Stauracio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Solido rappresentante Niceforo I il Logoteta e Stauracio.
Stauracio e Niceforo I sono feriti durante la battaglia di Pliska.

Stauracio (in greco: Staurakios; in latino: Stauracius; 775 circa – 11 gennaio 812) è stato un imperatore bizantino per pochi mesi, dal 26 luglio al 2 ottobre del 811.

Regno[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Niceforo I, partecipò assieme al padre a varie campagne militari durante le quali si distinse per valore e abilità. Nell'811 prese parte alla campagna di Niceforo contro i Bulgari di Krum; i Bizantini conquistarono la capitale nemica di Pliska, ma, nella battaglia di Pliska combattuta sulla via del ritorno (26 luglio), Niceforo trovò la morte e Stauracio fu gravemente ferito, visto che si spezzò la schiena.

Ritornato a Costantinopoli, egli prese la corona che era sua di diritto, ma la schiena spezzata era fonte di terribili dolori; la gravità di questa ferita era tale che a Stauracio non rimaneva molto da vivere e per questo era necessario trovare un erede il più velocemente possibile. Per questi motivi il 2 ottobre di quello stesso anno Stauracio abdicò in favore del cognato Michele I, che era stato l'unico illeso della famiglia imperiale nella battaglia di Pliska. Questo fu interpretato come un segnale che Michele che fosse benedetto da Dio, però egli dovette promettere prima di salire al trono, di continuare le trattative di pace con Carlo Magno, la così detta pax Nicephori, iniziata dal padre.

Per le ferite riportate, Stauracio morì l'11 gennaio dell'812.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Georg Ostrogorsky, Storia dell'Impero bizantino, Milano, Einaudi, 1968, ISBN 88-06-17362-6.
  • Gerhard Herm, I bizantini, Milano, Garzanti, 1985.
  • John Julius Norwich, Bisanzio, Milano, Mondadori, 2000, ISBN 88-04-48185-4.
  • Silvia Ronchey, Lo stato bizantino, Torino, Einaudi, 2002, ISBN 88-06-16255-1.
  • Alexander P Kazhdan, Bisanzio e la sua civiltà, 2a ed, Bari, Laterza, 2004, ISBN 88-420-4691-4.
  • Giorgio Ravegnani, La storia di Bisanzio, Roma, Jouvence, 2004, ISBN 88-7801-353-6.
  • Giorgio Ravegnani, I bizantini in Italia, Bologna, il Mulino, 2004.
  • Ralph-Johannes Lilie, Bisanzio la seconda Roma, Roma, Newton & Compton, 2005, ISBN 88-541-0286-5.
  • Alain Ducellier, Michel Kapla, Bisanzio (IV-XV secolo), Milano, San Paolo, 2005, ISBN 88-215-5366-3.
  • Giorgio Ravegnani, Bisanzio e Venezia, Bologna, il Mulino, 2006.
  • Giorgio Ravegnani, Introduzione alla storia bizantina, Bologna, il Mulino, 2006.
  • Giorgio Ravegnani, Imperatori di Bisanzio, Bologna, Il Mulino, 2008, ISBN 978-88-15-12174-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Imperatore bizantino Successore Double-headed eagle of the Greek Orthodox Church.svg
Niceforo I 811 Michele I