Elena Nicolai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elena Nicolai nel film Il boom (1963)

Elena Nicolai, nome d'arte di Elena Stojanka Savova Nikolova (Tserovo, 24 gennaio 1905Milano, 23 ottobre 1993), è stata un mezzosoprano e attrice bulgara naturalizzata italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque in un piccolo centro rurale a circa 50 km a nord-est di Sofia, ma crebbe nel vicino comune di Panagjurište. Dopo essersi diplomata al college americano di Simeonovo, prese lezioni di canto private con il maestro Ivan Vulpe sperando nell'ammissione al conservatorio di Sofia, dove però fu respinta per le lacune in solfeggio e pianoforte; emigrò allora negli Stati Uniti presso il fratello, dove affiancò all'attività lavorativa gli studi di filosofia e di italiano presso l'Oberlin Conservatory of Music.

Dopo aver ripreso gli studi di canto a Genova, nel 1930 venne ammessa al conservatorio di Milano dove si perfezionò con Vincenzo Maria Pintorno, vincendo il primo premio in un concorso. Debuttò in modo non troppo felice nel 1932 come Maddalena nel Rigoletto, ma continuò tuttavia a studiare, esordendo ufficialmente con il nome d'arte nel 1938, questa volta positivamente, come Annina nel Cavaliere della rosa al Teatro San Carlo di Napoli.

Nel 1941 esordì al Teatro alla Scala nell'Adriana Lecouvreur, divenendo per vent'anni uno dei primi mezzosoprani del teatro milanese e cantandovi stabilmente fino alle recite di addio in Hansel e Gretel nel 1959. Si esibì inoltre nei maggiori teatri italiani (in particolare all'Arena di Verona, dove apparve regolarmente dal '46 al '54) ed europei (Svizzera, Francia, Spagna, Bulgaria), oltre che in Sudamerica ed Egitto.

Dopo il ritiro dalle scene liriche visse anche una breve, ma significativa carriera cinematografica, apparendo in 7 film tra il 1963 e il 1968; di particolare rilevanza è il ruolo sostenuto ne Il boom, con protagonista Alberto Sordi e la regia di Vittorio De Sica.

Vocalità e personalità interpretativa[modifica | modifica wikitesto]

Dotata di una voce molto estesa, calda e potente, sorretta da un'ottima preparazione tecnica, è considerata come uno dei maggiori mezzosoprani drammatici del secondo dopoguerra[senza fonte], grazie anche al vibrante temperamento, alla dizione nitida e alla versatilità. Secondo alcuni critici la sua voce sarebbe da classificare come falcon, per il timbro sopraneggiante e per la capacità di sostenere senza sforzo le tessiture elevate.

Repertorio[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Anno Opera Ruolo Cast Direttore Etichetta
1949 Adriana Lecouvreur Principessa di Bouillon Mafalda Favero, Nicola Filacuridi, Luigi Borgonovo Federico Del Cupolo Colosseum/RCA
1951 La Vestale La gran Vestale Maria Vitale, Renato Gavarini, Alfredo Fineschi Fernando Previtali Cetra
1953 Cavalleria rusticana Santuzza Mario Del Monaco, Aldo Protti Franco Ghione Decca
1954 Don Carlo Principessa d'Eboli Mario Filippeschi, Boris Christoff, Antonietta Stella, Tito Gobbi, Giulio Neri Gabriele Santini HMV
1954 La forza del destino Preziosilla Maria Callas, Richard Tucker, Carlo Tagliabue, Nicola Rossi-Lemeni, Renato Capecchi Tullio Serafin Columbia/EMI

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Elena Nicolai, La mia vita fra i grandi del melodramma, Parma, Azzali, 1993, p. 200.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 32194859