Ettore Muti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ettore Muti
Ettore Muti
Ettore Muti
22 maggio 1902 - 24 agosto 1943
Soprannome Gim dagli occhi verdi
Nato a Ravenna
Morto a Fregene
Cause della morte arma da fuoco
Luogo di sepoltura Cimitero di Ravenna
Dati militari
Paese servito bandiera Regno d'Italia
Forza armata Regio Esercito
Regia Aeronautica
Unità Brigata Aosta
Reparto 6º Reggimento Fanteria
Anni di servizio 1916 – 1943
Grado Tenente colonnello
Guerre Prima guerra mondiale
Guerra d'Etiopia
Guerra di Spagna
Seconda guerra mondiale
Comandante di 41º Gruppo aerosiluranti
Decorazioni Medaglia d'oro al valor militare
Medaglia d'argento al valor militare (10)

Arrigo Petacco, Ammazzate quel fascista! Vita intrepida di Ettore Muti, Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 2003

voci di militari presenti su Wikipedia

Ettore Muti, nato Muty (Ravenna, 22 maggio 1902Fregene, 24 agosto 1943), è stato un militare, aviatore e politico italiano. Convinto fascista fin dagli esordi del movimento, partecipò alle iniziative delle squadre d'azione, ricoprì numerose cariche tra cui quella di segretario del Partito Nazionale Fascista dall'ottobre 1939 fino al 28 ottobre 1940 e si distinse per la sua spericolatezza in numerose operazioni militari. Era soprannominato "Gim dagli occhi verdi".

La giovinezza e l'impresa di Fiume[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Celestina Ghepardi, donna di nobili natali e di Cesare, un modesto impiegato dell'anagrafe, gli fu imposto il nome di Ettore dalla madre, come omaggio a Ettore Fieramosca. Crebbe sotto l'influenza del carattere forte e patriottico di quest'ultima, nonché delle sue due sorelle maggiori, Linda e Maria[1]. La famiglia Muti (il cognome originario Muty fu cambiato dallo stesso padre di Ettore, per andare incontro alle istanze patriottiche della madre) abitava a Ravenna in corso Garibaldi, immediatamente di fronte alla caserma di cavalleria di Santa Maria della Porta.

Per questo motivo, fin da piccolo Ettore fu attratto dal mondo militare, e scappava spesso di casa per andare ad assistere ai vari eventi della vita della caserma. Anche nei giochi trasferiva la sua passione, formando una piccola banda di ragazzini e costruendo avventure ispirate a quelle degli eroi ritratti nel settimanale L'Esploratore, di cui era avido lettore. Il protagonista delle imprese raccontate nella rivista era un ragazzo di nome Gim, ed Ettore ottenne per sé questo soprannome, che lo accompagnò poi per tutta la vita[1]. Tra i suoi compagni della prima infanzia, vi fu anche il petroliere Attilio Monti, che sarebbe più tardi divenuto suo autista ed assistente[2].

Terminate le scuole elementari, Ettore fu iscritto a quelle tecniche, dove continuò a dare prova della sua indole ribelle ed inquieta. Immerso nella propaganda interventista dei mesi immediatamente precedenti all'entrata del Regno d'Italia nella Prima guerra mondiale, si rese protagonista di un curioso episodio. Dopo aver assistito ad una lezione del proprio professore, di inclinazioni socialiste e pacifiste, fu invitato a scrivere un tema sullo "Studente esemplare": Ettore riportò fedelmente le opinioni del professore, descrivendo il tipo dello studente pacifista, volenteroso, schivo delle cattive compagnie, ma chiosando con la frase "Questo però non è un ragazzo, ma un aborto di natura". L'episodio fece naturalmente scandalo, ma Ettore fu difeso dalla madre, che accoglieva con malcelato orgoglio le inclinazioni del figlio[1].

A 13 anni non ancora compiuti fu espulso da tutte le scuole del Regno per aver colpito a pugni un insegnante. Non si scompose molto per questa sanzione e a 14 anni fuggì di casa per arruolarsi come volontario nella prima guerra mondiale, ma i carabinieri lo respinsero. L'anno seguente ritentò e, dopo aver falsificato la sua data di nascita nei documenti, riuscì ad entrare prima nel 6º reggimento di fanteria della Brigata Aosta e poi negli Arditi.[3].

Al fronte si distinse per l'audacia e le imprese spericolate: si rese famoso quando il reparto di 800 uomini al quale apparteneva fu mandato a formare una testa di ponte sulla riva di un fiume da attraversare: il suo gruppo riuscì nell'impresa ma, all'arrivo dei rinforzi, degli 800 uomini iniziali ne erano rimasti soltanto 23, tra i quali lo stesso Muti.

Venne perciò proposto per la Medaglia d'oro al valor militare, ma Muti rifiutò nel tentativo di nascondere che si trovava sotto le armi sotto falso nome, in quanto minorenne. I superiori, insospettiti, scoprirono la sua vera identità, e lo rispedirono a casa.[1]

Gabriele D'Annunzio coniò per lui l'appellativo di «Gim dagli occhi verdi» durante l'Impresa di Fiume, alla quale Muti partecipa con entusiasmo. I combattimenti veri e propri non sono molti e ciò gli permette di compiere numerose imprese spericolate che, come la particolarità della vicenda fiumana dimostra nel suo complesso, hanno talvolta più del goliardico che del militaresco.

« Voi siete l'espressione del valore sovrumano, un impeto senza peso, un'offerta senza misura, un pugno d'incenso sulla brace, l'aroma di un'anima pura »
(Gabriele D'Annunzio riguardo Ettore Muti[1])

L'adesione al Partito Fascista[modifica | modifica sorgente]

Ettore Muti in tenuta di volo

Durante l'esperienza fiumana incontrò Benito Mussolini, dal quale rimane subito affascinato. Rientrato da Fiume, Muti entra a far parte dei fasci di combattimento, comandando diverse azioni e subendo alcuni arresti. Il 29 ottobre 1922 sarà alla testa dei fascisti che occupano la prefettura di Ravenna, durante le operazioni svoltesi sul territorio nazionale contemporaneamente alla Marcia su Roma. Con l'istituzionalizzazione delle squadre d'azione, Muti inizia la carriera nella Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale (MVSN), corpo creato per inquadrare le squadre fasciste. Nel 1923 è comandante della coorte di Ravenna e nel 1925 diventa console (pari al grado di colonnello nei gradi militari)[3].

La sua vita è sempre spensierata ed irrequieta: organizza feste, frequenta belle donne, guida auto sportive, sfreccia con la sua Harley Davidson nelle campagne romagnole e romane. Nel settembre 1926 si sposa con Fernanda Mazzotti, figlia di un banchiere che non è d'accordo con le nozze. Nel 1929 nascerà la sua unica figlia, Diana. Il 13 settembre 1927 Muti subisce un attentato, mai ben chiarito, nella piazza principale di Ravenna. Un bracciante (tale Lorenzo Massaroli) gli spara due volte al braccio e all'inguine. L'attentatore viene ucciso sul posto dal federale Renzo Morigi (medaglia d'oro nel 1932 nel tiro alla pistola alle Olimpiadi di Los Angeles), noto rivale di Muti, immediatamente accorso.

Dopo una degenza in ospedale, Muti viene trasferito a Trieste, dove comanda la terza legione della milizia portuale e fa la conoscenza del Duca Amedeo d'Aosta, che lo convince a entrare nella neonata Regia Aeronautica. Non essendo riuscito ad integrarsi bene a Trieste (tornava sempre a Ravenna quando poteva), ed entusiasmatosi per la nuova avventura, accetta l'offerta di buon grado.[1]

Dall'Etiopia al secondo conflitto mondiale[modifica | modifica sorgente]

Ettore Muti

L'arma azzurra segna per lui una svolta: Muti si appassiona subito al volo e, pur di entrare in aeronautica, accetta il declassamento al grado di tenente. Durante la guerra d'Etiopia si mette subito in luce, nonostante l'assenza di aviazione avversaria, ricevendo due medaglie d'argento. Nelle fasi finali del conflitto entra nella squadriglia Disperata con Galeazzo Ciano (di cui diventerà amico), Roberto Farinacci e Alessandro Pavolini.[1]

Nel 1936 torna in Italia accolto da eroe, ma parte nuovamente, poco dopo, per partecipare, con lo pseudonimo di Gim Valeri, alla Guerra di Spagna. Nel conflitto guida la sua squadriglia, bombardando i porti delle città controllate dai repubblicani: per queste missioni viene decorato con varie medaglie d'argento e, nel 1938, con una medaglia d'oro. Dalla Spagna torna con il soprannome di battaglia di "Cid alato" e con l'ulteriore onorificenza dell'Ordine Militare di Savoia. Nel 1939 partecipa all'Invasione dell'Albania al comando di truppe motorizzate e lì, nonostante la scarsa opposizione, riceve un'altra medaglia che lo farà definire "il più bel petto d'Italia".

Tornato dall'Albania, diventa, su proposta di Ciano, segretario del Partito Nazionale Fascista (PNF). In questa veste, pur godendo di grandi poteri, non si trova però a suo agio e, col pretesto di andare "là dove c'è bisogno", si fa inviare al fronte col grado di tenente colonnello. Combatte prima in Francia e poi nei cieli d'Inghilterra con grande valore, ma si accorge subito che la guerra è stata affrontata con approssimazione e leggerezza.[senza fonte] Lascia volontariamente la segreteria del partito in quanto si definisce non un uomo da scrivania, ma d'azione, e smette di frequentare quei gerarchi che giudica negativamente, perdendo anche l'amicizia creata con Ciano.[1]

Nel 1940 commissiona al giovane architetto Luigi Moretti l'allestimento e l'arredo della sua residenza romana, presso l'antica torre di Porta San Sebastiano. Nell'estate del 1943 entra nel piccolo Servizio Informazioni Aeronautica (SIA)[4], un servizio segreto militare interno all'arma, ed inizia a frequentare un'attrice cecoslovacca di nome Edith Ficherova, in arte Dana Harlova, che si spaccia per una contessa, ma che è sospettata di essere una spia tedesca o inglese.

La morte[modifica | modifica sorgente]

Ettore Muti

Il 25 luglio, giorno della caduta di Mussolini, Muti è in Spagna per conto del SIA, per cercare di recuperare un radar da un aereo americano precipitato, ma è stata avanzata l'ipotesi che gli scopi della missione potessero essere diversi data la concomitanza di trattative riservate fra rappresentanti di Badoglio e del governo inglese[4].

Rientra a Roma il 27 luglio per ritirarsi in una villetta presa in affitto a Fregene, in via della Palombina 12[1]. Dopo la deposizione di Mussolini, Muti si era posto agli ordini del Re, sebbene restasse in ottimi rapporti con il generale von Richthofen, collaboratore del maresciallo Kesselring, e con ciò che restava della 134ª Divisione corazzata "M" delle MVSN, ora divenuta 136ª divisione corazzata "Centauro II". Al rientro dalla missione fu convocato da Badoglio, che intendeva verificare la sua lealtà agli ordini del Re e assegnargli il comando di una divisione corazzata di camicie nere attestata presso Bracciano, che non aveva alcuna intenzione di passare agli ordini del nuovo governo[4], incontrando il rifiuto di Muti[4].

Il 10 agosto un rapporto dei carabinieri inviato a Badoglio indica in Muti il comandante, o almeno uno dei partecipanti, a un progetto di insurrezione per la restituzione a Mussolini della guida della nazione[4]. La notte tra il 23 e il 24 agosto 1943 il tenente dei carabinieri Taddei si presenta alla villa di Muti con una decina di uomini, oltre a uno (carabiniere Costiero) aggiuntosi durante una breve sosta alla stazione dei carabinieri di Maccarese[4] e un personaggio non identificato in divisa kaki. Muti vi si trovava con la Ficherova[4]. Il primo commento ufficiale è dell'Agenzia Stefani, il 25 agosto:

« A seguito dell'accertamento di gravi irregolarità nella gestione di un ente parastatale, nelle quali risultava implicato l'ex segretario del P. N. F., Ettore Muti, l'Arma dei Carabinieri procedeva nella notte dal 23 al 24 corrente [agosto] al fermo del Muti a Fregene. Mentre lo si conduceva alla caserma sono stati sparati dal bosco alcuni colpi di fucile contro la scorta. Nel momentaneo scompiglio egli si dava alla fuga ma, inseguito e ferito da colpi di moschetto tirati dai carabinieri, decedeva. »

Le vicende di cui si parla non furono mai chiarite e nemmeno chi avesse sparato i colpi dalla pineta in cui arrestato e scorta si erano diretti a piedi (anziché tornare alle auto)[4]. Nella sparatoria l'unico ad essere raggiunto dai colpi fu Ettore Muti, il cui berretto, recuperato fortunosamente dalla famiglia[5] e tuttora esistente, reca due fori di proiettile sparati a distanza ravvicinata: uno sulla parte posteriore, in corrispondenza della nuca, l'altro davanti, che attraversa la visiera[4]. Diverse altre circostanze confermano la tesi dell'esecuzione politica dello scomodo personaggio, definito da Badoglio "una minaccia" in una lettera spedita poco prima (il 20 agosto del 1943), al capo della polizia Carmine Senise. Essa recita testualmente:

