John Julius Norwich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

John Julius Cooper, Secondo Visconte Norwich, noto come John Julius Norwich (Oldham, 15 settembre 1929), è uno storico, personaggio televisivo e autore di reportage di viaggi inglese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giovinezza[modifica | modifica wikitesto]

Norwich è l'unico figlio del diplomatico e politico del Partito Conservatore Duff Cooper e di Lady Diana Cooper, personaggio del jet set celebrata per la sua bellezza. Per parte di padre egli discende da re Guglielmo IV e dalla sua amante Dorothea Jordan.

Ha studiato all'Upper Canada College di Toronto, in Canada, come sfollato di guerra, all'Eton College ed all'Università di Strasburgo. Ha prestato servizio nella Royal Navy prima di laurearsi in francese e russo al New College di Oxford.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo Oxford entrò a far parte del Corpo diplomatico del Regno Unito, John Julius Cooper ha prestato servizio in Jugoslavia e Libano e, come membro della delegazione britannica della Conferenza per il Disarmo, a Ginevra. Alla morte del padre nel 1954, ha ereditato il titolo di Visconte Norwich, creato per Duff Cooper nel 1952, divenendo così membro della Camera dei Lord britannica.

Nel 1964, Norwich lasciò il servizio diplomatico per diventare scrittore. A parte i numerosi libri che ha scritto (vedi sotto), egli è stato curatore di Great Architecture of the World, The Italian World, The New Shell Guides to Great Britain, The Oxford Illustrated Encyclopaedia of Art e Duff Cooper Diaries.

Norwich ha lavorato molto in radio e televisione. È stato ospite del popolare radio quiz a squadre della BBC, My Word! per quattro anni e concorrente regionale in Round Britain Quiz. Ha scritto e presentato circa 30 documentari televisivi, tra i quali The Fall of Constantinople, Napoleon's Hundred Days, Cortés and Montezuma, The Antiquities of Turkey, The Gates of Asia, Maximilian of Mexico, Toussaint L'Ouverture of Haiti, The Knights of Malta e The Death of the Prince Imperial in the Zulu War.

Norwich ha anche lavorato per diversi progetti di beneficenza. È Presidente del Venice in Peril Fund, Co-Presidente del World Monuments Fund ed un Vicepresidente del National Association of Decorative and Fine Arts Societies[1]. Per molti anni è stato membro del Comitato esecutivo della National Trust e nel Consiglio di Amministrazione della English National Opera.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Lord Norwich fu nominato CVO nel 1992 per la sua opera in qualità di curatore di una mostra nel Victoria and Albert Museum intitolata "Sovereign", che celebrava il quarantesimo anniversario dell'incoronazione della Regina Elisabetta.

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

La prima moglie di Norwich fu Anne Frances May Clifford, figlia di Sir Bede Edmund Hugh Clifford, essi hanno avuto una figlia, Artemis Cooper, una storica, ed un figlio, Jason Charles Duff Bede Cooper. Dopo il loro divorzio, Lord Norwich ha sposato in seconde nozze la nobildonna Mary (Makins) Philipps, figlia del primo Barone Sherfield, GCB, GCMG.

Norwich è inoltre padre di Allegra Huston, nata dalla sua relazione con Enrica Soma Huston, ex moglie del regista americano John Huston.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • The Middle Sea: a History of the Mediterranean. New York: Doubleday, 2006 ISBN 0-385-51023-3

The Normans in the south,1016-1130 Harlow, Longman, 1967)

  • The kingdom in the sun, 1130-1194 Harlow, Longman, 1970),
poi ripubblicati come The Normans in Sicily London: Penguin, 1992 ISBN 0140152121
  • Sahara London: Longmans, 1968
  • Shakespeare's Kings: the Great Plays and the History of England in the Middle Ages: 1337-1485. New York: Scribner, 2000 ISBN 0-684-81434-X
  • Trying to Please, (autobiografia). Dovecote Press, 2008
  • The Twelve Days of Christmas, illustrato da Quentin Blake. Londra: Doubleday, 1998 (parodia del vecchio canto di natale preferito, "The Twelve Days of Christmas") ISBN 038541028X
  • Venice: a Traveller's Companion (un'antologia compilata da Lord Norwich) Londra: Constable, 1990 ISBN 0094675503

Opere tradotte[modifica | modifica wikitesto]

  • John Julius Norwich, I Normanni nel Sud: 1016-1130, Collana Storia e documenti. Storie generali e particolari, Mursia, Milano, 1971 ISBN 978-88-42-53768-7
  • Id., Il Regno nel Sole. I Normanni nel Sud: 1130-1194, Mursia, Milano, 1972-2007 ISBN 978-88-42-53783-0
  • Id., Storia di Venezia. Volume I. Dalle origini al 1400, trad. di A. Sparagni, Collana Storia e Documenti, Mursia, Milano, 1981 ISBN 978-88-42-53325-2
  • Id., Storia di Venezia. Volume II. Dal 1400 alla caduta della repubblica, a cura di C. Gottardi, trad. di A. Sparagni, Collana Storia e Documenti, Mursia, Milano, 1989 ISBN 978-88-42-50122-0
  • Id., Bisanzio. Splendore e decadenza di un impero 330-1453, trad. di Carla Lazzari, Collana Storia, Mondadori, Milano, 2000 ISBN 978-88-04-48185-0; Collana Oscar Storia, Mondadori, Milano, 2001
  • Id., Venezia. Nascita di un mito romantico, tra. di P. Budinich, Collana Terre.Idee, Il Saggiatore, Milano, 2006; Collana Tascabili, Il Saggiatore, Milano, 2013

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine Reale Vittoriano - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine Reale Vittoriano
Predecessore Parìa inglese
Visconte Norwich
Successore
Duff Cooper dal 1954 in carica

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The National Association of Decorative & Fine Arts Societies

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Leaders & Legends: John Julius Norwich in Old Times, inverno/primavera 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 88927064 LCCN: n80056865

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie