88-15-12174-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Imperatore bizantino Successore Double-headed eagle of the Greek Orthodox Church.svg
Giustiniano II 711-713 Anastasio II