« Muti è sempre una minaccia. Il successo è solo possibile con un meticoloso lavoro di preparazione. Vostra Eccellenza mi ha perfettamente compreso »
([6])

Badoglio avrebbe in seguito ammesso di aver scritto il biglietto, ma sostenuto che non sia mai stato recapitato[4]. Fra le ipotesi sull'eventuale movente, la supposta partecipazione a progetti di insurrezione oppure la possibile venuta a conoscenza delle trattative segrete a Madrid con gli inglesi o l'impossessamento di materiali o informazioni compromettenti[4]. Dopo la guerra, dei presenti al momento dell'arresto, nessuno intese dare la sua versione dell'accaduto: né la Ficherova (intanto andata sposa ad un diplomatico spagnolo), né l'attendente di Muti (Masaniello), né la cameriera Concettina Verità[4]. Era ospite di Muti, la sera dell'arresto, anche un vecchio amico, Roberto Rivalta, che dopo aver detto di aver identificato il misterioso uomo in divisa kaki, fu arrestato e tradotto al carcere di Ravenna, ove fu in seguito trovato assassinato[4]. Uno dei carabinieri che avevano partecipato all'arresto[7] aveva rilasciato alla polizia della RSI, quando questa indagò sulla morte di Muti, una versione suffragante l'ipotesi dell'esecuzione, sebbene questa testimonianza sia poi stata considerata "non spontanea"[4].

Secondo altre fonti, il presunto ordine di Badoglio e la testimonianza del carabiniere sono dei falsi creati dalla propaganda[8] e dai servizi segreti della RSI, suggeriti dal direttore del Popolo di Alessandria (periodico dei Fasci Repubblicani), Gian Gaetano Cabella[8]: supposizione basata sul fatto che durante l'inchiesta sulla morte di Ettore Muti, svolta nel dopoguerra, il carabiniere ritrattò gran parte della sua testimonianza. Dopo l'armistizio la figura di Muti fu ampiamente celebrata nella Repubblica Sociale Italiana e a lui vennero intitolate:

A tutt'oggi Ettore Muti detiene il record mondiale di ore di volo in guerra e quello italiano per le medaglie conquistate in azioni di guerra[1].

