Costantino VIII

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Costantino VIII
Costantino VIII
Histamenon d'oro di Costantino VIII.
Basileus
In carica 15 dicembre 1025 - 15 novembre 1028
Predecessore Basilio II Bulgaroctono
Successore Romano III Argiro
Morte Costantinopoli, 15 novembre 1028
Casa reale Dinastia dei Macedoni
Coniuge Elena
Figli Eudocia - Zoe Porfirogenita - Teodora Porfirogenita

Costantino VIII (in greco: Κωνσταντίνος Η΄, Kōnstantinos VIII; Costantinopoli, 960Costantinopoli, 15 novembre 1028) è stato un imperatore bizantino. Fu basileus dei romei dal 15 dicembre 1025 fino alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nomisma Histamenon d'oro rappresentante Basilio II Bulgaroctono e Costantino VIII.

Costantino VIII, era figlio secondogenito, di Romano II e di Teofano. Il 15 dicembre 1025, salì al trono, a causa della morte del fratello maggiore Basilio II Bulgaroctono.

Benché fossero fratelli, i due non potevano essere più diversi tra loro: al contrario dello scrupoloso, diligente e quasi ascetico Basilio, Costantino non amava occuparsi delle questioni di governo. Prediligeva invece la vita mondana e amava ubriacarsi e godersi le sue concubine. L'imperatore, anche se non aveva studiato nella sua giovinezza, possedeva una forte curiosità intellettuale, che lo avvantaggiò nei rapporti con gli ambasciatori degli altri paesi.

Un atroce aspetto del carattere di Costantino fu un'insensata crudeltà, che sicuramente non l'avrà certo reso più amabile agli occhi dei cittadini dell'impero. Gli unici a rallegrarsi per questo nuovo imperatore furono gli aristocratici anatolici, che sotto il regno di Basilio II avevano visto togliersi le terre a vantaggio dei piccoli proprietari. Infatti il nuovo imperatore, a causa del suo disinteresse verso gli affari politici, non poté opporsi a questi latifondisti, che fecero abrogare tutte le leggi di Basilio e si ripresero le terre. Con la scomparsa del ceto medio rappresentato dai piccoli proprietari, veniva distrutto alla base il sistema economico e la struttura sociale bizantina.

Nel 1028, all'età di 68 anni, l'imperatore si ammalò, e, sentendo l'approssimarsi della fine, si concentrò nella scelta di un erede al trono, benché egli avesse solo tre figlie, una delle quali era entrata in convento. Tra le due rimanenti, Zoe e Teodora, il vecchio imperatore scelse la prima, che sposò un aristocratico di nome Romano Argiro, che salì al trono con il nome di Romano III.

Costantino si spense l'11 novembre 1028, dopo aver regnato per tre anni.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Léon Bloy, Costantinopoli e Bisanzio, Milano, Medusa, 1917.
  • Georg Ostrogorsky, Storia dell'Impero bizantino, Milano, Einaudi, 1968. ISBN 88-06-17362-6.
  • Salvatore Impellizzeri, Imperatori di Bisanzio (Cronografia) 2 vol., Vicenza, 1984.
  • Gerhard Herm, I bizantini, Milano, Garzanti, 1985.
  • Giorgio Ravegnani, I trattati con Bisanzio 992-1198, Venezia, Il Cardo, 1992.
  • John Julius Norwich, Bisanzio, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 2000. ISBN 88-04-48185-4.
  • Silvia Ronchey, Lo stato bizantino, Torino, Einaudi, 2002. ISBN 88-06-16255-1.
  • Alexander P Kazhdan, Bisanzio e la sua civiltà, 2a ed, Bari, Laterza, 2004. ISBN 88-420-4691-4.
  • Giorgio Ravegnani, La storia di Bisanzio, Roma, Jouvence, 2004. ISBN 88-7801-353-6.
  • Giorgio Ravegnani, I bizantini in Italia, Bologna, il Mulino, 2004.
  • Ralph-Johannes Lilie, Bisanzio la seconda Roma, Roma, Newton & Compton, 2005. ISBN 88-541-0286-5.
  • Alain Ducellier, Michel Kapla, Bisanzio (IV-XV secolo), Milano, San Paolo, 2005. ISBN 88-215-5366-3.
  • Giorgio Ravegnani, Bisanzio e Venezia, Bologna, il Mulino, 2006.
  • Giorgio Ravegnani, Introduzione alla storia bizantina, Bologna, il Mulino, 2006.
  • Charles Diehl, Figure bizantine, introduzione di Silvia Ronchey, 2007 (1927 originale), Einaudi, ISBN 978-88-06-19077-4
  • Giorgio Ravegnani, Imperatori di Bisanzio, Bologna, Il Mulino, 2008. ISBN 978-88-15-12174-5.
  • Arnold Toynbee, Costantino Porfirogenito e il suo mondo, Firenze, Sansoni, 1987.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Imperatore bizantino Successore CoA of the Byzantine Empire.svg
Basilio II 1025-1028 Romano III