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Cavaliere dell'Ordine Militare di Savoia (Spagna 1936/1939) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Militare di Savoia (Spagna 1936/1939)
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
Cavaliere dell'Ordine Coloniale della Stella d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Coloniale della Stella d'Italia
Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
«Ufficiale superiore pilota, volontario fra i primi in una missione di guerra combattuta per l’affermazione dei più alti ideali fascisti, si distingueva per eccezionale attività bellica svolta con ammirevole fervore e con dedizione assoluta. Già distintosi precedentemente per valore e coraggio e sempre pronto ad ogni più rischiosa missione, eseguiva nel periodo di un anno oltre 160 azioni di bombardamento colpendo efficacemente il nemico nei più lontani e vitali obiettivi. Più volte attaccato dai caccia avversari, durante l’espletamento della sua ardimentosa attività di bombardiere, impegnava, per tredici volte aspro combattimento in condizioni di assoluta inferiorità, riuscendo sempre a respingere gli attacchi e conducendone due vittoriosamente con l’abbattimento in fiamme di due apparecchi avversari. Cielo di Spagna, aprile 1937 - aprile 1938.»
Medaglia d'Argento al Valor Militare (Cielo di Dessie, Goggiam, Aussa, febbraio 1936) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Argento al Valor Militare (Cielo di Dessie, Goggiam, Aussa, febbraio 1936)
Medaglia d'Argento al Valor Militare sul campo (Cielo di Addis Abeba, 30 aprile 1936) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Argento al Valor Militare sul campo (Cielo di Addis Abeba, 30 aprile 1936)
Medaglia d'Argento al Valor Militare (Cielo di Spagna, luglio-novembre 1936) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Argento al Valor Militare (Cielo di Spagna, luglio-novembre 1936)
Medaglia d'Argento al Valor Militare - (Cielo di Spagna, 12 aprile 1937) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Argento al Valor Militare - (Cielo di Spagna, 12 aprile 1937)
Medaglia d'Argento al Valor Militare (Cielo di Tortosa, Sarrion, Albertosa, Vivier, Valencia e Catalogna, aprile 1936-marzo 1939) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Argento al Valor Militare (Cielo di Tortosa, Sarrion, Albertosa, Vivier, Valencia e Catalogna, aprile 1936-marzo 1939)
Medaglia d'Argento al Valor Militare (Cielo di Durazzo e di Tirana, 7 agosto 1939) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Argento al Valor Militare (Cielo di Durazzo e di Tirana, 7 agosto 1939)
Medaglia d'Argento al Valor Militare sul campo (Cielo del Mediterraneo Orientale, luglio-agosto 1940) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Argento al Valor Militare sul campo (Cielo del Mediterraneo Orientale, luglio-agosto 1940)
Medaglia d'Argento al Valor Militare (Cielo del Mediterraneo e di Grecia, Sett. 1940 - Genn.1941) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Argento al Valor Militare (Cielo del Mediterraneo e di Grecia, Sett. 1940 - Genn.1941)
Medaglia d'Argento al Valor Militare (Cielo di Bahrein, 20 ottobre 1940) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Argento al Valor Militare (Cielo di Bahrein, 20 ottobre 1940)
Medaglia d'Argento al Valor Militare (Cielo del Mediterraneo Orientale, marzo 1942) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Argento al Valor Militare (Cielo del Mediterraneo Orientale, marzo 1942)
Medaglia di Bronzo al Valor Militare (Cielo di Chidana Mierat, 30 dicembre 1935) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di Bronzo al Valor Militare (Cielo di Chidana Mierat, 30 dicembre 1935)
Medaglia di Bronzo al Valor Militare (3 concessioni) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di Bronzo al Valor Militare (3 concessioni)
5 Croci al merito di guerra - nastrino per uniforme ordinaria 5 Croci al merito di guerra
Medaglia commemorativa della Marcia su Roma - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della Marcia su Roma
Medaglia commemorativa della spedizione di Fiume - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della spedizione di Fiume
Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 18 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 18
Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia
Medaglia commemorativa italiana della vittoria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa italiana della vittoria
Medaglia commemorativa delle operazioni militari in Africa orientale (ruolo combattenti) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa delle operazioni militari in Africa orientale (ruolo combattenti)
Croce di anzianità di servizio della MVSN - nastrino per uniforme ordinaria Croce di anzianità di servizio della MVSN
Croce di Ferro di I e II classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I e II classe
Medaglia Commemorativa della Guerra di Spagna (1936-38) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Commemorativa della Guerra di Spagna (1936-38)
2 Cruz por la Unidad Nacional Española - nastrino per uniforme ordinaria 2 Cruz por la Unidad Nacional Española
Medaglia della Guerra in corso (2 stellette) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia della Guerra in corso (2 stellette)
Medaglia Commemorativa della Spedizione in Albania - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Commemorativa della Spedizione in Albania

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j Arrigo Petacco, Ammazzate quel fascista! Vita intrepida di Ettore Muti, Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 2003
  2. ^ Vittorio Emiliani (2009) Orfani e bastardi: Milano e l'Italia viste dal "Giorno", pag. 75 e 290. Donzelli editore.
  3. ^ a b Ettore Muti in Dizionario Biografico degli Italiani
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n Roberto Roggero, Oneri e onori: le verità militari e politiche della guerra di liberazione in Italia, Greco & Greco, 2006 - ISBN 88-7980-417-0
  5. ^ Sarebbe stato sostituito dai familiari durante la visita per il riconoscimento della salma all'ospedale Celio di Roma (Roggero, op. cit.)
  6. ^ Indro Montanelli, Quello di Ettore Muti fu proprio un assassinio, Corriere della Sera, 16 dicembre 1998, pag. 41; nell'articolo, però, il celebre giornalista toscano non reputa veritiera questa missiva: scrive infatti Montanelli "Questo messaggio è certamente un falso: né un uomo cauto come Badoglio lo avrebbe messo per iscritto, né un poliziotto ancora più cauto come Senise lo avrebbe eseguito".
  7. ^ Il detto carabiniere Costiero (Roggero, opera citata)
  8. ^ a b Massimiliano Griner, La pupilla del Duce, Edizioni Bollati Boringhieri, Torino, 2004, pag. 61

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Arrigo Petacco, Ammazzate quel fascista! Vita intrepida di Ettore Muti, Mondadori, 2003 ISBN 88-04-52383-2
  • Saturno Carnoli e Paolo Cavassini, Nero Ravenna - la vera storia dell’attentato a Muty, Edizioni del Girasole, Ravenna, 2002
  • D. Carafoli - Bocchini Padiglione Ettore Muti Mursia, Milano ISBN 9788842530213

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Segretario del PNF Successore National Fascist Party logo.svg
Achille Starace 31 ottobre 1939 - 30 ottobre 1940 Adelchi Serena

Controllo di autorità VIAF: 8198624 LCCN: n2003038925